Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 25 maggio 2023 - Numero 271

Rupinaro Sport, quando l’importante è partecipare

Condividi su

Rupinaro Sport è l’unica squadra decoubertiniana del Levante: le importa partecipare, non disdegna vincere, stravincere non le interessa. Una scelta consequenziale a una visione più ampia del mero impegno sportivo. Fondata nel 2014 la società su ispirazione del comitato di quartiere e la comunità parrocchiale. Ha iniziato dal gradino più basso e lì è rimasta, pur avendo le qualità per elevarsi: una scelta coerente con i suoi principi, mostrando una fermezza che pochi ebbero e che pochissimi avranno.

Una filosofia fuori dagli schemi
Ilario Ghiorzo, più che un dirigente un catalizzatore, trait d’union tra il presidente don Fausto Brioni, il vice Roberto Devoto, lo staff tecnico e gli atleti tutti, riassume i primi cinque anni di esistenza del Rupinaro Sport con due aggettivi: “Fedeli e felici. Fedeli alla linea che ci eravamo dato, decisi a dare uno sfogo alle energie dei giovani del quartiere, ad aggregare diverse esperienze e proporre un modello di sportivo un po’ fuori dagli schemi consueti. Non abbiamo mai vinto il campionato, siamo sempre arrivati tra i primi. Mi sembra un’ottima media, diventa migliore considerando che non abbiamo mai perso il sorriso. Rifiutate le esagerazioni, le estremizzazioni di quello che era e resta un gioco, mettendoci tutta la passione del mondo, senza mai perdere quel po’ di sale che abbiamo in zucca”. Nel torneo di Terza appena conclusosi il Rupinaro di mister Bandini si è fermato alla semifinale promozione: sconfitto in casa del Carasco in maniera netta. Un 4-1 incassato senza drammi: “Ci resti male se vieni surclassato da un avversario meno forte, in questa sfida il nostro antagonista era manifestamente più forte”.

Fenomeni? No grazie
Riconoscimento dei meriti altrui, divieto di rifugiarsi nelle solite giustificazioni di comodo (l’arbitro, le assenze, il campo avverso, il destino cinico e baro…). Sono veramente delle mosche bianche gli ‘altri’ biancocelesti chiavaresi. “Non vogliamo fare i fenomeni. E ci tengo a sottolineare che non è una scelta impostaci dall’alto. Essendo dilettanti all’ennesima potenza, l’autogestione finanziaria è una necessità, non una virtù. Ci tassiamo per sostenere i costi del torneo e la forma migliore che abbiamo trovata è quella di un regolamento interno con un campionario di multe da pagare a ogni effrazione: si va dalla bestemmia in campo alle squalifiche, passando per ammonizioni, ritardi agli allenamenti e altri comportamenti che danneggiano il rendimento della squadra. Sebbene l’entità delle ammende sia contenuta (si parte da 2 euro e non si sale oltre i 10 euro) a fine stagione ci troviamo un gruzzolo che adoperiamo per comprare gli attrezzi del mestiere, dai palloni ai cinesini – i tronchi di cono che servono per delimitare il campo degli esercizi – passano per maglie e altri indumenti di gioco”.

Un esempio da seguire
L’esperimento tentato il primo anno si è sviluppato torneo dopo torneo ed ora è una parte fondante del fenomeno rupinarese. “Il primo effetto è che abbiamo vinto per quattro volte la Coppa Disciplina della Terza Categoria e nella quinta ci siamo piazzati secondi. Ancora più importante, dal mio punto di vista, il secondo risultato ottenuto: i ragazzi hanno preteso che il codice di comportamento fosse mantenuto e che venisse ampliato. Ci hanno detto che si sentono tutelati maggiormente dall’avere un giudice terzo, imparziale, che traccia la rotta per tutti senza fare favoritismi”.
Sarebbe da farci un pensierino anche per organizzazioni e ambiti più elevati…”Noi ci accontentiamo di dare un esempio, sia pure piccolo. Lo stesso impegno dedicato alla prima squadra da due anni è stato esteso anche alle giovanili. Abbiamo allestito una Juniores e poi diverse leve di Primi Calci (6-9 anni) e una di Pulcini (10-11 anni)”. Una bella sfida in una città che ha un settore giovanile di livello nazionale. “Nessuna possibile concorrenza al vivaio dell’Entella. Siamo semplicemente un satellite che abbiamo pensato possa accogliere i ragazzini che per i più svariati motivi non hanno tempo e modo per approdare sulla stella principale. I genitori e i bambini possono scegliere un approccio al football che non è in opposizione ma semplicemente diverso da quello entelliano”.

Nei tornei provinciali le formazioni del Rupinaro Sport si stanno facendo onore. “E’ una riproduzione in scala del modello principale. Sia nei tornei principali che nei campionati CSI teniamo botta ed essere alle prime armi non ci fa sfigurare”. Sarebbe già percorso netto, ma Ghiorzo ha un altro fiore da mettere all’occhiello. “Abbiamo pensato e organizzato io, don Fausto, Devoto e Scarlasetta (gestore di una pagina Facebook su Internet completa e aggiornata come molte squadre ‘prof’ neppure si sognano) una manifestazione annuale, “Rupinaro incontra” dove invitiamo a parlare ai e con i nostri ragazzi alcune figure di spicco del calcio professionistico: dopo Ivano Bordon ed Enrico Mantovani, abbiamo per la prossima edizione intenzione di chiamare Antonio e Sabina Gozzi, la coppia presidenziale della Virtus Entella”.
Rupinaro chiama, le società professionistiche rispondono: vengono a fare un tuffo dove il prato è, per fortuna, più verde.

DANILO SANGUINETI

Ultimi video

Cosa c'è sotto la Colmata di Chiavari: al Mignon prosegue la battaglia per il no al depuratore
Intanto, spunta un video che segnala le anomalie della condotta a mare di Lavagna. Gli ambientalisti: “Episodio gravissimo”. E scatta la denuncia
I consiglieri di minoranza della Commissione per la riapertura del tribunale si dimettono
L'accusa: "La maggioranza vuole prendere l’autostrada in contromano, noi non li seguiremo”, e rimettono il mandato al Presidente del Consiglio
Alluvione Emilia-Romagna, la colonna mobile della Protezione Civile ligure sul campo
Luciano Devoto, referente del gruppo Croce Verde Chiavari: “Di tutte la catastrofi sulle quali sono intervenuto, questa è la peggiore"
Domenica 28 e lunedì 29 maggio Sestri Levante sceglierà il nuovo sindaco al ballottaggio
Intervista a Marcello Massucco e Francesco Solinas. Si torna la voto con l’incognita astensionismo. Ecco le varie posizioni
Tribunale del Tigullio, Messuti bacchetta la commissione di scopo: "Perde tempo"
Sorpresi i commissari: "Eravamo tutti d’accordo, e in commissione ci sono anche i suoi. Ora tocca ricominciare"
Istituto Comprensivo G.B. Della Torre: il nuovo anno si apre all'insegna della protesta
Tre classi della primaria non avranno gli spazi necessari. Il Comune: “Non è una scelta economica”. E le famiglie scendono in piazza
Il Comitato No al depuratore in Colmata chiede incontro al Sindaco e audizione in Regione
Promossi anche due eventi informativi sugli aspetti che hanno portato la tortuosa vicenda sempre più al centro del dibattito cittadino
Falcone: "C'era una volta il Dipartimento degli Appennini con capoluogo Chiavari"
La conferenza dell’avvocato emerito chiude in bellezza il ciclo di incontri del 18° Corso di cultura genovese organizzato da "O Castello"
Nuovo calendario per le visite guidate al Museo del Risorgimento della Società Economica
Un percorso museale ricco di memorabilia: dipinti, scritti, oggetti particolari del capitolo risorgimentale nel chiavarese

Altri articoli

La Sammargheritese può gioire: “Scusate l’assenza, siamo tornati in Eccellenza”

Il presidente Lenzo: "La retrocessione di quattro anni fa l’ho sempre sentita come una ferita che non si rimarginava"

Vela, il Trofeo Boletto va a ‘Black Samurai’, un Eleva 50 con skipper Giuseppe Porro

Il presidente dello Yacht Club Chiavari, Roberto Bosè: “Anche quest’anno abbiamo celebrato il nostro Golfo"