Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 22 Febbraio 2024 - Numero 310

Per un’Ilva del futuro viva e sostenibile. Un’operazione di sistema che l’Italia è in grado di fare

Ipotizzare una presenza transitoria dello Stato che accompagni il processo di decarbonizzazione dell’impianto fino a giungere a produzioni green rispettose dell’ambiente, delle popolazioni circostanti e degli indirizzi europei non mi sembra una bestemmia
L'ex Ilva è al centro di una complicata vertenza relativa al futuro dell'azienda
L'ex Ilva è al centro di una complicata vertenza relativa al futuro dell'azienda
Condividi su

di ANTONIO GOZZI

La vicenda dell’ex Ilva di Taranto ed in particolare la situazione attuale, con il disimpegno ormai certificato di Arcelor Mittal socio di maggioranza (62%) e la fase di grande incertezza per il futuro che si è aperta in questi giorni, si prestano ad una serie di riflessioni sul tema dell’industria di base nel nostro Paese e in Europa, e su come la questione sia stata affrontata (male) fino ad oggi.

Da una parte, con riferimento alle questioni italiche, è stato giustamente sottolineato (da Marco Bentivogli sul ‘Foglio’ del 15 gennaio u.s.) che questa storia dimostra come l’atteggiamento antindustriale e populista, che così grande spazio ha avuto nel nostro Paese negli ultimi 15 anni, abbia danneggiato la nostra economia e abbia fatto la fortuna delle multinazionali.

Dall’altro lato, con più generale riferimento ad un mainstream europeo dello stesso periodo, ha trovato alimento un pensiero che è facile riscontrare in molti commenti e analisi, anche autorevoli, apparsi in questi giorni sui media a proposito della vicenda di Taranto; pensiero che in sostanza ritiene che dell’acciaio e in generale dell’industria di base l’Europa e l’Italia possano fare a meno a favore di altri modelli di industrializzazione più adeguati nel quadro della divisione internazionale del lavoro.

Entrambe le posizioni all’interno dell’Unione, populismo antindustriale e negazione del bisogno strategico di produzione di acciaio, sono a mio giudizio figlie di un multiplo ‘pensiero debole’, di un intreccio di ideologie sbagliate che bisogna combattere se si vuole salvare ciò che di industria e di produzione esiste ancora in Europa, e in generale se si vuole combattere il lento ma inesorabile declino del continente rispetto alle altre grandi aree economiche del mondo (USA e Cina, ma in prospettiva anche India).

Quali sono queste ideologie che si intrecciano dando vita a una visione pericolosa e sbagliata del futuro economico del nostro continente?

Si parte con un’ideologia ambientalista estrema che ha trasformato la transizione energetica in una battaglia anti impresa, ingaggiata anche da reduci sconfitti dell’anticapitalismo, e che rifiuta ogni approccio pragmatico e razionale declinando solo obiettivi di decarbonizzazione sempre più alti e sempre più astratti e irraggiungibili; vi si aggiunge un’ideologia di estremismo mercatista e globalista che pensa che tutto possa essere comprato ovunque, che non vi debba essere alcuna barriera e/o protezione delle industrie nazionali e che non tiene in nessuna considerazione chi (settori produttivi e lavoratori) ha già pagato duramente i processi di globalizzazione; un’ideologia del primato della finanza sull’industria: finanza che ha fatto della transizione green un’ennesima occasione di business, trasformando anche le azioni di tutela ambientale e di decarbonizzazione in nuovi business finanziari (si veda il mercato delle quote CO2 europeo, che le industrie devono comprare per continuare a produrre e il cui prezzo è influenzato fortemente dalla speculazione di fondi di investimento e banche sempre alla ricerca di nuove asset class).

La risultante di questo intreccio di forze è una posizione fondamentalmente contraria all’industria, specie quella di base, che così viene vissuta senza passione anzi con insofferenza, come un fastidio da rimuovere al più presto.

Nella vicenda drammatica dell’Ilva degli ultimi 12 anni ci si imbatte continuamente in questo concomitare di forze anti impresa che hanno contribuito a rendere la situazione sempre più complessa e difficile fino ai giorni nostri.

L’ambientalismo estremista di comitati e movimenti vari ha voluto rappresentare la situazione di Taranto come quella di una fabbrica omicida, ed ha creato le premesse per un’azione della magistratura spesso violenta e scomposta, che ha messo in gravissima difficoltà le Amministrazioni locali e regionali, i sindacati, il management che si è succeduto alla guida della fabbrica.

Intendiamoci: non è che impianti come quelli dell’Ilva non pongano problemi ambientali. È così per tutte le siderurgie da ciclo integrale (e cioè con cockerie, sinter e altoforni) d’Europa e del mondo. 

Ma negli altri Paesi europei è la Pubblica amministrazione che, attraverso i suoi atti e prescrizioni e attenendosi alle direttrici della UE, decide se un impianto industriale può lavorare o no. A Taranto si è creato un cortocircuito pazzesco per cui nonostante il fatto che la fabbrica ai tempi dei Riva avesse ottenuto un’AIA (Autorizzazione integrata ambientale) molto restrittiva, la stesse nei fatti attuando e non avesse mai sforato i limiti emissivi di legge, la magistratura è intervenuta lo stesso con sequestri degli impianti, atti prescrittivi, incriminazioni di proprietari e manager.

L’accusa è stata di ‘disastro ambientale’ e ha portato a pesantissime condanne già nel primo grado del giudizio. Vedremo l’esito degli appelli.

Nel momento in cui (siamo nel 2012/2013) in conseguenza alle azioni della magistratura la situazione va fuori controllo, il Governo della Repubblica (Enrico Letta premier, Orlando Ministro dell’Ambiente) interviene con un commissariamento dell’Ilva completamente fuori dell’ordinamento giuridico del Paese (quale è infatti la base giuridica di un commissariamento ambientale nella nostra legislazione?); commissariamento che in quattro anni ha avuto come conseguenza la distruzione del  patrimonio netto di oltre 4 miliardi di euro che i Riva lasciarono in Ilva quando furono praticamente espropriati senza indennizzo, con un atto che ancora oggi rappresenta una macchia sulla reputazione internazionale dell’Italia.

Questo ambientalismo estremista, che certamente ha influenzato la magistratura locale, fa sì che oggi, pur essendo realizzate praticamente tutte le prescrizioni dell’AIA e Taranto sia una tra le siderurgie a ciclo integrale più ‘ambientalizzate’ del mondo, gli impianti siano ancora sotto sequestro. Ciò impedisce ovviamente il trasferimento di proprietà degli stessi con tutto ciò che ne consegue per la finanziabilità dell’impresa.

L’estremismo mercatista e globalista ha fatto sì che quando nel 2017 il ministro Calenda del Governo Gentiloni organizzò una gara internazionale per la vendita dell’Ilva, seguendo rigidamente i parametri dell’UE (in particolare i criteri dettati dalla Commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager), si diede più importanza al prezzo che al piano industriale e ambientale presentati dagli offerenti, e si ritenne ininfluente la nazionalità degli acquirenti. Così facendo si favorì l’offerta degli indiani di Arcelor Mittal, accompagnati per un periodo brevissimo dal gruppo Marcegaglia, rispetto a quella dell’italiano Arvedi che si era alleato a CDPP,Del Vecchio e un altro indiano, Jindal.

Nessun altro grande Paese del mondo avrebbe affidato ad una gara basata su astratti e generici parametri di mercato la soluzione di un problema strategico come quello dell’Ilva. Dietro il principio di un’asta competitiva basata principalmente sul criterio del prezzo sta il disconoscimento del fatto che l’acciaio, per una grande economia industriale come quella italiana, è strategico. In fondo il retropensiero di un simile comportamento è che si tratti di una commodity di basso valore che non merita alcuna riflessione e cautela strategica.

Come è andata è sotto gli occhi di tutti. È facile dirlo adesso, certamente era più difficile pensarlo allora. Mittal non ha mostrato alcun interesse allo sviluppo di Taranto, giungendo fino al disimpegno totale. L’unico obiettivo è sembrato essere quello del controllo e cioè di assicurarsi che nessun concorrente straniero potesse impadronirsi di quell’impianto; e forse, quando ci si è resi conto della difficoltà e complessità della situazione, l’obiettivo è diventato quello di gestire una lenta agonia fino alla morte cercando di recuperare in uscita più soldi possibile. È il film di questi giorni.

Quindi, in definitiva, il pensiero strategico attento alla economia e alla sicurezza nazionale che l’Italia non è stata capace di esprimere in questi anni ha improntato la presenza e l’azione di Mittal, ben attento agli equilibri competitivi globali dell’acciaio e desideroso di ‘inertizzare’ fino a spegnerlo l’impianto più importante d’Europa rivolto al Mediterraneo e alla sua crescita.

Il Governo Conte, attraverso l’eliminazione dello scudo penale messo a suo tempo per proteggere i gestori dell’impianto dalle intemperanze della magistratura, ha dato a Mittal un gigantesco alibi per il disimpegno e per il perseguimento del suo disegno strategico.

Un alibi con cui la multinazionale ha giustificato: la scomparsa del management inizialmente inviato per la gestione di Taranto; il deconsolidamento dell’ex Ilva dal bilancio di Arcelor Mittal; il fatto di non mettere a disposizione dell’ex Ilva la rete commerciale del gruppo; il rifiuto di coprire i fabbisogni finanziari dell’azienda. Arcelor in questi anni, minacciando l’uscita, ha ottenuto dai Governi Conte condizioni relative alla governance e ad eventuali indennizzi che il Ministro Urso al Senato, annunciando la rottura con la multinazionale franco-indiana, ha definito leonine.

In base a questi patti, che finalmente cominciano ad emergere, anche se il socio pubblico (Invitalia) ci mette tutti i soldi per sostenere l’azienda, il socio privato rimane al comando e in caso di uscita per presunte inadempienze dello Stato italiano ha diritto a un indennizzo. Tutto ciò è evidentemente inaccettabile ma mostra ancora una volta un’incompetenza e una superficialità di quei governi che ha dell’incredibile.

Che fare ora?

Ha senso lavorare per la salvezza e per il rilancio dell’ex Ilva, che molti vorrebbero chiudere senza rendersi conto delle conseguenze non solo sociali ma economiche e industriali di tale scelta?

La risposta a questa domanda è: certamente sì.

L’Italia, checché dicano e scrivano quelli che di industria non capiscono nulla, può e deve impegnarsi per il salvataggio e il rilancio di Taranto.

L’operazione deve essere un’operazione di sistema che, come tutti i grandi progetti industriali che attengono a interessi strategici nazionali, deve vedere coinvolti plurimi attori, pubblici e privati, sulla base di un disegno di politica industriale condiviso.

Non si tratta di proporre nuove nazionalizzazioni fuori dal tempo e dalla storia. La Finsider e l’IRI non esistono più da decenni.

Ma ipotizzare una presenza transitoria dello Stato che accompagni il processo di decarbonizzazione dell’impianto fino a giungere a produzioni green rispettose dell’ambiente, delle popolazioni circostanti e degli indirizzi europei non mi sembra una bestemmia. Tedeschi e francesi stanno facendo esattamente questo e nessuno grida allo scandalo. A seconda delle condizioni contingenti vengono usati strumenti diversi, finanziari, di supporto industriale ed energetici per favorire e sostenere la transizione verde della siderurgia in quei Paesi.

Il gigantesco paradosso è che l’Unione Europea, nata come Comunità del Carbone e dell’Acciaio, rincorrendo l’estremismo ambientalista di cui si è detto, ha costruito un sistema di regole che di fatto chiudono le produzioni di acciaio da altoforno in Europa a partire dalla fine del decennio in corso. In quel momento non vi saranno più certificati gratuiti assegnati ai singoli impianti e il loro acquisto, al prezzo di oggi, renderà impossibile l’economicità di quelle produzioni.

Non si sa bene se coscientemente o incoscientemente l’Unione Europea si è inoltre messa in una condizione di grave pericolo anche per le industrie a valle della produzione di acciaio in particolare per l’automotive.

Con i forni elettrici (decarbonizzati) si possono fare tutti gli acciai tranne il così detto ‘profondo stampaggio’, che è quello che serve per le carrozzerie delle auto. Se le cose non cambiano con il nuovo Parlamento Europeo, alla fine del decennio in corso si creerà una nuova dipendenza strategica per l’industria e l’economia europee: per fabbricare auto da noi bisognerà necessariamente comprare in Asia l’acciaio per le carrozzerie .

Per questa ragione bisogna lavorare anche a Taranto per un piano industriale sostenibile economicamente e ambientalmente, per il recupero di impianti di laminazione e di verticalizzazioni che restano tra i più importanti d’Europa, per decarbonizzare la produzione di acciaio primario attraverso la costruzione di due impianti di DRI (Direct Iron Reduction) che funzionano a gas e idrogeno invece che a carbone, e con i quali si può arrivare a produrre 5-5,5 forse 6 milioni di tonnellate di acciaio l’anno.

Sarebbe certamente un’Ilva più piccola di quella di un tempo: ma sarebbe viva e sostenibile.

Non si sottovaluti questo dibattito intorno all’Ilva. Esso dirà molto riguardo alla fine che faranno tutti i settori manifatturieri che stanno affrontando, per decarbonizzare i loro processi, una transizione difficilissima. Si tratta dei settori che sono la spina dorsale del nostro sistema manifatturiero. Un sistema capace, anche in un anno di rallentamento come il 2023, di fatturare 1200 miliardi di euro e di esportarne la metà dando lavoro ad oltre 4 milioni di cittadini italiani.

Ultimi video

A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"
Venerdì 1° dicembre, alle ore 18, alla Società Economica di Chiavari, la presentazione dell’ultimo libro di Getto Viarengo
L’autore dialogherà con il presidente dell’Entella Antonio Gozzi per illustrare il suo "L'albero della cuccagna", edito da Internòs
La Filarmonica di Chiavari presenta il calendario di “Dicembremusica 2023”
Danilo Marchello, direttore artistico: “Un programma ambizioso, si parte con la Sinfonia n.9 di Beethoven, un evento straordinario”
Depuratore a Chiavari il sindaco di Leivi Centanaro ribadisce: "Ancora attuale la mia proposta, valorizza la risorsa idrica ed evita lo scarico a mare”
Intanto, il consigliere regionale Gianni Pastorino di Linea Condivisa chiede un’audizione in Città Metropolitana
Iniziativa pubblica del Comitato No al Depuratore in Colmata: tutti in piazza
"Il 24 saremo davanti al Comune di Chiavari, non è una sfida, ma un invito all’amministrazione e tutta la città"
A Lavagna “Sono tutti cavoli nostri”, la presentazione della vice sindaca Elisa Covacci 
"Abbiamo tanta ricchezza di storia, tradizioni e gastronomia che rappresentano per noi motivo di fierezza e orgoglio da condividere"
La mareggiata flagella Chiavari. Il consigliere Orecchia sposa la causa del Comitato No al Depuratore in Colmata
Intanto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone non ritiene di dover rivedere il progetto, rispondendo alle interrogazioni di Luca Garibaldi e Gianni Pastorino
La consigliera Silvia Garibaldi interviene sulle ulteriori criticità che il maltempo ha fatto emergere
“Un depuratore non è un pavimento che si può ricostruire. Chi pagherebbe i danni incalcolabili di un disastro?": le domande che ci si sta facendo sempre di più in città
Davide Grillo: “Piano assunzioni poco chiaro e costi alti nel quadro della spesa pubblica”
L'ex candidato sindaco a Chiavari raccoglie le istanze delle organizzazioni sindacali del comune ed espone le sue riflessioni
La violenta mareggiata a Chiavari aumenta gli interrogativi sulla costruzione del depuratore in colmata
Legambiente interpella vertici e azionisti di Iren sui rischi e sulla oculatezza dei costi per le difese a mare
I volontari della Protezione Civile della Croce Verde di Chiavari impegnati anche in Toscana
A poche ore dall’emergenza sulle nostre coste, hanno proseguito l’attività di sostegno alle persone nelle aree più colpite dalle esondazioni
Chiude la libreria delle Paoline, Chiavari perde un pezzo di storia
Roberta Cassini e Goffredo Feretto a malincuore abbassano la saracinesca dopo 47 anni. “Ci vorrebbe un miracolo per salvarla”
Dall’evento "Sapori e storie verticali" nuovo impulso al progetto per la realizzazione del Parco Fluviale dell’Entella
Si riparte da sei Comuni. I sindaci di Cogorno e Leivi lanciano un accorato appello: “La Regione Liguria ci ascolti”
A un mese dallo spostamento del capolinea bus a Chiavari, le scuole chiedono un incontro al Sindaco
Gli istituti interessati dai cambiamenti: "Vogliamo analizzare le varie criticità. Ci sono conseguenze del traffico sulle ore di lezione"
L'autore Francesco Dario Rossi ci racconta il suo libro “Rileggere oggi Liala”
Un fenomeno da 10 milioni di copie vendute, snobbata dalla critica ma amata dal pubblico. Un Nom de plume, firmato D'Annunzio, diventato leggenda
Gianfranco Saffioti, "Il Meteorologo Ignorante”: "Così ho raggiunto 55.048 follower"
“Dobbiamo cambiare le modalità di comunicazione delle allerte. Al mio Ignotur sempre più persone che chiedono informazioni chiare"
Non c’è pace per chi vive e lavora sulla Piana dell’Entella. Ora anche la tromba d’aria
L'evento atmosferico assai violento abbattutosi su Lavagna ferisce e lascia ovunque i segni del suo passaggio. L'appello dei residenti: “Venite ad aiutarci”
L’ottava edizione di "Sapori & storie verticali" fa tappa anche a Lavagna
“Dai contratti di fiume al parco fluviale", il titolo dell’incontro che vedrà la partecipazione di esperti e sindaci
A Chiavari vietato mugugnare. I creatori del famoso gruppo di Facebook gettano la spugna
Parlano gli amministratori, dopo le querele che sono partite da parte del Comune di Chiavari: "L'aria per noi è diventata pesante"
Italia Nostra sollecita Regione e Soprintendenza al rispetto del vincolo di tutela della Piana dell’Entella
Parla l’avvocato Daniele Rovelli: “Devono essere rispettati i criteri di vera ingegneria naturalistica”
Alla Società Economica di Chiavari un convegno per ricordare il biologo e naturalista Federico Delpino
L'iniziativa organizzata a 190 anni dalla nascita. Una figura fuori dagli schemi. E soprattutto ancora attuale
Chiavari: i cittadini dell’ex capolinea di piazza dell’Orto ringraziano il sindaco per averli liberati dai miasmi
E gli studenti di piazza Nassiriya e i residenti di piazza Roma chi ringrazieranno? Il caso non pare essersi placato
Via al patto anti-inflazione anche nei supermercati Gulliver: “Una scelta in linea con la nostra strategia"
"Mettiamo al centro l’attenzione e la vicinanza alle persone e ai territori che ci ospitano. Un impegno che vorremmo prolungare"
Alla Società Economica di Chiavari la Mostra "I 200 anni della Anatomia Universa di Paolo Mascagni"
Una esposizione che ripercorre i lavori e gli studi del Mascagni e ne analizza i risvolti sulla medicina moderna
Che fine hanno fatto le aule per il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Chiavari? Lo chiede il consigliere Nicola Orecchia
“Questa Amministrazione va forte solo a parole”
Proprietari e operatori della piana dell’Entella accolgono il vincolo di tutela con moderato ottimismo
“Il disastro è stato fatto, chiediamo che venga ripristinato quello che è stato distrutto, anche se ci vorranno anni”
Due argini due misure? Sul vincolo della Piana dell’Entella interviene Massimo Maugeri di Legambiente
“Una vittoria dei cittadini, che non ferma lo scontro tra istituzioni“
Il segretario della Fimmg, Antonio Zampogna: "Ci sono ancora molte, troppe resistenze a vaccinarsi”
"Si registra una crescita dei contagi Covid. Forse da metà ottobre al via campagna vaccinale e antinfluenzale", annuncia il medico di base chiavarese
Arriva il decreto per salvare la Piana dell'Entella. Mangiante: "Restano ancora alcune problematiche"
Parla il sindaco di Lavagna: "Sulle procedure adottate, la battaglia non è finita. Continuiamo a sbattere contro un muro di gomma allucinante"
La geografa Claudia Vaccarezza: "Ma il vincolo è stato imposto con un netto ritardo"
Parla la precorritrice dell’iter della salvaguardia del sito della Piana dell’Entella: “Invalidati mille anni di storia identitaria e di biodiversità”
Zucchero Amaro, l’intervista alla neo presidente: “Il commercio equo e solidale è un patto tra produttori e consumatori"
Alessandra Governa: “Al centro c'è sempre la sostenibilità del pianeta e delle persone. Ottime le collaborazioni con i produttori locali"
Paola Salmoiraghi, dirigente del Marconi Delpino, al Zueni Festival torna sulla questione del capolinea di piazza Nassiriya
La preside del liceo chiavarese: "Siamo ancora in una fase di verifica e di confronto con l’amministrazione sulla sicurezza degli studenti"
Sabato 23 settembre partirà da Rapallo la marcia aperta a tutti, per dire “Sì al grande Parco Nazionale di Portofino”
Gli organizzatori: “Non esistono alternative al Parco a 7 comuni, è una questione di orgoglio e di dignità”
Si chiude con grande successo la tre giorni del Zueni Festival. Superate le aspettative
Idee, talenti e professionalità “in vetrina” per e con i giovani, per raccogliere le sfide del futuro locale
I sindaci di Leivi e Carasco sullo spostamento del capolinea bus a Chiavari: "È mancato il confronto"
Casaretto e Centanaro: "Ogni Comune è padrone nel suo territorio, ma sulle scelte che coinvolgono il comprensorio, sarebbe necessario confrontarsi”
Giulia Musso porta al Zueni Festival il suo esilarante spettacolo “A ognuno il suo”
L’inno all’ospitalità ligure partito dal panificio Rossetti arriva al Giardino dei Lettori della Società Economica venerdì 15 alle ore 21 (le zanzare sono avvisate)
Al Zueni Festival domenica 17, alle 18, “Chat Gpt vs creatività tradizionale"
La scrittura classica deve temere l’intelligenza artificiale? Nicola Peirano e Adamo Romano a confronto
Si scrive “Zueni” e si legge radici locali, visioni globali, l’energia dei giovani del Tigullio
Al via dal 15 al 17 settembre "Zueni Festival". I giovani della Società Economica di Chiavari invitano a condividere esperienze, idee e progetti
Posticipata al 2 ottobre la rivoluzione dei capolinea bus a Chiavari
Ancora incertezze sui locali tecnici per gli autisti. Nuovo incontro fissato per il 14 settembre
C’è amianto nei magazzini del Comune di Chiavari in via Pio X e lungo il viale cimiteriale?
Se lo chiede e lo chiede a Comune e Asl Davide Grillo. E parte un esposto ai Carabinieri
A Chiavari la 73° Settimana Liturgica nazionale. Il Cardinal Zuppi: “Ma la vita è sempre speranza"
Il presidente della Cei: "Dobbiamo ricucire quello che la violenza ha lacerato". Monsignor Tasca: “È bello essere qui, facciamo in modo che lo sia anche per i giovani della nostra regione”
“La corsa del triumvirato”. Silvia Garibaldi contro lo spostamento del capolinea dei bus
La consigliera comunale stigmatizza la decisione presa dall'amministrazione chiavarese di lasciare piazza Nostra Signora dell'Orto per un capolinea 'diffuso'
Arrivano le piogge. Paura e rabbia tra i residenti della sponda chiavarese del fiume Entella
“Siamo abbandonati e soli tra fiume e degrado, solo parole e rimpalli, ancora un anno di inerzia da parte dell’amministrazione”
I mille video di 'Piazza Levante' in un grazie. Interviste, testimonianze e documenti per raccontare, denunciare e approfondire
In cinque anni tante persone sono passate sotto la nostra pellicola virtuale, per raccontare problemi ed esporre i loro punti di vista. Uno spazio in totale libertà
A Chiavari continua il balletto tra nuovi stalli e nuovi capolinea. Dall’11 settembre la rivoluzione
Trasporto pubblico locale: incontro tecnico nei giorni scorsi tra Amt, Comune e sindacati. Davvero sono tutti contenti?
Tra storia, musica e gastronomia il sindaco di Recco ridisegna la geografia del vivere municipale
Successo della rassegna E-20/23, e a settembre ci saranno i fuochi. Nei giorni scorsi la storia della città raccontata da Serena Bertolucci
Liguria, a caccia con arco e frecce. Massimo Pigoni di Enpa: “Ennesima crudeltà ai danni degli animali"
Il parere dell'associazione: "È inaccettabile che vengano condannati ad una morte lenta e dolorosa”
Andrea Casaretto, tecnico apistico: "Per le api un altro nemico: la Vespa Velutina"
"Sta prendendo il sopravvento sulle api e gli insetti impollinatori autoctoni, creando disequilibri pericolosi anche nel Tigullio"
Borzonasca e l'invaso di Giacopiane, Giuseppino Maschio: "Cento anni, intreccio unico tra storia naturale e storia umana"
Il sindaco ripercorre la vicenda di questo lago artificiale: "Ricco di biodiversità, è risorsa preziosa per il tutto il territorio"
Maxi-depuratore in Colmata: dodici mesi per dire "no" al progetto di Iren
Ma il piano procede senza modifiche a salvaguardia del territorio. Notevoli gli impatti anche sul bacino del fiume Entella. Legambiente e Comitato: “Andiamo avanti”
Lavagna: oltre 2 milioni di euro finanziati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr)
Cinque interventi di risanamento del territorio, dalla costa sulla diga soffolta, alla collina su cedimenti e percorsi naturalistici
La leggenda della Notte della Torta dei Fieschi diventa storia di tutti
Elena Avanzi ed Enrico Bonicelli sono i Conti della 73a edizione. Treno Storico speciale e manifestazioni collaterali
Lavagna, con l’astensione di Officina Lavagnese (Pd), impugna la delibera regionale “Salva Diga”
Una scelta contro gli appetiti speculativi e a tutela della piana dell’Entella. Il sindaco Mangiante contro la Regione: “Manfrine procedurali, eccesso di potere”
L’agronomo Consiglieri: "Cinipide sotto controllo grazie ai lanci dell’insetto antagonista"
"In Liguria la lotta biologica alla diffusione del parassita del castagno ha ricondotto i valori di soglia tollerabili. Ora il problema è la tropicalizzazione"
“Sestri è per me un’ancora sicura”: Maura Canepa torna a esporre a Sestri Levante, la sua città
La pittrice è ormai conosciuta in tutta Europa. La sua mostra personale è allestita nella centralissima via Colombo fino al 30 agosto
Il Capitano Burzio, prima donna al comando dei Carabinieri di Chiavari: "Mi sento in famiglia"
"L'obiettivo è garantire sicurezza e vicinanza alla popolazione in un territorio con un buon livello di qualità della vita"
I “capolinea” dell’amministrazione chiavarese. Scintille in Consiglio su trasporti e servizi
Frenata brusca sulle decisioni annunciate solo poche settimane fa, che di certo non soddisfano gli utenti e le maestranze
Poker di premiati e doppia edizione per l’Esculapio d’Oro del Comitato Assistenza Malati Tigullio
Il Presidente Mordini: "Serata in piazza dell'Orto il 27 luglio, anche per testimoniare il sostegno al Servizio Sanitario Nazionale”
Successo dell’iniziativa “La Terrazza sul mare”, il racconto sulla storia della Colmata
L'idea di Getto Viarengo: un momento di consapevolezza sull’unicità, sull’utilizzo del luogo e sulla necessità di recepire le bellezze del territorio
Donata da Michele Scandroglio a Rapallo una statua che celebra il legame tra uomo e cane
L'imprenditore ed ex parlamentare: “Un omaggio a tutti coloro che hanno a cuore e amano gli animali e un ricordo del mio amato Ciccio”
La 28a edizione del Premio dell’Olio di Leivi apre l’estate Leivese con tanti eventi
Il sindaco Vittorio Centanaro: “Degrado e abbandono galoppano. Guardiamo al Parco di Portofino come collante e utilità territoriale"
Capolinea spostato, i sindaci contro Chiavari. Riunione infuocata in Città Metropolitana
Gli amministratori dell’entroterra contestano la decisione di Palazzo Bianco: “Se non saremo garantiti, interromperemo i pagamenti verso Amt”
Enzo Sivori, ex presidente di Atp, diventa vice presidente di Amt: "Sono a disposizione"
“Non ho alcuna delega ma ho una trentennale esperienza - dice - Siamo in un buono stato di salute, passato il momento più critico"

Altri articoli

Il ciclo virtuoso degli investimenti. Scelte private e pubbliche per la crescita

La scelta dell’UE di finanziare un gigantesco piano di investimenti pubblici nata nella crisi pandemica si può rivelare oggi uno straordinario strumento anticiclico promuovendo attraverso la domanda pubblica la tenuta degli investimenti globali e la ripresa economica

L’Unione Europea in testacoda sul green deal

I costi della transizione energetica, secondo lo studio del Rousseau Institute, ammonterebbero da qui al 2050 a 40.000 miliardi di euro solo per il vecchio continente