Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 11 luglio 2024 - Numero 330

Stato e imprese per la rinascita dell’Italia

L'Unione Europea ha scelto di finanziare con il Pnrr un gigantesco piano di investimenti pubblici
L'Unione Europea ha scelto di finanziare con il Pnrr un gigantesco piano di investimenti pubblici
Condividi su

di ANTONIO GOZZI

La crisi del Coronavirus ha fatto sì che la Commissione Europea abbia drasticamente allentato i vincoli e i divieti in materia di aiuti di Stato alle imprese, consentendo agli Stati membri interventi di sostegno all’economia mai visti prima.

Come ha scritto giustamente Romano Prodi in un suo bellissimo articolo sul ‘Mattino’ di Napoli di qualche giorno fa “…come è successo in tutte le grandi crisi anche questa inattesa pandemia ha rimesso in gioco il ruolo dello Stato nell’economia…”.

Per molti decenni il mainstream neo-liberista era stato quello di relegare al minimo possibile il ruolo della mano pubblica nei vari settori economici promuovendo, in molte nazioni del mondo e specialmente in Europa, ‘privatizzazioni’ e dismissioni e cioè il passaggio dallo Stato ai privati di industrie, banche, imprese di servizi.

Per molto tempo perfino parlare di politica industriale è stato difficile, soprattutto se questa, invece di limitarsi alla sola politica di fattori come innovazione, ricerca, esternalità, formazione, si spingeva alla ricerca di una visione strategica, di un disegno complessivo, talvolta nazionale talvolta europeo, di sostegno ai nostri campioni industriali nella competizione con i grandi conglomerati statunitensi, cinesi, giapponesi, coreani.

Non era di per sé vietato un intervento diretto dello Stato nell’industria europea ma la regola era che questo intervento doveva avvenire seguendo l’approccio che avrebbe usato “un avveduto investitore privato”. In realtà dietro questa presunta regola aurea di ingaggio si è sempre celato il mantenimento di un enorme potere discrezionale, e quindi politico, della Commissione Europea su ciò che gli Stati potevano o non potevano fare.

A conferma di ciò il fatto che la Commissione non ha mai voluto chiarire i termini e i criteri della ‘avvedutezza’: un ritorno annuale dell’investimento effettuato superiore al 20% dell’investimento come quello richiesto dai più aggressivi fondi o un’aspettativa annuale molto meno importante tipica degli investitori industriali di lungo periodo?

Non parliamo poi dell’atteggiamento della Commissione riguardo ai tentativi di razionalizzazione o concentrazione dell’industria europea.

Sono rimaste famose alcune decisioni, ancora oggi incomprensibili, della Commissione Europea ed in particolare della sua Direzione deputata, la DG 4 Concorrenza, di impedire o comunque di condizionare accordi, acquisizioni, fusioni industriali intraeuropee; e ciò per contrastare il crearsi di presunte posizioni dominanti nel continente, rifiutando di riconoscere che per quei settori la competizione, e quindi il mercato da prendere a riferimento, non era quello europeo ma quello mondiale.

Ricordo al riguardo due casi che hanno coinvolto l’Italia. Il primo, di qualche anno fa, ha visto da parte della DG4 il diniego opposto a Outokumpu, grande gruppo finlandese che opera nel campo dell’acciaio inossidabile, che voleva comprare la Terni messa in vendita dalla tedesca Thyssen Krupp; il secondo, più recente, riguardante la fusione tra la nostra Fincantieri e la francese SXT, rispetto alla quale Francia e Germania hanno chiesto e ottenuto dalla Commissione Europea l’avvio di un’indagine per concentrazione relativa all’aggiudicazione da parte di Fincantieri della maggioranza degli storici cantieri navali francesi messa in vendita dal tribunale fallimentare di Seul. Tale indagine è tuttora in corso e non si hanno notizie al riguardo.

La logica proclamata della Commissione Europea è stata sempre la stessa: impedire che attraverso l’intervento, diretto o indiretto, degli Stati membri nelle attività industriali si creasse un’alterazione delle condizioni concorrenziali intrasettoriali e tra i vari Paesi membri.

Questa logica è diventata quasi una religione e, specie nell’ultimo mandato, questa religione ha trovato la sua sacerdotessa nell’inflessibile danese Margrethe Vestager, fustigatrice degli Stati troppo interventisti e gelosa custode di un rigidissimo approccio al tema degli aiuti di Stato.

Avendo io vissuto e lavorato a Bruxelles per oltre 15 anni, ed avendo visto da vicino operare questa burocrazia guardiana comunitaria (quella della Commissione) e le sue ‘vedettes’, l’ultima delle quali è appunto è la Vestager, ho sempre pensato,  mutuando un adagio del vecchio Nenni, che la Commissione Europea spesso si sia comportata “da debole con i forti e da forte con i deboli”.

In particolare, nonostante le regole e l’inflessibilità dell’approccio comunitario e delle sue burocrazie, Germania e Francia sovente sono state trattate dalla DG4 con ben altra accondiscendenza e flessibilità. Due esempi clamorosi: i ripetuti interventi della Francia con iniezioni di miliardi di euro nei Chantiers de l’Atlantique (oggi SXT) per evitarne il fallimento; e il gigantesco intervento della Germania in molte banche regionali, anche qui per evitarne il fallimento, avvenuto prima della rigidissima disciplina europea del bail-in.

Oggi è cambiato tutto. La spaventosa crisi del Covid-19 e le sue drammatiche ripercussioni sull’economia hanno fatto sì che l’indirizzo cambiasse radicalmente e rapidamente, con un’apertura gigantesca agli interventi degli Stati, richiesta e ottenuta prima di tutto dalla Germania.

In meno di due mesi dall’approvazione delle nuove regole al 30 aprile la DG Concorrenza ha già autorizzato, con procedure rapidissime, aiuti da parte degli Stati membri per circa 1900 miliardi di euro volti a sostenere le imprese con interventi di vario tipo.

Tutto bene dunque? Beh non proprio. Vi è infatti un’enorme differenza tra gli aiuti autorizzati ai vari Stati dell’Unione, differenza che sembra proporzionale alla disponibilità di finanza pubblica da parte degli Stati stessi.

Dei 1900 miliardi di euro autorizzati più della metà (il 52%) sono della Germania; molto meno per gli altri. Il 17% è della Francia, il 17% dell’Italia, il 4% del Regno Unito (ancorché sotto Brexit), il 3% del Belgio e meno del 2% della Spagna.

È chiaro cosa questo significhi. 1000 miliardi di Euro, tra finanziamenti e fondo perduto concessi dalla Germania alla sua industria, che è già di gran lunga la più forte d’Europa, rischiano, questa volta veramente, di stravolgere il mercato unico e i suoi equilibri concorrenziali, trasformando una crisi sanitaria simmetrica in una crisi economica asimmetrica e rendendo i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri, alla faccia di ogni principio e criterio di ‘convergenza’ all’interno dell’Unione.

Ci sono fondamentalmente tre riflessioni stimolate da ciò che sta accadendo.

  1. Gli interessi nazionali segnano e condizionano l’azione europea anche nella drammaticità della crisi. L’Unione  procede impacciata ogni volta che si tratta di fare scelte solidaristiche e di sostegno ai più deboli. Per ora l’unica azione importante è quella della BCE che, dopo le titubanze iniziali della Lagarde, sta agendo velocemente e autonomamente dagli Stati e dalla Commissione. Ogni volta che si tratta di azionare strumenti comunitari, siano essi il MES o il progettato Recovery Fund, scoppiano le contraddizioni.
    Queste contraddizioni, in definitiva, ruotano sempre intorno al ruolo e alla posizione della Germania (con tutto il rispetto, nessuno crede che l’Olanda possa determinare il futuro dell’Europa contro una coalizione di Stati che vede tra gli altri Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Belgio, Grecia ecc.).
    Nonostante un forte dibattito in Germania tra diverse posizioni, alcune delle quali di pieno sostegno ad una visione solidaristica nei confronti degli Stati più deboli, e un richiamo di molti autorevoli economisti e osservatori tedeschi al fatto che atteggiamenti egoistici e ‘sovranisti’ sono destinati a danneggiare innanzitutto l’economia tedesca, sembrano alla fine prevalere pregiudizi e interessi silenziosamente egemonici, che condizionano e rallentano le decisioni politiche anche della Cancelliera Angela Merkel.
    Manca per ora in Germania una visione strategica di lungo periodo condivisa e favorevole alla costruzione di una vera solidarietà europea così come dimostra la sentenza di pochi giorni fa della Corte Costituzionale tedesca che cerca di rimettere in discussione la libertà decisionale della BCE.
    Noi gente del Mediterraneo non possiamo dimenticare cosa è stato fatto alla Grecia per la stessa mancanza di visione strategica, per gli stessi interessi e pregiudizi, per la medesima lentezza nelle decisioni; un disonore che è difficile cancellare anche per noi italiani rimasti all’epoca silenziosi e passivi. Le scuse postume ai greci non sono sufficienti.
  2. C’è il rischio che la dimensione degli aiuti alle imprese tedesche crei un vero cataclisma negli equilibri industriali europei, rinforzando ulteriormente un apparato produttivo probabilmente già sovradimensionato e obbligato, per reggere, ad esportare sempre. La Germania vince così la terza guerra mondiale? Non si tratta tanto di questo, quanto del perdurare in futuro di uno squilibrio strutturale della bilancia commerciale tedesca, fonte di eterni squilibri con gli altri paesi dell’Unione e non, così come denunciato dagli Usa già con la presidenza Obama.
  3. L’Italia deve cogliere questa occasione che consente allo Stato di intervenire nell’economia del Paese. Il nostro Paese negli ultimi 20 anni è stato la cenerentola d’Europa quanto a crescita, appesantito da un grande debito pubblico che ha portato alla contrazione di tutti gli investimenti in infrastrutture, formazione, ricerca, sanità, rinunciando così ad un moltiplicatore macroeconomico e ampliando il gap e lo squilibrio con gli altri paesi europei più ricchi.

Il tema è riflettere bene sulle caratteristiche di un grande piano di rilancio del Paese e sulle modalità e le regole con le quali lo Stato interverrà,  evitando nazionalizzazioni inefficienti o salvataggi senza prospettiva, ma al contempo sfruttando la forza del possibile sostegno pubblico al nostro apparato industriale manifatturiero che resta comunque il secondo d’Europa e che, pur ridimensionato negli ultimi 10 anni, ha ancora enormi potenzialità.

La storia dell’Italia moderna al riguardo insegna. Non si deve avere vergogna di dire, e lo fa un imprenditore privato, che il capitalismo italiano è stato storicamente debole e con limiti gravi nelle sue masse critiche e nella sua capacità di accumulazione. Senza il ruolo e l’intervento dello Stato a partire dagli anni 30 del secolo scorso l’Italia sarebbe rimasto un paese industrialmente debole, e molto meno importante nel rango internazionale.

Siderurgia, meccanica pesante, cantieristica, elettronica, chimica, energia, telecomunicazioni si sono sviluppate grazie a giganteschi investimenti e interventi pubblici e ad una visione strategica globale che era in definitiva quella della modernizzazione del Paese e della sua collocazione tra i grandi paesi industriali del mondo, visione che per molti anni ha costituito la forza delle Partecipazioni Statali. 

Questo irripetibile sistema di stato-imprenditore non ha generato solo hardware (impianti industriali nei vari settori) ma anche un software d’eccellenza fatto di competenze, know-how, modelli manageriali e organizzativi spesso importati dagli Usa, ed ha sorretto la crescita e lo sviluppo di moltissime imprese private coinvolte nelle catene di subfornitura.

Le imprese pubbliche sono state per molto tempo delle straordinarie palestre di management.

Non mi stancherò mai di ripetere che Duferco ad esempio non sarebbe mai esistita se insieme al suo fondatore (giovane manager delle Partecipazioni Statali che negli anni ’70 aveva deciso di vivere l’avventura dell’impresa  privata) non vi fossero stati decine e decine di manager provenienti dall’Italsider, dall’Ansaldo, dalla Nira che hanno costituito per più di trenta anni la struttura manageriale della Duferco e che hanno reso possibile il nostro percorso di crescita nazionale e internazionale.

È altrettanto vero che ad un certo punto della storia d’Italia, questa visione, questa eccellenza è venuta meno, le perdite dell’avventura imprenditoriale dello Stato sono diventate ingentissime e il rapporto con la politica e il sindacato è degenerato nel clientelismo e nell’assistenzialismo.

Le privatizzazioni e le dismissioni dell’ultima decade del secolo scorso sono state la conseguenza di questo declino anche se bisogna onestamente riconoscere che non hanno dato grandissimi risultati. E così succede che i grandi campioni nazionali  che ancora esistono e che consentono all’Italia di avere ancora delle grandi imprese sono ENI, Enel, Leonardo, Fincantieri, Terna, tutte imprese partecipate o possedute dallo Stato.

Si fa un gran parlare in questi giorni di quale debba essere il profilo giusto dell’intervento dello Stato a favore delle imprese in Italia. Dibattito piuttosto teorico per la verità, tenuto conto che la resistenza delle banche e la burocrazia hanno fatto sì che liquidità alle imprese finora non ce ne sia stata, diversamente da quanto avvenuto in Germania o Francia.

Prescindendo dall’attuazione concreta delle misure vi è chi ha addirittura paventato il rischio che l’intervento pubblico, fatto prevalentemente con finanziamenti da restituire (l’Italia non si può permettere troppo fondo perduto), si trasformi in nazionalizzazioni surrettizie. Il Ministro Gualtieri ha negato con forza questo rischio durante la sua audizione in Parlamento.

A me sembra che l’occasione di un così poderoso intervento dello Stato nell’economia del Paese sia un’opportunità e vada sfruttata e ciò per una serie di ragioni:

  1. Lo Stato ha innanzitutto una straordinaria occasione per sbloccare edilizia e opere pubbliche. Come Matteo Renzi dice da mesi ci sono progetti già finanziati per oltre 100 miliardi di euro che possono partire subito e riguardano strade, ferrovie, porti, scuole, ospedali, opere di difesa del suolo ecc. Si può cogliere l’occasione affinché l’episodio ‘ponte di Genova’ non sia un’eccezione, ma sia finalmente consentito con una legge ad hoc di sbloccare impedimenti burocratici e pastoie e dare il via ad investimenti che sarebbero un formidabile moltiplicatore keynesiano. L’immobilismo della Pubblica Amministrazione non può essere l’unica legalità consentita, come ama ripetere il direttore del ‘Foglio’ Cerasa.
  2. Anche l’attività delle imprese va liberata il più possibile dal giogo delle burocrazie guardiane e dalla caterva di norme giuridiche e amministrative che le asfissiano, perché per gestire il nostro enorme debito futuro bisogna far crescere il PIL; e il PIL cresce se le imprese sono libere di operare e di sprigionare i loro animal spirits.
  3. Gli interventi dello Stato nelle imprese devono essere a tempo, già prevedendo ora, ex ante, le regole di un’uscita progressiva, ma devono anche rispondere a una visione di politica industriale volta a mantenere l’Italia nel novero dei paesi industrializzati più importanti. Innovazione, investimenti sul capitale umano, ricerca e sviluppo, investimenti in razionalizzazione e ammodernamento dell’apparato industriale del Paese e difesa dell’italianità degli asset strategici vanno sostenuti e privilegiati. Nel capitalismo francese questo è stato un comportamento costante e l’intervento dello Stato a difesa degli interessi nazionali ha strutturato l’economia d’oltralpe dal dopoguerra a oggi.
  4. La Cassa Depositi e Prestiti ha tutte le caratteristiche finanziarie e manageriali per essere il pivot professionale di tale progetto, salvaguardando la razionalità economica sia pure di lungo periodo dalle influenze della politica.

La grande sfida che sta dinanzi a tutti noi, imprenditori privati e Stato, è riuscire a ricostruire insieme una passione e una dedizione assolute per lo sviluppo, quella stessa passione e silenziosa fatica che hanno consentito ai nostri padri e ai nostri nonni di fare dell’Italia una grande nazione industriale.

Ultimi video

Sestri Levante, il consigliere Claudio Muzio: “Non voglio spaccare la maggioranza”
"Ma, a un anno dalle elezioni, si devono fare delle riflessioni e accettare il confronto. Ci sono visioni e sensibilità diverse. Incontrerò il sindaco Solinas”
Massimo Maugeri: “Il Comitato No al depuratore in colmata non è di sinistra, ha molte anime"
"Manca solo quella di Avanti Chiavari che, documenti alla mano, ha fatto pressioni per trasferire la vergognosa opera in colmata”
Alla Società Economica di Chiavari conferenza e mostra-focus sul “Cabinet d’Amateur”
Protagonisti gli asini iconoclasti di Frans Francken II, grande opera del ’600 fiammingo, che cela molti significati nascosti. Inaugurazione venerdì 12 luglio alle ore 18,30
Depuratore a Chiavari, Bucci alza un polverone e Segalerba lo sostiene: “Nessuna novità”
Poi aggiunge: “Chi ci ha votato sapeva che non avremmo cambiato idea sul depuratore in colmata”
A Chiavari l’opposizione si compatta e insorge contro l’amministrazione Messuti
Silvia Garibaldi e Nicola Orecchia additano Segalerba: “Principale responsabile della costruzione del depuratore in colmata a Chiavari”
L’antologia per i 50 anni di carriera di Sandro Giacobbe, il cantautore dall’energia inesauribile
Lontano dal modello delle rockstar, continua a raccontarci la vita tra poesia e malinconia
Elisabetta Ricci prima donna sindaco nella storia di Rapallo: "Farò in modo che i cittadini colgano il mio impegno"
Le prime parole: "Sono una persona determinata. La politica avrà il suo giusto peso, ma prima l’interesse pubblico”
Debutto con polemiche del nuovo Consiglio Comunale di Lavagna
La minoranza: “Va dato un peso 'politico' ai numeri usciti dalle urne”. Replica il sindaco Mangiante: “Non si comprende la richiesta di poter scegliere il presidente del Consiglio Comunale”
Chiavari, Antonio Bertani interroga l’amministrazione: “La disattenzione comincia dagli asili nido"
Il consigliere comunale: “Pochi i pubblici, costosi i privati”. E sulla spiaggia di Preli : “Per quanto tempo continueremo a vedere opere improvvisate, spazzate via dal mare mosso?”
A Rapallo si torna al voto. L'alleanza a sinistra di Capurro potrebbe ribaltare il risultato del primo turno?
Elisabetta Ricci: “Votare Capurro significa rischiare il commissariamento“ . Capurro: “Stanno già litigando per le poltrone. Vinceremo”. E ci anticipa la Giunta
La moda green che fa tendenza sfila a Roma, ma ha casa a Chiavari
È il brand del giovane stilista e imprenditore Jonas: “Guardo al futuro tenendo per mano il mio grande sogno di creare: così prende forma"
L’Associazione Culturale O Castello presenta tre eventi speciali di musica
“Not-t-e sotto le stelle”, ma anche Note per non dimenticare l’impegno storico, sociale e culturale dell’attività dell’Associazione
Elezioni amministrative, riconferme e volti nuovi: Alberto Mangiante a Lavagna e Guglielmo Caversazio a Santa Margherita
I due sindaci si preparano a governare e stanno mettendo a punto le nuove giunte. Conferme a Lavagna, assoluta sorpresa a Santa Margherita
Lo spacchettamento del capolinea Amt di Chiavari: “Restano vane promesse gli impegni presi dall’amministrazione"
I sindacati degli autisti accusano: "È ancora tutto fermo, aumentano soltanto i disagi per chi guida e per gli utenti, oltre al degrado in Piazza N.S. Dell’Orto"
“Le mani che plasmano ascoltando l'anima”: alla Società Economica la mostra “Impronte”
In esposizione si possono ammirare installazioni, performance e laboratori con lo scultore Balàzs Berzsenyi. Si può visitare sino al prossimo 16 giugno
Rapallo, elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Cinque liste in campo
Sfida aperta tra “UDC Libertas” (candidato sindaco Marco Casella); "Noi per Ricci Sindaco” (candidata Elisabetta Ricci); “Scegliamo Rapallo” (candidato Francesco Angiolani); “Libera Rapallo” (candidato Andrea Carannante); “Progetto Rapallo 2024" (candidato Armando Ezio Capurro, non disponibile per l’intervista)
Castiglione Chiavarese, elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Tre liste in campo
Sfida aperta tra “Per Castiglione” (candidato sindaco Giovanni Collorado); “Un nuovo domani a Castiglione” (candidato sindaco Vittorio Petrocco); “Ora si cambia” (candidata sindaco Eleonora Taddei)
Tra sole e sale, dopo la difesa della costa, Lavagna pensa in grande: presentato il progetto di fattibilità della nuova passeggiata a mare
Il sindaco Mangiante: “Aree libere e luoghi per la socialità, tutelata anche la balneazione, ci sarà pure un giardino mediterraneo"
‘Contributi per un piano industriale del Tigullio’: assemblea pubblica e nuove nomine del gruppo Tigullio di Confindustria Genova
Giancarlo Durante confermato presidente: "Ci manca una migliore organizzazione tra territori, ma noi non ci siamo mai chiusi". Le interviste ai vari protagonisti dell'incontro
Lavagna, inaugurato il restauro del Porticato Brignardello
Il sindaco Mangiante: “Dopo gli atti vandalici, restituiamo ai cittadini un simbolo che ha un profondo significato storico e culturale. Abbiamo potenziato la videosorveglianza in tutta la città”
Moneglia, elezioni amministrative: verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due le liste civiche in campo
Sfida aperta tra “Il Faro”, candidato sindaco Claudio Magro, e “Moneglia di tutti”, candidato sindaco Luigi Rollandi
L'europarlamentare Maria Angela Danzì: “Le nuove direttive europee che entreranno in vigore bocciano i depuratori invasivi"
"Questi impianti consumano energia senza recuperare l’acqua, basta sacrificare posti turistici come Chiavari danneggiandone l’economia”
Il Comitato contro il depuratore in colmata continua a sollecitare il dialogo con l’amministrazione chiavarese
Il presidente Andrea Sanguineti: “Con i volantini che ritraggono gli amministratori abbiamo voluto ricordare la grave responsabilità di ciascun componente della giunta”
Terza edizione del “Premio Mimmo Angeli’, storico direttore del Corriere Mercantile. 'Piazza Levante' premia tre giornalisti
Riconoscimenti a Ilaria D’Amico, Andrea Malaguti e Daniele Raineri. “Fare informazione oggi tra fake news e social network”. Il video integrale dell'evento
Leivi, elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno: tre liste civiche in campo
Sfida tra “Forza Leivi”, candidato sindaco Antonio Giorgio Solari; “Leivi Domani”, candidato sindaco Severino De Mattei; "Leivi Tradizione e Sviluppo”, candidato sindaco Gabriele Pisani
Intervista alla senatrice Raffaella Paita, su infrastrutture e opere pubbliche: “Sono molto preoccupata, la Liguria deve andare avanti con trasparenza e legalità"
E sul depuratore di Chiavari: “L’approccio serio del comitato rileva temi di competenza comunitaria, il mio impegno in Europa per rivedere un progetto sbagliato”
Coreglia Ligure: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Elisabetta Lavezzo, “Tutti insieme per Coreglia Ligure", ed Ermanno Noce, “Per la Nostra Gente”
Moconesi: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Giovanni Dondero, “Lista Civica Insieme per Moconesi”, ed Elio Ugolini “Con noi per Moconesi in azione”
Neirone: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Rita Stasi, “Progetto Neirone”, e Stefano Sudermania, “Lista Civica Neirone”
Elezioni amministrative a Carasco. Due liste civiche in corsa per la poltrona di sindaco
Si ricandida il primo cittadino uscente Massimo Casaretto (Insieme per Carasco) e corre anche Boris Beronio (Progetto Carasco nel Cuore)
Elezioni Amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Una sola lista a Borzonasca
Nessuno sfida il candidato sindaco Giuseppino Maschio, Lista Civica Rinnovamento e Progresso. Ora l’incognita è il quorum
Il Comitato Assistenza Malati del Tigullio rivive in omaggio alla memoria e ai valori del suo fondatore Giancarlo Mordini
Il ricordo del suo esempio, nelle parole della figlia Maria Giulia, del presidente Marco Glorialanza e del professor Michele Brignole. Una via di Lavagna gli sarà intitolata
Recco, tre liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati alla poltrona di sindaco
Parlano gli aspiranti primi cittadini: “Finalmente Recco Andrea Brunelli Sindaco”, “Impegno per Recco Dario Capurro Sindaco" e “Lista per Recco Carlo Gandolfo Sindaco”
Lavagna, la campagna elettorale è entrata prepotentemente nell’ultimo Consiglio Comunale
Mangiante: “Sono amareggiato, atteggiamento provocatorio della minoranza, che ha rifiutato il confronto”. Replica Guido Stefani dall’opposizione: “Il presidente del consiglio mi ha tolto la parola"
Chiavari, in piazza per dire no al depuratore in colmata. Sotto a Palazzo Bianco, il presidio del Comitato fischia il sindaco e la giunta
Il portavoce Andrea Sanguineti: ”Abbiamo cercato il dialogo e il confronto, ma senza risultato. Ci mobiliteremo ancora, in ballo c’è il destino della nostra città”
Don Stefano Traini: “Il problema abitativo non è un’emergenza, ma un fatto ormai strutturale”
Il direttore della Caritas Diocesana fa un quadro su povertà e disagio sociale. Fenomeni che riguardano anche il Levante e il Tigullio: "A rischio il senso di comunità”
Cogorno, due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco
Gino Garibaldi, attuale sindaco in carica (Rinnovamento per Cogorno), e Oriano Castelli, consigliere comunale all’opposizione (Obiettivo Comune)
Il consigliere comunale d’opposizione Nicola Orecchia attacca sull'Economic Forum Giannini
"È costato alle casse comunali oltre 60mila euro, ha portato a Chiavari valenti esperti per parlare di clima e turismo, ma l’amministrazione ascolta solo quando le fa comodo”
Santa Margherita Ligure: due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno
Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco: Guglielmo Caversazio, lista “Uniti per Santa”, ed Emanuele Cozzio, lista “Cozzio sindaco”
Per il secondo anno ospiti della Virtus Entella, “Mille studenti in Campo”
Assemblea d’Istituto per degli studenti del Liceo Marconi Delpino, con attività educativa all’insegna dell’impegno solidale, ecologico e della battaglia per l’ambiente
Design ante litteram: la sedia leggera di Chiavari dall'Ottocento sino ad oggi
La somma delle storie delle aziende e degli artigiani raccontate in una mostra installazione nell’ex laboratorio Guido e Anna Rocca in via Piacenza 80. Gli organizzatori: "Il rilancio deve passare attraverso il design”
Carasco verso le elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati
Parlano Giustino Minoli, lista “Carasco nel cuore”, e Alfredo Rivara, lista “Progetto per Carasco”, che sfideranno Massimo Casaretto, sindaco uscente e ricandidato
Le intuizioni di Guglielmo Marconi che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione e dell'informazione di massa
“Con il cuore e il pensiero oltre l’orizzonte, Guglielmo Marconi e la nascita della radiotelegrafia”. A 150 anni dalla nascita, alla Società Economica una mostra evento
Prendersi cura di se stessi e dei propri cari con più conoscenze e consapevolezza: ecco come
A Chiavari, alla Società Economica, un incontro promosso dall’Associazione “I Fili”. Esperti professionisti e medici illustrano un corso teorico e pratico sulla gestione e l’assistenza dell'anziano a domicilio
Raccolte ancora 400 firme contro il depuratore in colmata. Ma l’amministrazione gira la testa dall’altra parte e annuncia l’inizio dei lavori
Il Comitato No al depuratore: “Questa opera provocherà a Chiavari una ferita irreparabile che porterà la firma di questi amministratori”
Lungo le Vie dell’ardesia. A Lavagna domenica 7 aprile il IX raduno Lions di auto e moto d’epoca e moderne
Un tracciato panoramico per promuovere le bellezze naturali. Il ricavato sarà destinato all’area inclusiva per i bimbi, realizzata dal comune nel Parco Tigullio
Chiavari: l’ambulatorio Veterinario Levante diventa Clinica, si trasferisce sul mare ed entra in Ca’ Zampa
Il Direttore Sanitario Gualtiero Tanturli: “Passione e cuore perché essere veterinari è un 'lavoro' nobile, favorito da un’evoluzione di tecnologie, strumentazioni e prevenzione”
Lavagna verso le elezioni amministrative - Intervista al candidato sindaco Claudio Lapetina
È a capo della lista "Lavagna Insieme": “Significa insieme per trovare le risposte ai problemi della città. A breve presenteremo l’intera squadra"
Chiavari, il consigliere Nicola Orecchia: "Emergenza abitativa, ancora tante domande senza risposte concrete"
"L’elenco senza fine della graduatoria rappresenta la distanza siderale tra gli alloggi necessari e quelli messi a disposizione dal Comune”
"Bettina Defilla: Poesia nell'arte”: alla Galleria G.F. Grasso a Chiavari le opere dell’artista
Si tratta del primo evento del programma annuale della rassegna “L’Arte in Economica”. Il figlio Andrea Copello: “Ho selezionato le sue ultime produzioni informali”
Cantero, si parte? C’è il progetto donato da Duferco, la Regione finanzierà l’acquisto
L’appello ai chiavaresi di Antonio Gozzi: “Le iniziative devono essere in grado di stare in piedi, non possiamo costruire cattedrali nel deserto”
Gian Alberto Mangiante si ricandida ad amministrare Lavagna. "La mia lista? Di lavagnesi, coesi nell’impegno per Lavagna"
Le dichiarazioni programmatiche del nuovo impegno per la città: “Guardare al futuro con le prerogative ed il rispetto che il territorio chiede”
"Alberto Salietti, pittore” e “Diari Pittorici”. Ravenna/Chiavari e ritorno 1892–1961. Le due città celebrano l’eredità dell’artista
Claudio Castellini, presidente di Tecnica Mista e co-curatore della mostra ravennate, ci racconta le fasi del progetto realizzato in collaborazione con la Società Economica di Chiavari
Tutti contrari al depuratore in colmata a Chiavari. La politica si compatta durante l’incontro pubblico
I consiglieri regionali prendono posizione. Sandro Garibaldi: “Non c’è chiarezza nelle carte". Gianni Pastorino: “Tutti insieme vincoleremo la volontà della Giunta Regionale”
A sei mesi dallo spostamento del capolinea Amt a Chiavari, i servizi ai capolinea e la sicurezza restano un miraggio
Federico Bairo - Rsa Usb di Amt: “Il trasporto pubblico è una risorsa, non un ingombro, ma l’amministrazione lo sposta nelle zone periferiche”
Continua l’ostinato silenzio dell’amministrazione sul degrado della collina di N.S. delle Grazie a Chiavari
Massimo Maugeri di Legambiente: “Il degrado è complice dell’abbandono, ma manca l’impegno, non solo le risorse economiche”
Emanuele Cozzio annuncia la sua candidatura a Sindaco di Santa Margherita Ligure
“Dopo 10 anni di impegno amministrativo, nel prendere questa decisione sento una grande responsabilità. Tradurrò l'esperienza vissuta in una prospettiva evolutiva, rivolta anche al mondo della società civile, con cui ho avuto modo di maturare un forte legame"
Cresce l’attesa per l’incontro pubblico organizzato dal Comitato No al depuratore in colmata
Appuntamento il 9 marzo a Casa Charitas a Chiavari. I dubbi e gli interrogativi dei cittadini al microfono di 'Piazza Levante' sulla scelta che riguarda il futuro
Lavagna, domenica 10 marzo “Giornata internazionale della donna, voci e danze: storie di donne dal mondo”
Un girotondo di interventi e danze, un appello per denunciare gli eventi che hanno riportato indietro le lancette dell’orologio delle conquiste civili delle donne
Alla Società Economica è andata in scena la presentazione del nuovo progetto di ristrutturazione del Teatro Cantero
Premesse e conclusioni dell’intervento di Antonio Gozzi, presidente del Gruppo Duferco. “Un regalo alla città, ai chiavaresi, sapendo che non siamo soli”
No al Depuratore: il 9 marzo al Teatro Charitas incontro pubblico con cittadini e politici
Il presidente del Comitato Andrea Sanguineti: “Trattati come sudditi, chi amministra deve delle risposte. Restano ancora aperti tutti gli interrogativi”
Asl4 costretta dal difensore civico ad anticipare visite ed esami
Nasce lo sportello a tema sanità pubblica e registra la prima, significativa, vittoria per il Comitato Impegno Comune promosso da Davide Grillo: “Un percorso che riduce le liste d’attesa”
A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"

Altri articoli

Il Piano Mattei, una grande sfida e opportunità per l’Italia e le sue imprese

Il ruolo delle università italiane e in particolare delle grandi università delle città mediterranee: Genova, Napoli, Palermo e Bari sarà strategico. Progetti di collaborazione con Egitto, Tunisia, Algeria e Marocco devono essere al centro dell’azione dei nostri atenei

I grandi vecchi dell’illusione rivoluzionaria che stanno dietro l’ambientalismo estremista

Se oggi per un colpo di bacchetta magica tutta l’industria europea chiudesse facendo sparire le sue emissioni di CO2, che son più o meno il 3,5% di tutte le emissioni mondiali (!), ciò non servirebbe a nulla