Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 23 maggio 2024 - Numero 323

Livorno 1921. Da celebrare ci sono solo il discorso di Turati e le ragioni dei socialisti riformisti

Condividi su

di ANTONIO GOZZI

Ho una certa esperienza di centenari di partiti della sinistra italiana.

Sono stato segretario regionale del PSI ligure dal 1991 al 1994 ed ebbi l’incarico dalla direzione nazionale del Partito di organizzare a Genova, nell’estate/autunno del 1992, le manifestazioni del centenario del PSI, nato proprio a Genova 100 anni prima.

Le commemorazioni iniziarono nell’agosto con la presenza dell’allora Presidente del Consiglio, il socialista Giuliano Amato, all’inaugurazione in salita Pollaiuoli di una targa nell’osteria che ospitò Turati e la Kulishoff e i loro compagni nella notte precedente al Congresso alla sala dei Carabinieri Genovesi.

Le celebrazioni culminarono a novembre in una grande manifestazione al nuovo Carlo Felice, da poco inaugurato, cui parteciparono Bettino Craxi e il presidente emerito della Repubblica, Francesco Cossiga, che volle intervenire per rispetto verso il vecchio e glorioso PSI e anche per sottolineare l’assenza del Presidente della Repubblica di allora, Oscar Luigi Scalfaro che, invitato, si era ben guardato dal venire a Genova alle celebrazioni della nascita del più vecchio partito italiano.

Fu naturalmente per me e per moltissimi compagni un’esperienza intensissima e altamente emozionale preceduta da un grande lavoro di riflessione storica sulla nascita del PSI e sui suoi valori fondanti, che avevano contribuito per cento anni alla storia d’Italia.

Con riferimento al Congresso del PSI di Livorno del gennaio 1921 e alla nascita del Partito Comunista, la storia  famigliare mi ha dato la fortuna di raccogliere un’importante testimonianza. Il nonno di mia moglie Sabina, Guido Baldini, aveva partecipato direttamente a quel congresso. Suo cognato, l’allora deputato socialista Fabrizio Maffi, appartenente alla corrente massimalista di Serrati, l’aveva invitato ad accompagnarlo. Nonno Guido ci parlò molte volte di quella vicenda, raccontandoci che in interminabili passeggiate con Maffi sul lungomare di Livorno aveva cercato di convincerlo a non lasciare il PSI e che, guardando le cose in retrospettiva, era colpito di come non ci fosse stata in quel congresso sufficiente consapevolezza della catastrofe che stava arrivando con l’avvento del fascismo.

In effetti Fabrizio Maffi non lasciò in quell’occasione il PSI. Se ne sarebbe andato tre anni dopo seguendo Serrati per entrare nel PCI con quella che fu chiamata la scissione dei ‘terzini’, nel senso degli aderenti alla Terza Internazionale, quella comunista appunto.

Ho dunque una certa familiarità con la storia della sinistra italiana ed è stato per me abbastanza naturale in questi giorni soffermarmi sui temi della scissione comunista, del centenario della nascita del PCI e su come questi avvenimenti sono stati ricordati da commentatori, politici e analisti.

Ho letto molti articoli e saggi e seguito programmi televisivi.

Due mi sembrano i contributi più rilevanti ai fini della tesi del presente articolo contenuta nel titolo.

‘Il PCI e l’eredità di Turati’ di Paolo Franchi (edito da La nave di Teseo) e ‘La dannazione. 1921, la sinistra divisa all’alba del fascismo’ di Ezio Mauro (Feltrinelli). Ezio Mauro ha anche tratto dalle idee del libro un programma televisivo, prodotto per RAI 3, ‘La dannazione della sinistra. Cronache di una scissione’.

Mauro va sul campo a Livorno per mostrare i luoghi del Congresso, a partire dal Teatro Goldoni, descrive le varie fasi dell’Assemblea, riesce a ricostruire attraverso un documento inedito la disposizione in sala dei delegati. In varie parti del Teatro sono presenti tutti: i socialisti riformisti Turati (nell’immagine in alto), Treves, Modigliani, Matteotti; i socialisti massimalisti Serrati, Baratono, Maffi e molti altri; i futuri scissionisti comunisti Gramsci, Bordiga, Terracini e Bombacci.

Mauro intervista su quella vicenda anche esponenti di rilievo di quello che fu il PCI (Massimo D’Alema, Achille Occhetto, il compianto Emanuele Macaluso che rilascia probabilmente la sua ultima intervista, Luciana Castellina, Pierluigi Bersani, Ugo Sposetti, Fausto Bertinotti, Niki Vendola) e di quello che fu il PSI (Claudio Martelli e Ugo Intini).

Entrambi i contributi spaziano su due interrogativi. Quali siano state le ragioni delle divisioni a sinistra e in particolare dell’odio e del disprezzo, lungo questa storia centenaria, dei comunisti nei confronti dei socialisti riformisti e quali siano i valori di questa storia ancora utili alla definizione del profilo di una sinistra del nuovo millennio.

Anche alla luce di queste riflessioni, e delle opinioni manifestate e raccolte da esponenti di parte ex-comunista, è stato per me inevitabile fare confronti tra l’atmosfera e i contenuti del centenario del PSI e ciò che si è sentito in questi giorni.

Allora, sia pure in una situazione di estrema difficoltà (siamo all’inizio di Tangentopoli e il PSI è colpito da una campagna mediatica e giudiziaria durissima sul finanziamento del Partito che sfocerà nella fine della Prima Repubblica, nell’esilio di Craxi ad Hammamet e nell’avvento di Berlusconi) noi parlammo moltissimo della nostra storia e dei nostri valori, in particolare della tradizione del socialismo riformista (Turati, Matteotti, Nenni e Craxi) e liberale (Carlo e Nello Rosselli) e della sua straordinaria modernità.

Rivendicammo con orgoglio quella tradizione e quei valori convinti di essere stati e di essere dalla parte giusta della storia. L’intervento di Filippo Turati al Congresso di Livorno è un monumento a quella storia e a quei valori, ma su questo tornerò più avanti.

Se si fa eccezione per la Lectio Magistralis che Massimo D’Alema ha fatto alla Sapienza sul Centenario del PCI, una rivendicazione orgogliosa della storia di un partito che per lui non nasce nel 1921 ma al Congresso di Lione del 1926 dove viene fatto fuori Bordiga con i suoi estremismi, (ricostruzione sulla quale mi piacerebbe ritornare ma non ho spazio in questo articolo) ciò che colpisce degli interventi odierni degli esponenti del fu Partito Comunista è invece l’atteggiamento molto spesso evasivo, difensivo, talvolta imbarazzato di chi dopo cento anni non riesce ad avere l’onestà intellettuale di ammettere apertamente che a Livorno Turati aveva ragione e che comunisti e socialisti massimalisti avevano torto.

Sono più indietro del vecchio Terracini, protagonista della pattuglia comunista a Livorno che già trenta anni fa, nel 1982, scatenando un vero putiferio nel PCI, era stato l’unico tra i dirigenti storici del partito a riconoscere che a Livorno aveva ragione Turati.

Oggi gli esponenti del fu Partito Comunista fanno fatica a rivendicare o celebrare un gran che delle posizioni dei comunisti a Livorno. Fanno fatica, al di là della tradizionale sottolineatura del contributo dato dai comunisti alla Liberazione e alla democrazia, a valorizzare la storia di un partito influenzato e finanziato per quasi 70 anni da Mosca.

Anche i valori di quell’idea iniziale sono indifendibili giacché il comunismo, con la caduta del Muro di Berlino, è stato sconfitto dalla storia e dai popoli che lo avevano praticato/subito.

Di quella storia e di quei contenuti in effetti gli ex comunisti parlano poco, se non per ricordare il grande consenso raggiunto in Italia negli anni Settanta del secolo scorso, e l’importanza di una comunità di uomini e di donne, i militanti, che si sentono come dice Paolo Franchi “…una comunità di destino…” convinta dell’ideale romantico di una rivoluzione vagheggiata ma mai attuata, se non dai sovietici con mezzi dispotici. Molti di questi uomini e di queste donne versarono lacrime sincere quando, dopo la caduta del Muro di Berlino e il crollo dell’Unione Sovietica, finalmente i comunisti italiani con la svolta della Bolognina decisero di cambiare nome.

Ma l’eredità di Turati è lì come un macigno.

Quando Mauro intervistando D’Alema gli chiede “…ma in fondo Turati quando diceva che la sua concezione del socialismo era creare una cooperativa oggi, un sindacato di resistenza domani, posdomani occuparsi di cultura o conquistare un Comune o seggi in Parlamento, giorno dopo giorno… non aveva ragione?”, la risposta di D’Alema è: “Ma il PCI nella sua storia ha fatto esattamente questo…”, una giravolta retorica elegante per non dover dare formalmente ragione a Turati, dandogliela però nella sostanza. Terracini era stato più coraggioso.

È certamente vero che la comunità degli uomini e delle donne comuniste, degli amministratori locali del partito, di parte dei sindacalisti, agirono nel dopoguerra della Repubblica nella loro attività quotidiana secondo questa impostazione ‘riformista’.

Ma non si può dire la stessa cosa per le scelte di politica nazionale e internazionale del partito: sempre in ritardo, spesso dalla parte sbagliata, come nel 1956 con i fatti di Ungheria, oppure titubanti come nel 1968 sui fatti di Praga. Si pensi che Berlinguer, dopo aver condannato in patria l’invasione dei carri armati sovietici, nel 1969 alla Conferenza Internazionale dei partiti comunisti evitò ogni riferimento alla Cecoslovacchia, tanto che al suo ritorno a Roma ‘il Manifesto’ titolò: ‘Praga è sola’, e questa retromarcia portò nella settimana successiva alla rottura e radiazione di Rossana Rossanda, Luigi Pintor, Lucio Magri e Massimo Caprara.

O ancora si pensi alla durissima battaglia condotta dal PCI contro i socialisti nel centro sinistra (sempre rappresentati come succubi alla DC), contro la programmazione, contro la politica dei redditi, contro la revisione della scala mobile, contro il dispiegamento in Italia, a metà degli anni Ottanta del secolo scorso, dei missili Pershing in risposta agli SS20 sovietici. Solo molto tempo dopo si scoprì che molte di quelle manifestazioni della pace con le bandiere arcobaleno e tanti giovani partecipanti erano state finanziate dai servizi segreti sovietici.

Nella politica italiana il PCI ebbe sempre con i socialisti autonomisti e riformisti, e cioè con quelli non disponibili ad allinearsi alla politica di Botteghe Oscure, l’atteggiamento di odio e di disprezzo di cui si diceva prima. Fu così con Nenni quando dopo i fatti di Ungheria restituì ai russi il premio Stalin ricevuto qualche anno prima, fu così sempre con Nenni ai tempi del primo governo di Centro-Sinistra, fu così soprattutto con Bettino Craxi, primo Presidente del Consiglio socialista della storia italiana, definito da Berlinguer “un pericolo per la democrazia” quando contestò apertamente l’egemonia del PCI sulla sinistra. Quell’odio senza quartiere sparso anche verso la base (ricorderete le ‘trippe alla Bettino’ nelle feste dell’Unità) sfociò nell’orrore delle monetine al Rafael che non furono una manifestazione spontanea.

Quale sia il motivo per cui gli ex-comunisti non abbiano il coraggio di dare solennemente ragione a Turati, nonostante l’autorevole precedente di Terracini, mi sfugge. È forse lo stesso motivo per il quale, caduto il muro di Berlino e caduto il comunismo, cominciò da parte loro una narrazione che diceva che ‘sì il comunismo era morto, ma che anche la socialdemocrazia in Europa non se la passava tanto bene’. Cosa anche parzialmente vera sul piano elettorale, ma falsa sul piano dei contenuti e dei valori.

Nessuno degli ex-comunisti ha mai chiesto scusa ai socialisti per averli a più riprese, in questi cento anni, definiti ‘social-traditori’ o ‘social-fascisti’. Nessuno di loro, a mia conoscenza, ha criticato Togliatti che a proposito del libro di Carlo Rosselli ‘Socialismo liberale’ diceva che quel libro “…si collega in modo diretto alla letteratura politica fascista…”; nessuno ha preso le distanze dalle affermazioni di Gramsci, che dopo l’assassinio di Giacomo Matteotti da parte di sicari fascisti lo definì “…il pellegrino del nulla” , e che tuonava contro “…il semifascismo di Amendola, Sturzo e Turati”, così rompendo il fronte democratico e antifascista dell’Aventino.

Il centenario della nascita del PCI poteva e potrebbe ancora essere l’occasione per una seria revisione storica, per una vera autocoscienza sulle tragiche illusioni e sugli errori della storia comunista in Italia.

Come si è detto il punto dolente, il nodo mai sciolto neanche con il cambiamento di nome, è il legame inscindibile, permanente, drammatico, talvolta tragico, del PCI con Mosca e con i sovietici per la stragrande maggioranza della sua storia.

A ben vedere la nascita e la morte del PCI dipendono da Mosca.

A Livorno, l’atto di nascita è segnato dall’arrivo dell’inviato di Mosca, il bulgaro Christo Stefanov Kabakciev (i sovietici spesso hanno affidato ai bulgari il lavoro sporco) che chiede la scomunica e l’espulsione di Turati e dei riformisti e l’adesione del PSI all’Internazionale Comunista. Rifiutando i socialisti di aderire al diktat di Mosca, i comunisti lasciano il congresso e fondano in un altro teatro livornese il PC d’I, poi PCI. Ma anche la morte del PCI è sotto il segno moscovita: i comunisti italiani infatti cambiano il nome del partito un giorno dopo la caduta dell’impero sovietico, non un giorno prima.

Ernesto Galli della Loggia proprio ad un convegno dell’Istituto Gramsci precisa: “Non c’è nessuno storico italiano degno di questo nome che abbia sostenuto che il PCI fosse un partito eterodiretto, cioè un burattino. Il punto non è l’eterodirezione ma il legame di ferro, il fatto che, pur in un complesso intreccio, il decisore di ultima istanza fu sempre, fino al 1989, l’Unione Sovietica”.

I dirigenti comunisti italiani si sono sempre sentiti parte di un movimento anti-capitalista e anti-imperialista. Hanno sempre praticato un duro centralismo democratico e soprattutto si sono sentiti parte del movimento comunista internazionale in contrapposizione sistematica al socialismo europeo e occidentale.

Nella loro storia, e in qualche modo ancora oggi, tutto viene giustificato sempre con un deterministico stato di necessità, con un’impossibilità di fare altrimenti nel contesto dato, con un rifiuto della possibilità di scegliere diversamente .

E qui torniamo all’intervento di Turati a Livorno. Un intervento gigantesco, profetico, in cui il fondatore del PSI richiama tutti i punti essenziali di un socialismo “dal volto umano” e non di un comunismo imposto con il filo delle baionette e i cingoli dei carri armati. Un intervento sui contenuti del quale varrebbe davvero la pena di aprire onestamente il confronto a sinistra celebrando l’unica cosa davvero importante del Congresso di Livorno per il futuro nostro.

Riporto ampi stralci di quell’ intervento che consiglio a tutti di leggere nella totalità.

Il primo tema toccato dal padre del socialismo italiano è proprio quello della violenza e della dittatura del proletariato.

“…la violenza per noi non è, e non può essere un programma che alcuni accettano pienamente e vogliono organizzare, e altri accettano soltanto a metà…”, il riferimento è ai comunisti e ai socialisti massimalisti.

“…la dittatura del proletariato è per noi o dittatura di minoranza, e allora non è che dispotismo il quale genererà inevitabilmente la controrivoluzione, o è dittatura della maggioranza ed è un evidente non senso, una contraddizione in termini poiché la maggioranza è la sovranità legittima, non può essere dittatura…”.

Altra questione fondamentale è la libertà di pensiero.

“…altro punto di dissenso da voi [comunisti, ndr] è la coercizione del pensiero, la persecuzione, all’interno del Partito, dell’eresia, che fu l’origine ed è la vita stessa del Partito, la sua grande forza salvatrice e rinnovatrice, la garanzia che esso possa lottare contro le forze materiali e morali che gli si parano contro… Perché nessuna formula – neanche quella di Mosca – sostituirà mai il possesso di un cervello, che, in contatto con i fatti e con le esperienze, ha il dovere di funzionare…”.

Altro tema cruciale è la spiegazione di cosa sia e di cosa debba essere l’azione socialista.

“…Ora questi tre concetti [violenza, dittatura del proletariato, negazione della libertà di pensiero e del diritto al dissenso, ndr] si risolvono poi sempre in uno solo: nel culto della violenza, sia esterna che interna, e hanno tutti e tre un presupposto, nel quale è il vero punto di divergenza tra di noi: l’illusione che la rivoluzione sia il fatto volontario di un giorno o di un mese, sia l’improvviso calare di uno scenario o l’alzarsi di un sipario, sia il fatto di domani e di un posdomani del calendario. La rivoluzione sociale non è il fatto di un giorno o di un mese, è il fatto di oggi, di ieri, di domani, è il fatto di sempre, che esce dalle viscere stesse della società, del quale noi creiamo soltanto la consapevolezza…”.

“…il ‘marcio riformismo’ secondo alcuni, il socialismo secondo noi… tesse la sua tela ogni giorno, non fa sperare in miracoli, crea coscienze, sindacati, cooperative, conquista leggi sociali utili ai lavoratori, sviluppa la cultura popolare, si impossessa dei Comuni, del Parlamento… crea lentamente la maturità degli animi e delle cose, prepara lo Stato di domani e gli uomini capaci di manovrarne il timone…”.

C’è in Turati anche la piena consapevolezza che il culto e la pratica della violenza genereranno tragedie. C’è l’acuto sentore dell’avvento del fascismo, pericolo che non viene colto né dai comunisti né dai socialisti massimalisti.

“…Voi temete oggi di ricostruire per la borghesia, preferite di lasciar crollare la casa comune e fate vostro il tanto peggio, tanto meglio degli anarchici, senza pensare che il tanto peggio non dà incremento che alla guardia regia e al fascismo…”.

Turati è lucidissimo e profetico anche sul dispotismo orientale sovietico. Sempre rivolgendosi ai comunisti: “Fra qualche anno il mito russo, che avete il torto di confondere con la rivoluzione (…) sarà evaporato, e il bolscevismo attuale o sarà caduto o si sarà trasformato. Sotto le lezioni dell’esperienza (…) le vostre affermazioni di oggi saranno da voi stessi abbandonate (…). Avrete capito allora, intelligenti come siete, che la forza del bolscevismo russo è nel peculiare nazionalismo che vi sta sotto, nazionalismo che avrà una grande influenza nella storia del mondo (…) ma che è pur sempre una forma di imperialismo… Noi non possiamo seguire ciecamente il bolscevismo perché diventeremmo per l’appunto lo strumento di un imperialismo eminentemente orientale”.

E infine il messaggio più importante e impegnativo: “…Se volete fare qualcosa che sia rivoluzionaria davvero, che rimanga come elemento di civiltà nuova, sarete forzati a vostro dispetto, ma dopo ci verrete, perché siete onesti, con convinzione, a percorrere la nostra via, a percorrere la via dei socialtraditori”.

Come si fa a non rimanere colpiti dalla visione preveggente, lucida e profetica di questo gigante del pensiero politico moderno? Come si fa a non avere il coraggio di dargli ragione e di ripartire dalla sua visione gentile, non violenta, gradualistica, culturale, oltre che politica e sociale, dell’emancipazione dei più deboli?

Livorno ci lascia in eredità soprattutto questo. L’illusione di una rivoluzione sanguinaria e fallita a quanto pare non ha eredi.

Ultimi video

L'europarlamentare Maria Angela Danzì: “Le nuove direttive europee che entreranno in vigore bocciano i depuratori invasivi"
"Questi impianti consumano energia senza recuperare l’acqua, basta sacrificare posti turistici come Chiavari danneggiandone l’economia”
Il Comitato contro il depuratore in colmata continua a sollecitare il dialogo con l’amministrazione chiavarese
Il presidente Andrea Sanguineti: “Con i volantini che ritraggono gli amministratori abbiamo voluto ricordare la grave responsabilità di ciascun componente della giunta”
Terza edizione del “Premio Mimmo Angeli’, storico direttore del Corriere Mercantile. 'Piazza Levante' premia tre giornalisti
Riconoscimenti a Ilaria D’Amico, Andrea Malaguti e Daniele Raineri. “Fare informazione oggi tra fake news e social network”. Il video integrale dell'evento
Leivi, elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno: tre liste civiche in campo
Sfida tra “Forza Leivi”, candidato sindaco Antonio Giorgio Solari; “Leivi Domani”, candidato sindaco Severino De Mattei; "Leivi Tradizione e Sviluppo”, candidato sindaco Gabriele Pisani
Intervista alla senatrice Raffaella Paita, su infrastrutture e opere pubbliche: “Sono molto preoccupata, la Liguria deve andare avanti con trasparenza e legalità"
E sul depuratore di Chiavari: “L’approccio serio del comitato rileva temi di competenza comunitaria, il mio impegno in Europa per rivedere un progetto sbagliato”
Coreglia Ligure: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Elisabetta Lavezzo, “Tutti insieme per Coreglia Ligure", ed Ermanno Noce, “Per la Nostra Gente”
Moconesi: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Giovanni Dondero, “Lista Civica Insieme per Moconesi”, ed Elio Ugolini “Con noi per Moconesi in azione”
Neirone: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Rita Stasi, “Progetto Neirone”, e Stefano Sudermania, “Lista Civica Neirone”
Elezioni amministrative a Carasco. Due liste civiche in corsa per la poltrona di sindaco
Si ricandida il primo cittadino uscente Massimo Casaretto (Insieme per Carasco) e corre anche Boris Beronio (Progetto Carasco nel Cuore)
Elezioni Amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Una sola lista a Borzonasca
Nessuno sfida il candidato sindaco Giuseppino Maschio, Lista Civica Rinnovamento e Progresso. Ora l’incognita è il quorum
Il Comitato Assistenza Malati del Tigullio rivive in omaggio alla memoria e ai valori del suo fondatore Giancarlo Mordini
Il ricordo del suo esempio, nelle parole della figlia Maria Giulia, del presidente Marco Glorialanza e del professor Michele Brignole. Una via di Lavagna gli sarà intitolata
Recco, tre liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati alla poltrona di sindaco
Parlano gli aspiranti primi cittadini: “Finalmente Recco Andrea Brunelli Sindaco”, “Impegno per Recco Dario Capurro Sindaco" e “Lista per Recco Carlo Gandolfo Sindaco”
Lavagna, la campagna elettorale è entrata prepotentemente nell’ultimo Consiglio Comunale
Mangiante: “Sono amareggiato, atteggiamento provocatorio della minoranza, che ha rifiutato il confronto”. Replica Guido Stefani dall’opposizione: “Il presidente del consiglio mi ha tolto la parola"
Chiavari, in piazza per dire no al depuratore in colmata. Sotto a Palazzo Bianco, il presidio del Comitato fischia il sindaco e la giunta
Il portavoce Andrea Sanguineti: ”Abbiamo cercato il dialogo e il confronto, ma senza risultato. Ci mobiliteremo ancora, in ballo c’è il destino della nostra città”
Don Stefano Traini: “Il problema abitativo non è un’emergenza, ma un fatto ormai strutturale”
Il direttore della Caritas Diocesana fa un quadro su povertà e disagio sociale. Fenomeni che riguardano anche il Levante e il Tigullio: "A rischio il senso di comunità”
Cogorno, due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco
Gino Garibaldi, attuale sindaco in carica (Rinnovamento per Cogorno), e Oriano Castelli, consigliere comunale all’opposizione (Obiettivo Comune)
Il consigliere comunale d’opposizione Nicola Orecchia attacca sull'Economic Forum Giannini
"È costato alle casse comunali oltre 60mila euro, ha portato a Chiavari valenti esperti per parlare di clima e turismo, ma l’amministrazione ascolta solo quando le fa comodo”
Santa Margherita Ligure: due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno
Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco: Guglielmo Caversazio, lista “Uniti per Santa”, ed Emanuele Cozzio, lista “Cozzio sindaco”
Per il secondo anno ospiti della Virtus Entella, “Mille studenti in Campo”
Assemblea d’Istituto per degli studenti del Liceo Marconi Delpino, con attività educativa all’insegna dell’impegno solidale, ecologico e della battaglia per l’ambiente
Design ante litteram: la sedia leggera di Chiavari dall'Ottocento sino ad oggi
La somma delle storie delle aziende e degli artigiani raccontate in una mostra installazione nell’ex laboratorio Guido e Anna Rocca in via Piacenza 80. Gli organizzatori: "Il rilancio deve passare attraverso il design”
Carasco verso le elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati
Parlano Giustino Minoli, lista “Carasco nel cuore”, e Alfredo Rivara, lista “Progetto per Carasco”, che sfideranno Massimo Casaretto, sindaco uscente e ricandidato
Le intuizioni di Guglielmo Marconi che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione e dell'informazione di massa
“Con il cuore e il pensiero oltre l’orizzonte, Guglielmo Marconi e la nascita della radiotelegrafia”. A 150 anni dalla nascita, alla Società Economica una mostra evento
Prendersi cura di se stessi e dei propri cari con più conoscenze e consapevolezza: ecco come
A Chiavari, alla Società Economica, un incontro promosso dall’Associazione “I Fili”. Esperti professionisti e medici illustrano un corso teorico e pratico sulla gestione e l’assistenza dell'anziano a domicilio
Raccolte ancora 400 firme contro il depuratore in colmata. Ma l’amministrazione gira la testa dall’altra parte e annuncia l’inizio dei lavori
Il Comitato No al depuratore: “Questa opera provocherà a Chiavari una ferita irreparabile che porterà la firma di questi amministratori”
Lungo le Vie dell’ardesia. A Lavagna domenica 7 aprile il IX raduno Lions di auto e moto d’epoca e moderne
Un tracciato panoramico per promuovere le bellezze naturali. Il ricavato sarà destinato all’area inclusiva per i bimbi, realizzata dal comune nel Parco Tigullio
Chiavari: l’ambulatorio Veterinario Levante diventa Clinica, si trasferisce sul mare ed entra in Ca’ Zampa
Il Direttore Sanitario Gualtiero Tanturli: “Passione e cuore perché essere veterinari è un 'lavoro' nobile, favorito da un’evoluzione di tecnologie, strumentazioni e prevenzione”
Lavagna verso le elezioni amministrative - Intervista al candidato sindaco Claudio Lapetina
È a capo della lista "Lavagna Insieme": “Significa insieme per trovare le risposte ai problemi della città. A breve presenteremo l’intera squadra"
Chiavari, il consigliere Nicola Orecchia: "Emergenza abitativa, ancora tante domande senza risposte concrete"
"L’elenco senza fine della graduatoria rappresenta la distanza siderale tra gli alloggi necessari e quelli messi a disposizione dal Comune”
"Bettina Defilla: Poesia nell'arte”: alla Galleria G.F. Grasso a Chiavari le opere dell’artista
Si tratta del primo evento del programma annuale della rassegna “L’Arte in Economica”. Il figlio Andrea Copello: “Ho selezionato le sue ultime produzioni informali”
Cantero, si parte? C’è il progetto donato da Duferco, la Regione finanzierà l’acquisto
L’appello ai chiavaresi di Antonio Gozzi: “Le iniziative devono essere in grado di stare in piedi, non possiamo costruire cattedrali nel deserto”
Gian Alberto Mangiante si ricandida ad amministrare Lavagna. "La mia lista? Di lavagnesi, coesi nell’impegno per Lavagna"
Le dichiarazioni programmatiche del nuovo impegno per la città: “Guardare al futuro con le prerogative ed il rispetto che il territorio chiede”
"Alberto Salietti, pittore” e “Diari Pittorici”. Ravenna/Chiavari e ritorno 1892–1961. Le due città celebrano l’eredità dell’artista
Claudio Castellini, presidente di Tecnica Mista e co-curatore della mostra ravennate, ci racconta le fasi del progetto realizzato in collaborazione con la Società Economica di Chiavari
Tutti contrari al depuratore in colmata a Chiavari. La politica si compatta durante l’incontro pubblico
I consiglieri regionali prendono posizione. Sandro Garibaldi: “Non c’è chiarezza nelle carte". Gianni Pastorino: “Tutti insieme vincoleremo la volontà della Giunta Regionale”
A sei mesi dallo spostamento del capolinea Amt a Chiavari, i servizi ai capolinea e la sicurezza restano un miraggio
Federico Bairo - Rsa Usb di Amt: “Il trasporto pubblico è una risorsa, non un ingombro, ma l’amministrazione lo sposta nelle zone periferiche”
Continua l’ostinato silenzio dell’amministrazione sul degrado della collina di N.S. delle Grazie a Chiavari
Massimo Maugeri di Legambiente: “Il degrado è complice dell’abbandono, ma manca l’impegno, non solo le risorse economiche”
Emanuele Cozzio annuncia la sua candidatura a Sindaco di Santa Margherita Ligure
“Dopo 10 anni di impegno amministrativo, nel prendere questa decisione sento una grande responsabilità. Tradurrò l'esperienza vissuta in una prospettiva evolutiva, rivolta anche al mondo della società civile, con cui ho avuto modo di maturare un forte legame"
Cresce l’attesa per l’incontro pubblico organizzato dal Comitato No al depuratore in colmata
Appuntamento il 9 marzo a Casa Charitas a Chiavari. I dubbi e gli interrogativi dei cittadini al microfono di 'Piazza Levante' sulla scelta che riguarda il futuro
Lavagna, domenica 10 marzo “Giornata internazionale della donna, voci e danze: storie di donne dal mondo”
Un girotondo di interventi e danze, un appello per denunciare gli eventi che hanno riportato indietro le lancette dell’orologio delle conquiste civili delle donne
Alla Società Economica è andata in scena la presentazione del nuovo progetto di ristrutturazione del Teatro Cantero
Premesse e conclusioni dell’intervento di Antonio Gozzi, presidente del Gruppo Duferco. “Un regalo alla città, ai chiavaresi, sapendo che non siamo soli”
No al Depuratore: il 9 marzo al Teatro Charitas incontro pubblico con cittadini e politici
Il presidente del Comitato Andrea Sanguineti: “Trattati come sudditi, chi amministra deve delle risposte. Restano ancora aperti tutti gli interrogativi”
Asl4 costretta dal difensore civico ad anticipare visite ed esami
Nasce lo sportello a tema sanità pubblica e registra la prima, significativa, vittoria per il Comitato Impegno Comune promosso da Davide Grillo: “Un percorso che riduce le liste d’attesa”
A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"
Venerdì 1° dicembre, alle ore 18, alla Società Economica di Chiavari, la presentazione dell’ultimo libro di Getto Viarengo
L’autore dialogherà con il presidente dell’Entella Antonio Gozzi per illustrare il suo "L'albero della cuccagna", edito da Internòs
La Filarmonica di Chiavari presenta il calendario di “Dicembremusica 2023”
Danilo Marchello, direttore artistico: “Un programma ambizioso, si parte con la Sinfonia n.9 di Beethoven, un evento straordinario”
Depuratore a Chiavari il sindaco di Leivi Centanaro ribadisce: "Ancora attuale la mia proposta, valorizza la risorsa idrica ed evita lo scarico a mare”
Intanto, il consigliere regionale Gianni Pastorino di Linea Condivisa chiede un’audizione in Città Metropolitana
Iniziativa pubblica del Comitato No al Depuratore in Colmata: tutti in piazza
"Il 24 saremo davanti al Comune di Chiavari, non è una sfida, ma un invito all’amministrazione e tutta la città"
A Lavagna “Sono tutti cavoli nostri”, la presentazione della vice sindaca Elisa Covacci 
"Abbiamo tanta ricchezza di storia, tradizioni e gastronomia che rappresentano per noi motivo di fierezza e orgoglio da condividere"
La mareggiata flagella Chiavari. Il consigliere Orecchia sposa la causa del Comitato No al Depuratore in Colmata
Intanto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone non ritiene di dover rivedere il progetto, rispondendo alle interrogazioni di Luca Garibaldi e Gianni Pastorino
La consigliera Silvia Garibaldi interviene sulle ulteriori criticità che il maltempo ha fatto emergere
“Un depuratore non è un pavimento che si può ricostruire. Chi pagherebbe i danni incalcolabili di un disastro?": le domande che ci si sta facendo sempre di più in città
Davide Grillo: “Piano assunzioni poco chiaro e costi alti nel quadro della spesa pubblica”
L'ex candidato sindaco a Chiavari raccoglie le istanze delle organizzazioni sindacali del comune ed espone le sue riflessioni
La violenta mareggiata a Chiavari aumenta gli interrogativi sulla costruzione del depuratore in colmata
Legambiente interpella vertici e azionisti di Iren sui rischi e sulla oculatezza dei costi per le difese a mare
I volontari della Protezione Civile della Croce Verde di Chiavari impegnati anche in Toscana
A poche ore dall’emergenza sulle nostre coste, hanno proseguito l’attività di sostegno alle persone nelle aree più colpite dalle esondazioni
Chiude la libreria delle Paoline, Chiavari perde un pezzo di storia
Roberta Cassini e Goffredo Feretto a malincuore abbassano la saracinesca dopo 47 anni. “Ci vorrebbe un miracolo per salvarla”
Dall’evento "Sapori e storie verticali" nuovo impulso al progetto per la realizzazione del Parco Fluviale dell’Entella
Si riparte da sei Comuni. I sindaci di Cogorno e Leivi lanciano un accorato appello: “La Regione Liguria ci ascolti”
A un mese dallo spostamento del capolinea bus a Chiavari, le scuole chiedono un incontro al Sindaco
Gli istituti interessati dai cambiamenti: "Vogliamo analizzare le varie criticità. Ci sono conseguenze del traffico sulle ore di lezione"
L'autore Francesco Dario Rossi ci racconta il suo libro “Rileggere oggi Liala”
Un fenomeno da 10 milioni di copie vendute, snobbata dalla critica ma amata dal pubblico. Un Nom de plume, firmato D'Annunzio, diventato leggenda
Gianfranco Saffioti, "Il Meteorologo Ignorante”: "Così ho raggiunto 55.048 follower"
“Dobbiamo cambiare le modalità di comunicazione delle allerte. Al mio Ignotur sempre più persone che chiedono informazioni chiare"
Non c’è pace per chi vive e lavora sulla Piana dell’Entella. Ora anche la tromba d’aria
L'evento atmosferico assai violento abbattutosi su Lavagna ferisce e lascia ovunque i segni del suo passaggio. L'appello dei residenti: “Venite ad aiutarci”
L’ottava edizione di "Sapori & storie verticali" fa tappa anche a Lavagna
“Dai contratti di fiume al parco fluviale", il titolo dell’incontro che vedrà la partecipazione di esperti e sindaci
A Chiavari vietato mugugnare. I creatori del famoso gruppo di Facebook gettano la spugna
Parlano gli amministratori, dopo le querele che sono partite da parte del Comune di Chiavari: "L'aria per noi è diventata pesante"
Italia Nostra sollecita Regione e Soprintendenza al rispetto del vincolo di tutela della Piana dell’Entella
Parla l’avvocato Daniele Rovelli: “Devono essere rispettati i criteri di vera ingegneria naturalistica”
Alla Società Economica di Chiavari un convegno per ricordare il biologo e naturalista Federico Delpino
L'iniziativa organizzata a 190 anni dalla nascita. Una figura fuori dagli schemi. E soprattutto ancora attuale
Chiavari: i cittadini dell’ex capolinea di piazza dell’Orto ringraziano il sindaco per averli liberati dai miasmi
E gli studenti di piazza Nassiriya e i residenti di piazza Roma chi ringrazieranno? Il caso non pare essersi placato

Altri articoli

Con la libertà di espressione non si scherza. Storia di un manifesto che ha fatto fatica a essere affisso

Il Comune non può sindacare sul contenuto dei manifesti da affiggere, sarebbe una palese violazione dell’art.21 della Costituzione sulla libertà di espressione

Le brutte vicende genovesi non devono essere l’alibi per rilanciare il declinismo

La Liguria è una regione che negli ultimi trent'anni ha perso progressivamente colpi vivendo un declino che a poco a poco ci ha condotti alla marginalità