Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 16 maggio 2024 - Numero 322

Migranti, Mediterraneo e Mozambico, ovvero non esistono solo il bianco e il nero. A emergenza in atto, non ci sono soluzioni ideali al problema

Condividi su

di MATTEO GILLERIO *

Tra febbraio e settembre del 2011 il villaggio di Palma, al confine tra il Mozambico e la Tanzania, oggi tristemente noto per essere stata occupato dalla guerriglia islamista, è stato il punto di snodo di un importante flusso di migranti somali.

Ne parlo, nonostante sia una vicenda di oltre dieci anni fa che si è affacciata appena sulla stampa italiana, perché in quel periodo vi ho diretto l’ufficio locale di IOM, l’Organizzazione Internazionale delle Migrazioni, e ho studiato quel fenomeno migratorio in una posizione assolutamente privilegiata. L’analisi che segue nasce da quell’esperienza che è tecnicamente molto simile al fenomeno cui assistiamo tra le due sponde del Mediterraneo.

La nascita dell’emergenza
Per molteplici ragioni la rotta migratoria seguita dai migranti del Corno d’Africa verso il Sudafrica si spostò, in quella prima metà del 2011, dal centro del continente alla costa orientale. Barconi non differenti da quelli che vediamo approdare sulle nostre coste partivano dal Kenya per approdare alla foce del fiume Rovuma che segna il confine tra Tanzania e Mozambico, a 10 km da Palma.

All’epoca Palma era il capoluogo di un distretto di frontiera, in un punto secondario del confine collegato da piste che durante le piogge diventavano impraticabili. Antica cittadina coloniale, era decaduta dopo l’indipendenza e la guerra civile perdendo anche l’accesso all’energia elettrica che è stata riattivata solo all’inizio di quell’anno. Non era allora il centro nevralgico che sarebbe diventato dopo la scoperta del gas di fronte alle sue coste: pochi abitanti, i pochi servizi amministrativi del distretto, una scuola, un piccolo ospedale, la polizia, una pensione e non molto altro. Economicamente la città viveva di pesca di sussistenza, agricoltura artigianale e del commercio informale tipico delle cittadine di frontiera.

In un contesto dall’equilibrio precario l’arrivo di migliaia di persone ha sconvolto la vita del villaggio: i migranti somali arrivavano stremati e affamati, spesso malati, e occupavano campi, piazze e strade della zona cibandosi di quello che trovavano, in attesa di trovare i mezzi per proseguire il viaggio verso sud.

La posizione ufficiale del governo e della comunità internazionale
Il partito-governo mozambicano, di origine marxista e ancora fresco del ricordo dei profughi mozambicani che avevano trovato asilo nei paesi confinanti durante la guerra civile, era formalmente molto aperto verso i migranti (definiti indistintamente rifugiati). Dall’altra parte anche la comunità internazionale, che in Mozambico contribuiva per oltre il 50% al budget dello stato, faceva pressione perché fosse loro data accoglienza indiscriminata, appoggiata in questo dal sistema delle agenzie delle Nazioni Unite (tra cui la ‘mia’ IOM) e dalle ONG che supportavano una quota importante del welfare del Paese.

In forza di questa unità d’intenti vennero finanziati dei programmi di assistenza e di relocation dei migranti verso il grande campo di rifugiati costruito dall’UNHCR (L’alto Commissariato per i Rifugiati) a 500 km da Palma e le differenti agenzie (UNHCR, WFP, IOM) con alcune ONG crearono degli uffici a Palma per assistere il governo nella soluzione del problema. 

La realtà sul campo
Sul campo la realtà era di gran lunga meno idilliaca. ‘L’invasione’ aveva creato in una popolazione già al limite della sussistenza, disagi così importanti che si era creato un clima molto ostile. La polizia, le guardie di frontiera e le forze armate, presenti con una base della Marina Militare poco lontano, cominciarono ad agire in maniera contraria alle direttive ufficiali del governo attraverso respingimenti al di fuori di ogni regolamentazione, prelevando migranti dal campo di transito allestito dalle ONG e dalle Nazioni Unite o con ‘retate’ notturne lungo i pochi chilometri che separavano Palma dalla frontiera. Ho raccolto testimonianze, non verificabili, di violenze, speronamenti delle imbarcazioni, respingimenti in zone deserte o pericolose al confine con la Tanzania dove nel migliore dei casi il destino era il carcere. Ho visto persone ai limiti della sopravvivenza, alcuni morire di malaria o di chissà che altro, senza poter fare nulla.

Il nostro lavoro era di trasferire quante più persone possibile al campo dei rifugiati, prima che fossero ‘trasferiti’ in altra maniera, come in una surreale e ipocrita partita a guardie e ladri. Ricordo che un giorno all’alba fummo avvisati che stava avvenendo una retata al campo di transito; mi recai sul posto con un collaboratore e trovai il campo deserto. Al ritorno trovai sulla strada un gruppo di persone in abiti civili e armate di kalashnikov. Gli andai incontro e quando fui abbastanza vicino li riconobbi come poliziotti locali, anche loro mi riconobbero e, nonostante sapessimo tutti perché ci trovavamo lì e cosa fosse accaduto, ci demmo il buongiorno come fossimo a passeggio e ognuno proseguì per la propria strada, io con le gambe molli.

I ‘salvati’, una volta arrivati al campo per rifugiati, dopo aver riposato alcuni giorni e recuperato i contatti giusti, si allontanavano per affrontare l’ultima parte del viaggio fino alla terra promessa sudafricana. Alla fine del 2011 solo il 5% circa di coloro che entrarono in Mozambico era ancora nel campo, gli altri lo avevano lasciato autonomamente.

Grazie alle testimonianze che raccogliemmo potemmo ricostruire il percorso e la storia dell’ondata migratoria: su sollecitazione di ‘facilitatori’, una sorta di agenti di viaggio della migrazione illegale, venivano reclutati nei villaggi somali dei giovani che, sponsorizzati dalle loro comunità che si tassavano, pagavano il prezzo del viaggio ai trafficanti (in inglese sono chiamati ‘smugglers’, contrabbandieri, un termine più preciso per definire una tipologia criminale differente dal trafficante) e partivano per il Sudafrica. La rotta era definita dagli smugglers in base alle condizioni più favorevoli, che in quel 2011 prevedeva la navigazione costiera dal Kenya fino al Mozambico e la continuazione del viaggio via terra. Il campo di Rifugiati era diventato una sorta di punto di smistamento e le organizzazioni internazionali avevano di fatto fornito il trasporto sulla tratta dalla costa al campo stesso. Le testimonianze raccontavano le tragiche e terribili vicende che oggi vengono purtroppo riportate anche sulle pagine dei nostri giornali; la sola differenza è che quella storia tragica si è svolta essenzialmente fuori dai riflettori, in un angolo di mondo ‘nascosto’ e, allora, poco importante. La storia finisce con la ‘chiusura’ da parte delle organizzazioni criminali di una rotta diventata troppo rischiosa e difficile (quindi antieconomica per i criminali) e sostituita da altre.

Rifugiati o Migranti?
Normalmente ci riferiamo ai migranti come richiedenti asilo o rifugiati. In realtà il Richiedente asilo è una figura specifica, prevista dalla convenzione di Ginevra del ’51, che prevede, per la concessione dello status, presupposti chiari che vanno esaminati e valutati singolarmente. La convenzione venne stipulata avendo in mente le persecuzioni politiche, razziali e religiose che avevano insanguinato la prima parte del secolo scorso ed è oggi uno strumento inadeguato per rispondere alle moderne emergenze migratorie. Il problema è che non esiste nessun altro strumento di efficacia universale comparabile, dotato oltretutto di un’organizzazione (l’UNHCR) preposta a sostenerne l’utilizzo. La prassi internazionale, e quella dell’UNHCR stessa, ha quindi allargato la definizione creando una categoria indefinita (person of concern) che in breve significa che l’Alto commissariato si occupa di chi ha bisogno per temi legati alle migrazioni.

La soluzione alla lunga non è efficace perché esistono diverse categorie di persone con diverse esigenze da un lato, e dall’altro gli stati che devono poter differenziare le politiche a seconda della situazione. Tra un perseguitato politico e un migrante economico ci sono sicuramente degli aspetti comuni, in primis lo stato di necessità e l’essere persone con uguale dignità, ma anche differenze enormi di motivazione, condizione, esigenze pratiche…

Lo stato, se da una parte ha il dovere di garantire l’effettività della dignità umana proteggendo ogni persona, cittadino o meno, da qualsiasi persecuzione e discriminazione, deve poter normare e controllare gli ingressi dei migranti economici così da poter gestire l’integrazione ed essere in grado di garantire tanto a tutti coloro che sono accolti quanto ai propri cittadini lo stesso livello di assistenza e protezione.

Dalle interviste preliminari che abbiamo fatto a Palma è emerso che quasi nessuna delle persone che assistemmo aveva le caratteristiche necessarie ad essere inquadrata nella definizione di richiedente asilo della convenzione di Ginevra. Si trattava fondamentalmente di migranti economici che avevano pagato per migrare in un altro paese senza seguire le necessarie procedure legali. Tuttavia, per rispondere ad una obiettiva emergenza umanitaria la comunità internazionale ha fatto pressione perché tutti fossero inquadrati in questo schema, condizionando la posizione del governo mozambicano in questo senso.

Lo stesso governo, dovendo fare fronte all’emergenza complementare dei suoi cittadini, in condizioni già critiche, esposti a ulteriori sofferenza e tensioni, ha informalmente adottato, a livello locale, una politica di ‘respingimenti’ informali, al di fuori di ogni regola, garanzia o assistenza.

La voluta ambiguità nella qualifica del fenomeno, pur motivata da ragioni umanitarie, non ha permesso di affrontare le cause del problema né il ripetersi di fenomeni analoghi ed ha ‘de facto’ posto molte delle persone coinvolte in pericoli ulteriori rispetto a quelli legati al viaggio stesso.

Lo Stato e le organizzazioni internazionali
Il sistema delle organizzazioni internazionali in quell’occasione fece un buon lavoro dal punto di vista umanitario: raccolse e accompagnò molte persone sottraendole a respingimenti illegali che potevano concludersi anche con la morte ed eliminando i rischi e i disagi di un viaggio di 500 chilometri. Nonostante ciò, ricordo il disagio di quei giorni: stavo facilitando il lavoro degli smugglers, dei contrabbandieri, aumentando il loro margine economico e, di fatto, incoraggiando un fenomeno che avrebbe comunque causato morti e ingiustizie.

Il Governo mozambicano all’epoca agì in maniera non coerente attraverso rassicurazioni formali e deportazioni che violavano i diritti e l’incolumità delle persone. Questa politica, umanitariamente molto discutibile, fermò però il passaggio in una rotta pericolosa che avrebbe comunque causato ulteriori morti e ingiustizie.

Bianco, nero e grigio
Il fenomeno migratorio è un insieme disordinato di interessi, desideri, diritti, doveri spesso in conflitto tra loro. Qualsiasi risposta che assolutizza un elemento rispetto agli altri finirebbe inevitabilmente per generare degli effetti indesiderati.

Mi occupo solo dell’incolumità dei migranti? Incoraggio ulteriori movimenti e nuovi rischi, nuove emergenze, nuove violazioni dei diritti. Mi occupo di fermare il flusso migratorio a qualunque costo? Metto a rischio chi è già in movimento e chi partirebbe comunque, nego di fatto il diritto di asilo a chi, nel flusso migratorio, ne avrebbe i requisiti.

Potrei continuare ma il concetto è chiaro. Purtroppo, non esistono azioni solo buone o solo cattive di fronte al fenomeno migratorio ma questo non giustifica la non azione o soluzioni “di pancia” contro o a favore.

Quindi?
In Mozambico ho capito alcuni punti utili, forse banali ma poco considerati, per impostare una soluzione del problema.

  • È assolutamente necessario capire lo specifico fenomeno migratorio (da dove vengono i migranti, da dove partono, chi sono le organizzazioni criminali che facilitano il movimento) ed agire a livello di governi per mitigare o fermare il fenomeno.
  • All’interno del fenomeno migratorio è necessario distinguere i potenziali richiedenti asilo, coloro che sono con tutta evidenza migranti economici, e gruppi che richiedono una protezione particolare temporanea (i profughi ucraini per esempio). Ognuna di queste categorie ha bisogno di risposte diverse e lo stato ha diritto ad applicare trattamenti differenti, pur salvaguardando la dignità della persona e i suoi diritti fondamentali.
  • Le organizzazioni internazionali e le ONG possono avere una funzione di supporto ma la titolarità delle politiche migratorie è dei governi, anche perché gli interessi di associazioni private o di organizzazioni internazionali non coincidono necessariamente con quelli dei popoli che vivono in quei territori e dei loro governi legittimi. Per chiarezza: le ONG nel Mediterraneo non fanno innanzitutto salvataggi in mare ma sono attori nell’emergenza migratoria in atto attraverso l’assistenza ai profughi durante la traversata; con i dovuti distinguo è il lavoro che facevo io a Palma.

Non ritengo purtroppo che ci siano soluzioni ideali al problema, una volta che l’emergenza è in atto, e non penso che sia possibile eliminare completamente il fenomeno. Non resta che gestirlo nella maniera più razionale e non ideologica, sapendo che ogni soluzione ha delle controindicazioni e che alla fine del gioco gli unici vincitori saranno comunque i criminali che organizzano il sistema.

(* responsabile area Medio Oriente e Nord Africa di Duferco)

Ultimi video

Intervista alla senatrice Raffaella Paita, su infrastrutture e opere pubbliche: “Sono molto preoccupata, la Liguria deve andare avanti con trasparenza e legalità"
E sul depuratore di Chiavari: “L’approccio serio del comitato rileva temi di competenza comunitaria, il mio impegno in Europa per rivedere un progetto sbagliato”
Coreglia Ligure: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Elisabetta Lavezzo, “Tutti insieme per Coreglia Ligure", ed Ermanno Noce, “Per la Nostra Gente”
Moconesi: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Giovanni Dondero, “Lista Civica Insieme per Moconesi”, ed Elio Ugolini “Con noi per Moconesi in azione”
Neirone: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Rita Stasi, “Progetto Neirone”, e Stefano Sudermania, “Lista Civica Neirone”
Elezioni amministrative a Carasco. Due liste civiche in corsa per la poltrona di sindaco
Si ricandida il primo cittadino uscente Massimo Casaretto (Insieme per Carasco) e corre anche Boris Beronio (Progetto Carasco nel Cuore)
Elezioni Amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Una sola lista a Borzonasca
Nessuno sfida il candidato sindaco Giuseppino Maschio, Lista Civica Rinnovamento e Progresso. Ora l’incognita è il quorum
Il Comitato Assistenza Malati del Tigullio rivive in omaggio alla memoria e ai valori del suo fondatore Giancarlo Mordini
Il ricordo del suo esempio, nelle parole della figlia Maria Giulia, del presidente Marco Glorialanza e del professor Michele Brignole. Una via di Lavagna gli sarà intitolata
Recco, tre liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati alla poltrona di sindaco
Parlano gli aspiranti primi cittadini: “Finalmente Recco Andrea Brunelli Sindaco”, “Impegno per Recco Dario Capurro Sindaco" e “Lista per Recco Carlo Gandolfo Sindaco”
Lavagna, la campagna elettorale è entrata prepotentemente nell’ultimo Consiglio Comunale
Mangiante: “Sono amareggiato, atteggiamento provocatorio della minoranza, che ha rifiutato il confronto”. Replica Guido Stefani dall’opposizione: “Il presidente del consiglio mi ha tolto la parola"
Chiavari, in piazza per dire no al depuratore in colmata. Sotto a Palazzo Bianco, il presidio del Comitato fischia il sindaco e la giunta
Il portavoce Andrea Sanguineti: ”Abbiamo cercato il dialogo e il confronto, ma senza risultato. Ci mobiliteremo ancora, in ballo c’è il destino della nostra città”
Don Stefano Traini: “Il problema abitativo non è un’emergenza, ma un fatto ormai strutturale”
Il direttore della Caritas Diocesana fa un quadro su povertà e disagio sociale. Fenomeni che riguardano anche il Levante e il Tigullio: "A rischio il senso di comunità”
Cogorno, due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco
Gino Garibaldi, attuale sindaco in carica (Rinnovamento per Cogorno), e Oriano Castelli, consigliere comunale all’opposizione (Obiettivo Comune)
Il consigliere comunale d’opposizione Nicola Orecchia attacca sull'Economic Forum Giannini
"È costato alle casse comunali oltre 60mila euro, ha portato a Chiavari valenti esperti per parlare di clima e turismo, ma l’amministrazione ascolta solo quando le fa comodo”
Santa Margherita Ligure: due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno
Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco: Guglielmo Caversazio, lista “Uniti per Santa”, ed Emanuele Cozzio, lista “Cozzio sindaco”
Per il secondo anno ospiti della Virtus Entella, “Mille studenti in Campo”
Assemblea d’Istituto per degli studenti del Liceo Marconi Delpino, con attività educativa all’insegna dell’impegno solidale, ecologico e della battaglia per l’ambiente
Design ante litteram: la sedia leggera di Chiavari dall'Ottocento sino ad oggi
La somma delle storie delle aziende e degli artigiani raccontate in una mostra installazione nell’ex laboratorio Guido e Anna Rocca in via Piacenza 80. Gli organizzatori: "Il rilancio deve passare attraverso il design”
Carasco verso le elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati
Parlano Giustino Minoli, lista “Carasco nel cuore”, e Alfredo Rivara, lista “Progetto per Carasco”, che sfideranno Massimo Casaretto, sindaco uscente e ricandidato
Le intuizioni di Guglielmo Marconi che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione e dell'informazione di massa
“Con il cuore e il pensiero oltre l’orizzonte, Guglielmo Marconi e la nascita della radiotelegrafia”. A 150 anni dalla nascita, alla Società Economica una mostra evento
Prendersi cura di se stessi e dei propri cari con più conoscenze e consapevolezza: ecco come
A Chiavari, alla Società Economica, un incontro promosso dall’Associazione “I Fili”. Esperti professionisti e medici illustrano un corso teorico e pratico sulla gestione e l’assistenza dell'anziano a domicilio
Raccolte ancora 400 firme contro il depuratore in colmata. Ma l’amministrazione gira la testa dall’altra parte e annuncia l’inizio dei lavori
Il Comitato No al depuratore: “Questa opera provocherà a Chiavari una ferita irreparabile che porterà la firma di questi amministratori”
Lungo le Vie dell’ardesia. A Lavagna domenica 7 aprile il IX raduno Lions di auto e moto d’epoca e moderne
Un tracciato panoramico per promuovere le bellezze naturali. Il ricavato sarà destinato all’area inclusiva per i bimbi, realizzata dal comune nel Parco Tigullio
Chiavari: l’ambulatorio Veterinario Levante diventa Clinica, si trasferisce sul mare ed entra in Ca’ Zampa
Il Direttore Sanitario Gualtiero Tanturli: “Passione e cuore perché essere veterinari è un 'lavoro' nobile, favorito da un’evoluzione di tecnologie, strumentazioni e prevenzione”
Lavagna verso le elezioni amministrative - Intervista al candidato sindaco Claudio Lapetina
È a capo della lista "Lavagna Insieme": “Significa insieme per trovare le risposte ai problemi della città. A breve presenteremo l’intera squadra"
Chiavari, il consigliere Nicola Orecchia: "Emergenza abitativa, ancora tante domande senza risposte concrete"
"L’elenco senza fine della graduatoria rappresenta la distanza siderale tra gli alloggi necessari e quelli messi a disposizione dal Comune”
"Bettina Defilla: Poesia nell'arte”: alla Galleria G.F. Grasso a Chiavari le opere dell’artista
Si tratta del primo evento del programma annuale della rassegna “L’Arte in Economica”. Il figlio Andrea Copello: “Ho selezionato le sue ultime produzioni informali”
Cantero, si parte? C’è il progetto donato da Duferco, la Regione finanzierà l’acquisto
L’appello ai chiavaresi di Antonio Gozzi: “Le iniziative devono essere in grado di stare in piedi, non possiamo costruire cattedrali nel deserto”
Gian Alberto Mangiante si ricandida ad amministrare Lavagna. "La mia lista? Di lavagnesi, coesi nell’impegno per Lavagna"
Le dichiarazioni programmatiche del nuovo impegno per la città: “Guardare al futuro con le prerogative ed il rispetto che il territorio chiede”
"Alberto Salietti, pittore” e “Diari Pittorici”. Ravenna/Chiavari e ritorno 1892–1961. Le due città celebrano l’eredità dell’artista
Claudio Castellini, presidente di Tecnica Mista e co-curatore della mostra ravennate, ci racconta le fasi del progetto realizzato in collaborazione con la Società Economica di Chiavari
Tutti contrari al depuratore in colmata a Chiavari. La politica si compatta durante l’incontro pubblico
I consiglieri regionali prendono posizione. Sandro Garibaldi: “Non c’è chiarezza nelle carte". Gianni Pastorino: “Tutti insieme vincoleremo la volontà della Giunta Regionale”
A sei mesi dallo spostamento del capolinea Amt a Chiavari, i servizi ai capolinea e la sicurezza restano un miraggio
Federico Bairo - Rsa Usb di Amt: “Il trasporto pubblico è una risorsa, non un ingombro, ma l’amministrazione lo sposta nelle zone periferiche”
Continua l’ostinato silenzio dell’amministrazione sul degrado della collina di N.S. delle Grazie a Chiavari
Massimo Maugeri di Legambiente: “Il degrado è complice dell’abbandono, ma manca l’impegno, non solo le risorse economiche”
Emanuele Cozzio annuncia la sua candidatura a Sindaco di Santa Margherita Ligure
“Dopo 10 anni di impegno amministrativo, nel prendere questa decisione sento una grande responsabilità. Tradurrò l'esperienza vissuta in una prospettiva evolutiva, rivolta anche al mondo della società civile, con cui ho avuto modo di maturare un forte legame"
Cresce l’attesa per l’incontro pubblico organizzato dal Comitato No al depuratore in colmata
Appuntamento il 9 marzo a Casa Charitas a Chiavari. I dubbi e gli interrogativi dei cittadini al microfono di 'Piazza Levante' sulla scelta che riguarda il futuro
Lavagna, domenica 10 marzo “Giornata internazionale della donna, voci e danze: storie di donne dal mondo”
Un girotondo di interventi e danze, un appello per denunciare gli eventi che hanno riportato indietro le lancette dell’orologio delle conquiste civili delle donne
Alla Società Economica è andata in scena la presentazione del nuovo progetto di ristrutturazione del Teatro Cantero
Premesse e conclusioni dell’intervento di Antonio Gozzi, presidente del Gruppo Duferco. “Un regalo alla città, ai chiavaresi, sapendo che non siamo soli”
No al Depuratore: il 9 marzo al Teatro Charitas incontro pubblico con cittadini e politici
Il presidente del Comitato Andrea Sanguineti: “Trattati come sudditi, chi amministra deve delle risposte. Restano ancora aperti tutti gli interrogativi”
Asl4 costretta dal difensore civico ad anticipare visite ed esami
Nasce lo sportello a tema sanità pubblica e registra la prima, significativa, vittoria per il Comitato Impegno Comune promosso da Davide Grillo: “Un percorso che riduce le liste d’attesa”
A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"
Venerdì 1° dicembre, alle ore 18, alla Società Economica di Chiavari, la presentazione dell’ultimo libro di Getto Viarengo
L’autore dialogherà con il presidente dell’Entella Antonio Gozzi per illustrare il suo "L'albero della cuccagna", edito da Internòs
La Filarmonica di Chiavari presenta il calendario di “Dicembremusica 2023”
Danilo Marchello, direttore artistico: “Un programma ambizioso, si parte con la Sinfonia n.9 di Beethoven, un evento straordinario”
Depuratore a Chiavari il sindaco di Leivi Centanaro ribadisce: "Ancora attuale la mia proposta, valorizza la risorsa idrica ed evita lo scarico a mare”
Intanto, il consigliere regionale Gianni Pastorino di Linea Condivisa chiede un’audizione in Città Metropolitana
Iniziativa pubblica del Comitato No al Depuratore in Colmata: tutti in piazza
"Il 24 saremo davanti al Comune di Chiavari, non è una sfida, ma un invito all’amministrazione e tutta la città"
A Lavagna “Sono tutti cavoli nostri”, la presentazione della vice sindaca Elisa Covacci 
"Abbiamo tanta ricchezza di storia, tradizioni e gastronomia che rappresentano per noi motivo di fierezza e orgoglio da condividere"
La mareggiata flagella Chiavari. Il consigliere Orecchia sposa la causa del Comitato No al Depuratore in Colmata
Intanto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone non ritiene di dover rivedere il progetto, rispondendo alle interrogazioni di Luca Garibaldi e Gianni Pastorino
La consigliera Silvia Garibaldi interviene sulle ulteriori criticità che il maltempo ha fatto emergere
“Un depuratore non è un pavimento che si può ricostruire. Chi pagherebbe i danni incalcolabili di un disastro?": le domande che ci si sta facendo sempre di più in città
Davide Grillo: “Piano assunzioni poco chiaro e costi alti nel quadro della spesa pubblica”
L'ex candidato sindaco a Chiavari raccoglie le istanze delle organizzazioni sindacali del comune ed espone le sue riflessioni
La violenta mareggiata a Chiavari aumenta gli interrogativi sulla costruzione del depuratore in colmata
Legambiente interpella vertici e azionisti di Iren sui rischi e sulla oculatezza dei costi per le difese a mare
I volontari della Protezione Civile della Croce Verde di Chiavari impegnati anche in Toscana
A poche ore dall’emergenza sulle nostre coste, hanno proseguito l’attività di sostegno alle persone nelle aree più colpite dalle esondazioni
Chiude la libreria delle Paoline, Chiavari perde un pezzo di storia
Roberta Cassini e Goffredo Feretto a malincuore abbassano la saracinesca dopo 47 anni. “Ci vorrebbe un miracolo per salvarla”
Dall’evento "Sapori e storie verticali" nuovo impulso al progetto per la realizzazione del Parco Fluviale dell’Entella
Si riparte da sei Comuni. I sindaci di Cogorno e Leivi lanciano un accorato appello: “La Regione Liguria ci ascolti”
A un mese dallo spostamento del capolinea bus a Chiavari, le scuole chiedono un incontro al Sindaco
Gli istituti interessati dai cambiamenti: "Vogliamo analizzare le varie criticità. Ci sono conseguenze del traffico sulle ore di lezione"
L'autore Francesco Dario Rossi ci racconta il suo libro “Rileggere oggi Liala”
Un fenomeno da 10 milioni di copie vendute, snobbata dalla critica ma amata dal pubblico. Un Nom de plume, firmato D'Annunzio, diventato leggenda
Gianfranco Saffioti, "Il Meteorologo Ignorante”: "Così ho raggiunto 55.048 follower"
“Dobbiamo cambiare le modalità di comunicazione delle allerte. Al mio Ignotur sempre più persone che chiedono informazioni chiare"
Non c’è pace per chi vive e lavora sulla Piana dell’Entella. Ora anche la tromba d’aria
L'evento atmosferico assai violento abbattutosi su Lavagna ferisce e lascia ovunque i segni del suo passaggio. L'appello dei residenti: “Venite ad aiutarci”
L’ottava edizione di "Sapori & storie verticali" fa tappa anche a Lavagna
“Dai contratti di fiume al parco fluviale", il titolo dell’incontro che vedrà la partecipazione di esperti e sindaci
A Chiavari vietato mugugnare. I creatori del famoso gruppo di Facebook gettano la spugna
Parlano gli amministratori, dopo le querele che sono partite da parte del Comune di Chiavari: "L'aria per noi è diventata pesante"
Italia Nostra sollecita Regione e Soprintendenza al rispetto del vincolo di tutela della Piana dell’Entella
Parla l’avvocato Daniele Rovelli: “Devono essere rispettati i criteri di vera ingegneria naturalistica”
Alla Società Economica di Chiavari un convegno per ricordare il biologo e naturalista Federico Delpino
L'iniziativa organizzata a 190 anni dalla nascita. Una figura fuori dagli schemi. E soprattutto ancora attuale
Chiavari: i cittadini dell’ex capolinea di piazza dell’Orto ringraziano il sindaco per averli liberati dai miasmi
E gli studenti di piazza Nassiriya e i residenti di piazza Roma chi ringrazieranno? Il caso non pare essersi placato
Via al patto anti-inflazione anche nei supermercati Gulliver: “Una scelta in linea con la nostra strategia"
"Mettiamo al centro l’attenzione e la vicinanza alle persone e ai territori che ci ospitano. Un impegno che vorremmo prolungare"
Alla Società Economica di Chiavari la Mostra "I 200 anni della Anatomia Universa di Paolo Mascagni"
Una esposizione che ripercorre i lavori e gli studi del Mascagni e ne analizza i risvolti sulla medicina moderna
Che fine hanno fatto le aule per il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Chiavari? Lo chiede il consigliere Nicola Orecchia
“Questa Amministrazione va forte solo a parole”
Proprietari e operatori della piana dell’Entella accolgono il vincolo di tutela con moderato ottimismo
“Il disastro è stato fatto, chiediamo che venga ripristinato quello che è stato distrutto, anche se ci vorranno anni”

Altri articoli

No al depuratore in Colmata a Chiavari: com’è difficile per il comitato far sentire le sue ragioni

È stato deciso ad un certo punto di pubblicare un manifesto che punti l’attenzione sulle responsabilità dell’amministrazione locale. Ma questo stesso manifesto giace in attesa di autorizzazioni. Non si sa bene da parte di chi

Acciaio totalmente green entro il 2030: l’obiettivo è possibile. Siglato l’accordo tra Federacciai e Ministero dell’Economia

Il presidente Gozzi: "L'industria siderurgica italiana è già campione europeo nella decarbonizzazione. La chiave è quella di coniugare transizione energetica e competitività industriale"