Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 18 aprile 2024 - Numero 318

Non possiamo non dirci manifatturieri, nonostante la cultura anti-industriale (di Paolo Bricco)

Il problema è che la transizione ecologica è in realtà un gene mutante e corrosivo che molto può distorcere. È una bomba nel corpo di noi tutti
Un uomo al lavoro con una intelligenza artificiale
Un uomo al lavoro con una intelligenza artificiale
Condividi su

di PAOLO BRICCO *

Perché non possiamo non dirci manifatturieri. La cultura industriale italiana è una componente essenziale della struttura profonda del pensiero, della mutevole composizione sociale, del perimetro delle forze del potere, della membrana che separa il nostro Paese dalle altre esperienze storiche isolandolo da alcuni loro elementi e invece permettendo ad altri di entrare fisicamente nel nostro organismo e di contaminarlo, ora vivificandolo e ora danneggiandolo, ma sempre ibridandolo.

Esiste in Italia una cultura anti-industriale che ha le più differenti sfumature. Permane l’antico pregiudizio pasoliniano basato sulla differenza fra sviluppo e progresso e costruito sulla antitesi fra la fabbrica e la campagna, quest’ultimo vissuta come un luogo quasi arcadico e di naturali innocenze poi perdute.

Scrive Pier Paolo Pasolini in ‘Scritti Corsari’: “Ci sono due parole che ritornano frequentemente nei nostri discorsi: anzi sono le parole chiave dei nostri discorsi. Queste due parole sono ‘sviluppo’ e ‘progresso’. La parola ‘sviluppo’ ha oggi una rete di riferimenti che riguardano un contesto indubbiamente di ‘destra’. Chi vuole infatti lo ‘sviluppo’? Cioè chi lo vuole non in astratto e idealmente, ma in concreto e per ragioni di immediato interesse economico? È evidente: a volere lo ‘sviluppo’ in tal senso è chi produce; sono cioè gli industriali. E, poiché lo ‘sviluppo’, in Italia, è questo sviluppo, sono per l’esattezza, nella fattispecie, gli industriali che producono beni superflui. La tecnologia (l’applicazione della scienza) ha creato la possibilità di una industrializzazione praticamente illimitata, e i cui caratteri sono ormai in concreto transnazionali. I consumatori di beni superflui sono da parte loro irrazionalmente ed inconsapevolmente d’accordo nel volere lo ‘sviluppo’ (questo ‘sviluppo’). Chi vuole, invece, il ‘progresso’? Lo vogliono coloro che hanno interessi immediatamente da soddisfare, appunto attraverso il ‘progresso’: lo vogliono gli operai, i contadini, gli intellettuali di sinistra. Lo vuole chi lavora e dunque è sfruttato. Quando dico ‘lo vuole’ lo dico in senso autentico e totale (ci può essere anche qualche ‘produttore’ che vuole, oltre tutto, e magari sinceramente, il progresso: ma il suo caso non fa testo). Il ‘progresso’ è dunque una nozione ideale (sociale e politica): la dove lo ‘sviluppo’ è un fatto pragmatico ed economico. Ora è questa dissociazione che richiede una ‘sincronia’ tra ‘sviluppo’ e ‘progresso’, visto che non è concepibile (a quanto pare) un vero progresso se non si creano le premesse economiche necessarie ad attuarlo”.

La radice della cultura anti-industriale italiana è, appunto, nella dicotomia prospettata da Pasolini. Esiste una sorta di primato morale del poeta delle ‘Ceneri di Gramsci’ sulle tendenze più profonde del Paese che trasversalmente toccano – usando le vecchie categorie politiche della destra e della sinistra – sia la destra che la sinistra. E che, nella post-modernità, si sono saldate con chi vagheggia la possibilità di una netta ricucitura e di una universale simbiosi fra la crescita economica e l’evoluzione umana a impatto zero-a inquinamento zero-a chilometro zero, arrivando a delineare la finalità – o, meglio, l’auspicabilità estetica e allo stesso tempo la necessità etica – di avere una decrescita che sia felice.

Un’altra ragione della cultura anti-industriale italiana è di carattere antropologico. Persiste la sfiducia degli italiani verso i ceti produttivi. La sfiducia è basata sull’associazione dell’attività di impresa alla irresponsabilità pubblica e alla anomia dell’interesse privato. Si tratta di una sfiducia prima di tutto verso la propria anima profonda. In realtà, il tema della irresponsabilità pubblica e dell’anomia dell’interesse privato riguardano tutto il Paese, la sua cultura diffusa e gran parte delle sue comunità, senza distinzioni – se non di intensità – di luoghi geografici.

Paolo Bricco

Invece, nella cultura industriale e nella prassi imprenditoriale è sovente accaduto il contrario: in una realtà storica a elevato tasso di privatizzazione del benessere e di pubblicizzazione del malessere, le imprese – in particolare quando condotte da imprenditori illuminati e segnati dall’idea del bene pubblico – hanno apportato alla vita italiana razionalità economica e propulsione civile, contributo culturale e sostegno all’organismo dello Stato. Scriveva Leopoldo Pirelli: “Sono sempre stato convinto che la libera impresa privata sia pilastro importante di un libero sistema e mezzo insostituibile di progresso sociale. Pur con sfaccettature diverse da paese a paese, in funzione delle situazioni socio-politiche locali, credo di poter affermare che è dappertutto in corso un processo di trasformazione gigantesco e radicale che travalica l’ambito della economia e investe l’intera società, scompaginandone gli assetti tradizionali e mettendola in movimento, alla ricerca di nuovi equilibri. Dappertutto va emergendo una stretta correlazione tra il processo di innovazione e l’iniziativa delle forze imprenditoriali. La nostra credibilità, la nostra autorevolezza, direi la nostra legittimazione nella coscienza pubblica sono in diretto rapporto con il ruolo che svolgiamo nel concorrere al superamento degli squilibri sociali ed economici dei Paesi in cui si opera: sempre più l’impresa si presenta come luogo di sintesi fra le tendenze orientate al massimo progresso tecnico-economico e le tendenze umane di migliori condizioni di lavoro e di vita”.

Le ragioni di Leopoldo Pirelli rimangono tuttora valide. Per questo non possiamo non dirci manifatturieri. Il problema è la liquidità del pensiero che oggi circonda la fabbrica, soprattutto nella dimensione degli interlocutori degli imprenditori, come i politici e i sindacalisti. In particolare, esiste una involuzione (se non una scomparsa) della antica mentalità della sinistra operaista e di fabbrica, che era incarnata nella prima Repubblica dal Partito Comunista Italiano e dal Partito Socialista Italiano e che era impersonificata dai tre sindacati storici CgilCisl Uil.

In quella mentalità storica la fabbrica era il luogo del conflitto, ma era anche il luogo della evoluzione degli individui e dei gruppi. Nella fabbrica – non importa se siderurgica o metallurgica, metalmeccanica o automobilistica – si costruivano le professionalità tecniche valide per l’impresa in particolare e per la società in generale. E si operava anche la selezione dei quadri di base, dei quadri intermedi e dei quadri dirigenti. Il personale politico e sindacale proveniva dalla fabbrica.

Quella mentalità non componeva il migliore dei mondi possibili. Il pezzo del Novecento da essa plasmato è stato segnato anche dalla violenza. Una violenza a tratti parossistica. È stato segnato da un elitarismo che, pure in un Paese come il nostro in cui il potere non si esercita ma si condivide, ha avuto tratti di nerboruta gerarchia. È stato segnato da una politicizzazione ampia, diffusa e pervasiva che ha caratterizzato ogni angolo di quel luogo vasto e tragico che è stato il Novecento.

Ma, in ogni caso, quel pensiero aveva un terreno comune basato sulla parola scritta e sui giornali, sulla riflessione individuale e collettiva, sui libri e sul cinema, sul senso di appartenenza a un comune destino fondato sulla civiltà della fabbrica e sulla cultura industriale: gli imprenditori e gli operai, i sindacalisti e i tecnici erano tutte lettere di uno stesso alfabeto. Noi veniamo da quel mondo. E, anche se quel mondo è trasmutato in altro, per tutte queste ragioni non possiamo non dirci manifatturieri.

Il problema da affrontare è che quella forma della manifattura pensata e che quella realtà dei luoghi della manifattura vissuta sono state modificate, dall’interno, dalla transizione della post-modernità in Occidente. Una transizione nella post-modernità che, a sua volta, ha assunto in Italia caratteri specifici.

Questa mentalità si è sfarinata e si è raggrumata in nuove forme di populismo, che considerano – da destra – la fabbrica come un luogo non necessario, dato che la struttura portante della società è composta – nella sua visione e nella sua base politica di riferimento – da artigiani e da professionisti, e che vedono – da sinistra – la fabbrica come un luogo di sfruttamento e di involuzione dell’essere umano e come una fonte di degrado e di contaminazione dell’ambiente.

Questo trasmutazione neo-populistica e questa perdita di senso hanno una base specifica in un errore percettivo e logico comune in chi scambia e sovrappone le fabbriche della manifattura più solida e tradizionale con i centri della logistica sovrannazionale e iper-globalizzata, in cui la flessibilità viene perseguita attraverso l’adozione – legittima, ma spinta all’eccesso e sul filo della legalità – di modelli contrattuali a tempo determinato se non a tempo parzialissimo e di modelli organizzativi in cui la ripetitività chapliniana straniante dei gesti viene segnata dal timbro del controllo tecnologico delle performance e dei comportamenti di chi lavora. Inoltre, la trasmutazione neo-populistica e la perdita di senso vengono condizionante, alimentate e determinate dalle più radicali dell’ambientalismo che partono dal legittimo desiderio di una riduzione dell’impatto delle attività umane sulla salute del pianeta e che però vengono, nelle loro reificazioni politiche e lobbystiche e legislative, piegate dai nuovi interessi della geopolitica della nuova globalizzazione.

Tutto questo incuba semi da cui germinano errori. Ogni interpretazione culturale e politica è legittima. Ma esistono elementi fattuali su cui si può ragionare, che non sono negabili. Soprattutto quando questi elementi fattuali pongono un raccordo stretto fra passato, presente e futuro.

Il primo elemento è la forza stabilizzatrice che ha la fabbrica nell’Occidente composto dagli Stati Uniti e dalla Europa. Non solo nel suo profilo storico. Ma, anche, nella sua proiezione verso il domani.

La demanifatturizzazione degli Stati Uniti – sostenuta nella ideologia dal pensiero liberista quale esito efficientista degli equilibri economici internazionali di lungo periodo e nella geostrategia dal Washington Consensus quale metodo di regolazione culturale e di imposizione politica dello status quo del secolo americano nella prima fase della globalizzazione – è diventata uno dei fattori di maggiore debolezza nelle viscere profonde dell’America.

Donald Trump esiste in quanto soggetto politico ed è stato eletto alla Casa Bianca perché esiste una America segnata dalla fine delle fabbriche, dal trasferimento all’estero fin dagli anni Cinquanta di pezzi interi della manifattura tradizionale e dalla costruzione negli anni Novanta di un modello di Big Tech che ha, come condizione necessaria, nelle catene di forniture controllate dagli Stati Uniti ma attive in Asia: Apple non esisterebbe senza Foxconn.

Il nodo è rappresentato dalla distruzione (sociale) della forza (creatrice) del capitalismo globale negli Stati Uniti: l’impoverimento del ceto medio bianco e la crisi della classe lavoratrice bianca e nera hanno tolto identità e stabilità a strati interi della popolazione. Hanno creato disorientamento e provocato la formazione di grandi sacche di disagio politico e sociale. Hanno trasformato intere agglomerazioni urbane in corpi doloranti interno ai perni – ormai arrugginiti e vuoti – delle gigantesche fabbriche del Novecento del Midwest e del New Jersey, del North Caroline e del New England. Sono anche queste le radici dell’instabilità sociale e della crisi della democrazia rappresentativa americana.

La demanifatturizzazione degli Stati Uniti appare un fenomeno intimo e radicale che, in Europa, ha avuto una portata di minore intensità. Dal punto di vista culturale, la ragione del mercato ha costruito, anche nel Vecchio Continente, la prevalenza di una visione favorevole ai meccanismi della concorrenza e a sfavore della centralità dell’impresa. La prevalenza culturale – almeno nelle élite – di una visione a favore del mercato e di una sorta di speciale naturalità dei suoi meccanismi di funzionamento ha assunti i tratti di una predominanza, anche se non di una egemonia. 

Nella realtà effettuale, invece, l’Europa è rimasta il continente delle fabbriche. Il suo paesaggio è ancora questo. Per una ragione quasi morfologica, noi europei non possiamo non dirci manifatturieri. E, questo, nonostante con la caduta del Muro di Berlino l’Europa abbia iniziato, poco alla volta, a perdere centralità nel contesto internazionale della nuova globalizzazione. Il paesaggio industriale della Germania, della Francia e dell’Italia è rimasto incardinato al principio ordinatore degli stabilimenti. Non importa che fossero – che siano – stabilimenti siderurgici, metalmeccanici, automobilistici.

Il male alla manifattura americana è derivato dalla de-manifatturizzazione. Il male alla manifattura europea deriva invece dal pensiero para-religioso della transizione ecologica. Esiste un meccanismo autolesionistico nella scelta ultra-regolatoria che prevede la mutazione delle tecnologie ad alto impatto ambientale e il controllo delle emissioni nell’atmosfera. Nella fisiologia continentale esiste oggi un mix fra economia dell’innovazione e di manifattura pura che rappresenta un unicum. Gli Stati Uniti delle fabbriche non esistono più. La Cina delle fabbriche esiste, sta crescendo, si è imposta con grande lungimiranza nelle reti di controllo delle nuove economie avanzate basate, per esempio, sulle terre rare. Le quali terre rare hanno un impatto sulla natura che è devastante: sia nella fase dell’estrazione sia nella fase della lavorazione. In uno spartito della nuova musica dell’industriale internazionale che sembra essere stato composto da un musicista cinese e non più americano o europeo, ecco che l’Europa sceglie – nell’automotive, ma si tratta soltanto di una parte del tutto – di perdere indipendenza e sovranità tecnologica sposando le tecnologie elettrice a totale controllo cinese. E lo fa con una regolamentazione forte, stringente, asfissiante, calata dall’alto e permeata da una sorta di eticità che toglie ogni argomento a chi non è d’accordo con la nuova religione. Invece gli Stati Uniti, che non hanno nessuna forma di adesione pan-religiosa all’ideologia verde, preferiscono lasciare funzionare il mercato orientando le scelte delle imprese con sussidi diretti e defiscalizzazioni indirette ai gruppi industriali – tutti, inclusi quelli stranieri – che sceglieranno di aprire nuove fabbriche in America. Nelle tecnologie verdi, ma con una libera scelta dell’impresa e non con una coartazione della mentalità e dei meccanismi di mercato come accade invece in Europa. 

L’Occidente ha, dunque, scelto di impiantare negli ultimi trent’anni nel proprio corpo tecno-industriale e nel suo corpo politico-sociale una doppia bomba: il dissolvimento delle fabbriche e la trasformazione dell’ambientalismo in religione pagana.

Negli Stati Uniti, segnati dalla riduzione e dall’abbandono delle fabbriche, la finanziarizzazione e la terziarizzazione hanno assimilato il pensiero verde e lo hanno reso una grande opportunità di business, con la graduale e inesorabile invenzione di nuovi strumenti finanziari da proporre commercialmente agli investitori interessati a costruire portafogli verdi, ecosostenibili e in grado di dare un rendimento non soltanto finanziario, ma anche eticizzante. In America – come in tutto l’Occidente – valgono le parole di uno scrittore popolare e visionario come Michael Crichton: “Oggi, una delle religioni più potenti del mondo occidentale è l’ambientalismo. È la religione degli atei urbanizzati. C’è un Eden iniziale, un paradiso, uno stato di grazia e unità con la natura, c’è la caduta dalla grazia in uno stato di inquinamento risultato dell’aver mangiato dall’albero della conoscenza e c’è un giorno del giudizio che verrà per tutti noi. Siamo tutti peccatori di energia, destinati a morire, a meno che non cerchiamo la salvezza, che ora si chiama sostenibilità. La sostenibilità è la salvezza nella chiesa dell’ambiente. Proprio come il cibo biologico è la sua comunione”.

Questa nuova cultura si è diffusa ovunque in Occidente. Ha assunto le più diverse forme. Si è manifestata nelle policy. In Europa il mito della transizione ecologica quale panacea di ogni male è entrata nelle agende politiche e nei programmi delle alte burocrazie. Nelle capitali nazionali del Vecchio Continente. A Strasburgo e a Bruxelles. Nei singoli Paesi e nell’Unione europea.

Il problema è che la transizione ecologica – nella concezione eticista e parareligiosa, geopoliticamente favorevole alla Cina e in grado di aumentare il tasso di perifericità dell’Europa negli equilibri internazionali – è in realtà un gene mutante e corrosivo che molto può distorcere. È una bomba nel corpo di noi tutti. Per questa ragione è in pericolo non soltanto l’Occidente delle fabbriche, ma anche l’Occidente in sé. Per questa ragione, oggi, occorre cogliere la natura civile e politica che attiene alla cultura profonda e radicale dell’industria. Per questa ragione, ancora più di un tempo, non possiamo non dirci manifatturieri.

(* giornalista de ‘Il Sole 24 Ore’)

Ultimi video

Santa Margherita Ligure: due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno
Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco: Guglielmo Caversazio, lista “Uniti per Santa”, ed Emanuele Cozzio, lista “Cozzio sindaco”
Per il secondo anno ospiti della Virtus Entella, “Mille studenti in Campo”
Assemblea d’Istituto per degli studenti del Liceo Marconi Delpino, con attività educativa all’insegna dell’impegno solidale, ecologico e della battaglia per l’ambiente
Design ante litteram: la sedia leggera di Chiavari dall'Ottocento sino ad oggi
La somma delle storie delle aziende e degli artigiani raccontate in una mostra installazione nell’ex laboratorio Guido e Anna Rocca in via Piacenza 80. Gli organizzatori: "Il rilancio deve passare attraverso il design”
Carasco verso le elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati
Parlano Giustino Minoli, lista “Carasco nel cuore”, e Alfredo Rivara, lista “Progetto per Carasco”, che sfideranno Massimo Casaretto, sindaco uscente e ricandidato
Le intuizioni di Guglielmo Marconi che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione e dell'informazione di massa
“Con il cuore e il pensiero oltre l’orizzonte, Guglielmo Marconi e la nascita della radiotelegrafia”. A 150 anni dalla nascita, alla Società Economica una mostra evento
Prendersi cura di se stessi e dei propri cari con più conoscenze e consapevolezza: ecco come
A Chiavari, alla Società Economica, un incontro promosso dall’Associazione “I Fili”. Esperti professionisti e medici illustrano un corso teorico e pratico sulla gestione e l’assistenza dell'anziano a domicilio
Raccolte ancora 400 firme contro il depuratore in colmata. Ma l’amministrazione gira la testa dall’altra parte e annuncia l’inizio dei lavori
Il Comitato No al depuratore: “Questa opera provocherà a Chiavari una ferita irreparabile che porterà la firma di questi amministratori”
Lungo le Vie dell’ardesia. A Lavagna domenica 7 aprile il IX raduno Lions di auto e moto d’epoca e moderne
Un tracciato panoramico per promuovere le bellezze naturali. Il ricavato sarà destinato all’area inclusiva per i bimbi, realizzata dal comune nel Parco Tigullio
Chiavari: l’ambulatorio Veterinario Levante diventa Clinica, si trasferisce sul mare ed entra in Ca’ Zampa
Il Direttore Sanitario Gualtiero Tanturli: “Passione e cuore perché essere veterinari è un 'lavoro' nobile, favorito da un’evoluzione di tecnologie, strumentazioni e prevenzione”
Lavagna verso le elezioni amministrative - Intervista al candidato sindaco Claudio Lapetina
È a capo della lista "Lavagna Insieme": “Significa insieme per trovare le risposte ai problemi della città. A breve presenteremo l’intera squadra"
Chiavari, il consigliere Nicola Orecchia: "Emergenza abitativa, ancora tante domande senza risposte concrete"
"L’elenco senza fine della graduatoria rappresenta la distanza siderale tra gli alloggi necessari e quelli messi a disposizione dal Comune”
"Bettina Defilla: Poesia nell'arte”: alla Galleria G.F. Grasso a Chiavari le opere dell’artista
Si tratta del primo evento del programma annuale della rassegna “L’Arte in Economica”. Il figlio Andrea Copello: “Ho selezionato le sue ultime produzioni informali”
Cantero, si parte? C’è il progetto donato da Duferco, la Regione finanzierà l’acquisto
L’appello ai chiavaresi di Antonio Gozzi: “Le iniziative devono essere in grado di stare in piedi, non possiamo costruire cattedrali nel deserto”
Gian Alberto Mangiante si ricandida ad amministrare Lavagna. "La mia lista? Di lavagnesi, coesi nell’impegno per Lavagna"
Le dichiarazioni programmatiche del nuovo impegno per la città: “Guardare al futuro con le prerogative ed il rispetto che il territorio chiede”
"Alberto Salietti, pittore” e “Diari Pittorici”. Ravenna/Chiavari e ritorno 1892–1961. Le due città celebrano l’eredità dell’artista
Claudio Castellini, presidente di Tecnica Mista e co-curatore della mostra ravennate, ci racconta le fasi del progetto realizzato in collaborazione con la Società Economica di Chiavari
Tutti contrari al depuratore in colmata a Chiavari. La politica si compatta durante l’incontro pubblico
I consiglieri regionali prendono posizione. Sandro Garibaldi: “Non c’è chiarezza nelle carte". Gianni Pastorino: “Tutti insieme vincoleremo la volontà della Giunta Regionale”
A sei mesi dallo spostamento del capolinea Amt a Chiavari, i servizi ai capolinea e la sicurezza restano un miraggio
Federico Bairo - Rsa Usb di Amt: “Il trasporto pubblico è una risorsa, non un ingombro, ma l’amministrazione lo sposta nelle zone periferiche”
Continua l’ostinato silenzio dell’amministrazione sul degrado della collina di N.S. delle Grazie a Chiavari
Massimo Maugeri di Legambiente: “Il degrado è complice dell’abbandono, ma manca l’impegno, non solo le risorse economiche”
Emanuele Cozzio annuncia la sua candidatura a Sindaco di Santa Margherita Ligure
“Dopo 10 anni di impegno amministrativo, nel prendere questa decisione sento una grande responsabilità. Tradurrò l'esperienza vissuta in una prospettiva evolutiva, rivolta anche al mondo della società civile, con cui ho avuto modo di maturare un forte legame"
Cresce l’attesa per l’incontro pubblico organizzato dal Comitato No al depuratore in colmata
Appuntamento il 9 marzo a Casa Charitas a Chiavari. I dubbi e gli interrogativi dei cittadini al microfono di 'Piazza Levante' sulla scelta che riguarda il futuro
Lavagna, domenica 10 marzo “Giornata internazionale della donna, voci e danze: storie di donne dal mondo”
Un girotondo di interventi e danze, un appello per denunciare gli eventi che hanno riportato indietro le lancette dell’orologio delle conquiste civili delle donne
Alla Società Economica è andata in scena la presentazione del nuovo progetto di ristrutturazione del Teatro Cantero
Premesse e conclusioni dell’intervento di Antonio Gozzi, presidente del Gruppo Duferco. “Un regalo alla città, ai chiavaresi, sapendo che non siamo soli”
No al Depuratore: il 9 marzo al Teatro Charitas incontro pubblico con cittadini e politici
Il presidente del Comitato Andrea Sanguineti: “Trattati come sudditi, chi amministra deve delle risposte. Restano ancora aperti tutti gli interrogativi”
Asl4 costretta dal difensore civico ad anticipare visite ed esami
Nasce lo sportello a tema sanità pubblica e registra la prima, significativa, vittoria per il Comitato Impegno Comune promosso da Davide Grillo: “Un percorso che riduce le liste d’attesa”
A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"
Venerdì 1° dicembre, alle ore 18, alla Società Economica di Chiavari, la presentazione dell’ultimo libro di Getto Viarengo
L’autore dialogherà con il presidente dell’Entella Antonio Gozzi per illustrare il suo "L'albero della cuccagna", edito da Internòs
La Filarmonica di Chiavari presenta il calendario di “Dicembremusica 2023”
Danilo Marchello, direttore artistico: “Un programma ambizioso, si parte con la Sinfonia n.9 di Beethoven, un evento straordinario”
Depuratore a Chiavari il sindaco di Leivi Centanaro ribadisce: "Ancora attuale la mia proposta, valorizza la risorsa idrica ed evita lo scarico a mare”
Intanto, il consigliere regionale Gianni Pastorino di Linea Condivisa chiede un’audizione in Città Metropolitana
Iniziativa pubblica del Comitato No al Depuratore in Colmata: tutti in piazza
"Il 24 saremo davanti al Comune di Chiavari, non è una sfida, ma un invito all’amministrazione e tutta la città"
A Lavagna “Sono tutti cavoli nostri”, la presentazione della vice sindaca Elisa Covacci 
"Abbiamo tanta ricchezza di storia, tradizioni e gastronomia che rappresentano per noi motivo di fierezza e orgoglio da condividere"
La mareggiata flagella Chiavari. Il consigliere Orecchia sposa la causa del Comitato No al Depuratore in Colmata
Intanto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone non ritiene di dover rivedere il progetto, rispondendo alle interrogazioni di Luca Garibaldi e Gianni Pastorino
La consigliera Silvia Garibaldi interviene sulle ulteriori criticità che il maltempo ha fatto emergere
“Un depuratore non è un pavimento che si può ricostruire. Chi pagherebbe i danni incalcolabili di un disastro?": le domande che ci si sta facendo sempre di più in città
Davide Grillo: “Piano assunzioni poco chiaro e costi alti nel quadro della spesa pubblica”
L'ex candidato sindaco a Chiavari raccoglie le istanze delle organizzazioni sindacali del comune ed espone le sue riflessioni
La violenta mareggiata a Chiavari aumenta gli interrogativi sulla costruzione del depuratore in colmata
Legambiente interpella vertici e azionisti di Iren sui rischi e sulla oculatezza dei costi per le difese a mare
I volontari della Protezione Civile della Croce Verde di Chiavari impegnati anche in Toscana
A poche ore dall’emergenza sulle nostre coste, hanno proseguito l’attività di sostegno alle persone nelle aree più colpite dalle esondazioni
Chiude la libreria delle Paoline, Chiavari perde un pezzo di storia
Roberta Cassini e Goffredo Feretto a malincuore abbassano la saracinesca dopo 47 anni. “Ci vorrebbe un miracolo per salvarla”
Dall’evento "Sapori e storie verticali" nuovo impulso al progetto per la realizzazione del Parco Fluviale dell’Entella
Si riparte da sei Comuni. I sindaci di Cogorno e Leivi lanciano un accorato appello: “La Regione Liguria ci ascolti”
A un mese dallo spostamento del capolinea bus a Chiavari, le scuole chiedono un incontro al Sindaco
Gli istituti interessati dai cambiamenti: "Vogliamo analizzare le varie criticità. Ci sono conseguenze del traffico sulle ore di lezione"
L'autore Francesco Dario Rossi ci racconta il suo libro “Rileggere oggi Liala”
Un fenomeno da 10 milioni di copie vendute, snobbata dalla critica ma amata dal pubblico. Un Nom de plume, firmato D'Annunzio, diventato leggenda
Gianfranco Saffioti, "Il Meteorologo Ignorante”: "Così ho raggiunto 55.048 follower"
“Dobbiamo cambiare le modalità di comunicazione delle allerte. Al mio Ignotur sempre più persone che chiedono informazioni chiare"
Non c’è pace per chi vive e lavora sulla Piana dell’Entella. Ora anche la tromba d’aria
L'evento atmosferico assai violento abbattutosi su Lavagna ferisce e lascia ovunque i segni del suo passaggio. L'appello dei residenti: “Venite ad aiutarci”
L’ottava edizione di "Sapori & storie verticali" fa tappa anche a Lavagna
“Dai contratti di fiume al parco fluviale", il titolo dell’incontro che vedrà la partecipazione di esperti e sindaci
A Chiavari vietato mugugnare. I creatori del famoso gruppo di Facebook gettano la spugna
Parlano gli amministratori, dopo le querele che sono partite da parte del Comune di Chiavari: "L'aria per noi è diventata pesante"
Italia Nostra sollecita Regione e Soprintendenza al rispetto del vincolo di tutela della Piana dell’Entella
Parla l’avvocato Daniele Rovelli: “Devono essere rispettati i criteri di vera ingegneria naturalistica”
Alla Società Economica di Chiavari un convegno per ricordare il biologo e naturalista Federico Delpino
L'iniziativa organizzata a 190 anni dalla nascita. Una figura fuori dagli schemi. E soprattutto ancora attuale
Chiavari: i cittadini dell’ex capolinea di piazza dell’Orto ringraziano il sindaco per averli liberati dai miasmi
E gli studenti di piazza Nassiriya e i residenti di piazza Roma chi ringrazieranno? Il caso non pare essersi placato
Via al patto anti-inflazione anche nei supermercati Gulliver: “Una scelta in linea con la nostra strategia"
"Mettiamo al centro l’attenzione e la vicinanza alle persone e ai territori che ci ospitano. Un impegno che vorremmo prolungare"
Alla Società Economica di Chiavari la Mostra "I 200 anni della Anatomia Universa di Paolo Mascagni"
Una esposizione che ripercorre i lavori e gli studi del Mascagni e ne analizza i risvolti sulla medicina moderna
Che fine hanno fatto le aule per il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Chiavari? Lo chiede il consigliere Nicola Orecchia
“Questa Amministrazione va forte solo a parole”
Proprietari e operatori della piana dell’Entella accolgono il vincolo di tutela con moderato ottimismo
“Il disastro è stato fatto, chiediamo che venga ripristinato quello che è stato distrutto, anche se ci vorranno anni”
Due argini due misure? Sul vincolo della Piana dell’Entella interviene Massimo Maugeri di Legambiente
“Una vittoria dei cittadini, che non ferma lo scontro tra istituzioni“
Il segretario della Fimmg, Antonio Zampogna: "Ci sono ancora molte, troppe resistenze a vaccinarsi”
"Si registra una crescita dei contagi Covid. Forse da metà ottobre al via campagna vaccinale e antinfluenzale", annuncia il medico di base chiavarese
Arriva il decreto per salvare la Piana dell'Entella. Mangiante: "Restano ancora alcune problematiche"
Parla il sindaco di Lavagna: "Sulle procedure adottate, la battaglia non è finita. Continuiamo a sbattere contro un muro di gomma allucinante"
La geografa Claudia Vaccarezza: "Ma il vincolo è stato imposto con un netto ritardo"
Parla la precorritrice dell’iter della salvaguardia del sito della Piana dell’Entella: “Invalidati mille anni di storia identitaria e di biodiversità”
Zucchero Amaro, l’intervista alla neo presidente: “Il commercio equo e solidale è un patto tra produttori e consumatori"
Alessandra Governa: “Al centro c'è sempre la sostenibilità del pianeta e delle persone. Ottime le collaborazioni con i produttori locali"
Paola Salmoiraghi, dirigente del Marconi Delpino, al Zueni Festival torna sulla questione del capolinea di piazza Nassiriya
La preside del liceo chiavarese: "Siamo ancora in una fase di verifica e di confronto con l’amministrazione sulla sicurezza degli studenti"
Sabato 23 settembre partirà da Rapallo la marcia aperta a tutti, per dire “Sì al grande Parco Nazionale di Portofino”
Gli organizzatori: “Non esistono alternative al Parco a 7 comuni, è una questione di orgoglio e di dignità”
Si chiude con grande successo la tre giorni del Zueni Festival. Superate le aspettative
Idee, talenti e professionalità “in vetrina” per e con i giovani, per raccogliere le sfide del futuro locale
I sindaci di Leivi e Carasco sullo spostamento del capolinea bus a Chiavari: "È mancato il confronto"
Casaretto e Centanaro: "Ogni Comune è padrone nel suo territorio, ma sulle scelte che coinvolgono il comprensorio, sarebbe necessario confrontarsi”
Giulia Musso porta al Zueni Festival il suo esilarante spettacolo “A ognuno il suo”
L’inno all’ospitalità ligure partito dal panificio Rossetti arriva al Giardino dei Lettori della Società Economica venerdì 15 alle ore 21 (le zanzare sono avvisate)
Al Zueni Festival domenica 17, alle 18, “Chat Gpt vs creatività tradizionale"
La scrittura classica deve temere l’intelligenza artificiale? Nicola Peirano e Adamo Romano a confronto
Si scrive “Zueni” e si legge radici locali, visioni globali, l’energia dei giovani del Tigullio
Al via dal 15 al 17 settembre "Zueni Festival". I giovani della Società Economica di Chiavari invitano a condividere esperienze, idee e progetti
Posticipata al 2 ottobre la rivoluzione dei capolinea bus a Chiavari
Ancora incertezze sui locali tecnici per gli autisti. Nuovo incontro fissato per il 14 settembre

Altri articoli

Mail bombing alla ministra Santanchè in arrivo a Chiavari: "Non vogliamo il depuratore fronte mare" (VIDEO)

Centinaia di aderenti al “Comitato No al Depuratore in Colmata” hanno inviato una lettera alla titolare del Turismo per informarla dell’assurda decisione di costruire un impianto in un’area potenzialmente di grande pregio e a vocazione turistica

Tari, è scontro tra i piccoli comuni e la Città Metropolitana sulla prospettiva dei forti rincari

L'Arera, ovvero l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente, ha invitato ogni gestore del ciclo dei rifiuti a ricalibrare le sue tariffe rispetto all’andamento dell’inflazione