Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 6 giugno 2024 - Numero 325

Il dibattito sul verde di ‘Piazza Levante’ – La dimensione sociale del paesaggio, tra passato, presente e futuro

Condividi su

di ANNA MARIA STAGNO *

Ho messo all’inizio di queste note la foto di un’imponente ceppaia di castagno, una delle tante che si possono ancora incontrare nei boschi della Liguria e non solo. Spesso, infatti, i vecchi esemplari non sono più presenti, ma la loro traccia rimane in ceppaie con i polloni che crescono intorno ad essi in larghi cerchi. In alcuni casi, i resti dei vecchi tronchi tagliati alla base sono ancora visibili, in altri è riconoscibile solo il cosiddetto ‘anello’ di polloni cresciuti intorno alla ceppaia morente.

Questa foto l’ho scattata non lontano dal Monte Tugio (Uscio) il marzo scorso. È un oggetto interessante perché a partire da un solo oggetto (vivente) si possono raccontare almeno tre storie diverse.

Nel caso dei castagni, si tratta sempre di ceppaie ricavate dal taglio di esemplari da frutto, quando furono avviati alla ceduazione (cioè tagliati alla base). Nei castagneti da frutto, prima che fossero convertiti in cedui, gli alberi erano solo potati o capitozzati. Lo stesso avveniva nei pascoli alberati (sistema ancora conservato in alcune zone oggi, ad es. nelle dehesas spagnole). Le cicatrici che i ripetuti tagli della capitozzatura e della scalvatura lasciano sui vecchi tronchi (spesso di diametro notevole) sono ancora visibili negli esemplari che non furono sottoposti a ceduazione e sono indicatori della presenza di antichi pascoli alberati.

Gli spazi alberati così gestiti permettevano di ricavare legna e legname dagli alberi, foglia da foraggio, erba e fieno e quindi di conciliare l’allevamento e la silvicoltura. La distanza tra le piante permette al sole di filtrare, e le periodiche potature consentono la crescita dell’erba, e quindi il pascolo e lo sfalcio. Fino alla fine del XIX secolo, i pascoli alberati e i boschi pascolati erano le forme di gestione delle superfici arborate più diffuse nella montagna europea. Si tratta di un tipo di gestione molto studiato, le cui tracce sono visibili nella vegetazione attuale, nei sedimenti, grazie alle analisi polliniche, e negli anelli di accrescimento degli alberi.

I pascoli alberati, e più in generale gli usi multipli delle risorse, erano la prevalente forma di gestione delle risorse agro-silvo-pastorali della montagna. Sono andati poi scomparendo per le successive limitazioni imposte, in tutta Europa, dalla legislazione forestale, e, nel caso dei castagni, anche a causa del diffondersi di malattie (come il mal di inchiostro). Le ceppaie come le vediamo oggi poi sono il risultato di decenni di abbandono: i nuovi polloni, non più selezionati e tagliati in turni periodici, crescono tutti intorno al vecchio tronco. Si tratta di quell’abbandono di cui parlavano Roberto Maggi e Italo Franceschini nelle settimane scorse. Se oggi, finalmente, tutti sono concordi nel rilevarne i disastrosi effetti, non è ancora chiaro come uscirne. Le pagine che seguono provano a suggerire la possibilità di affrontare il tema allargando lo sguardo e approfondendo la prospettiva e il livello dell’analisi, secondo un approccio (e su linee tematiche) sviluppate in un percorso di oltre quarant’anni nell’Università di Genova e che ha portato alla costruzione (ormai quasi 30 anni fa) del Laboratorio di Archeologia e Storia Ambientale, oggi centro interdipartimentale di ricerca DAFIST-DISTAV.

Le tre storie che racconta quella ceppaia riguardano quindi il pascolo alberato di castagni di almeno un paio di secoli fa, la fase a ceduo, e il presente abbandono. Tre momenti molto diversi che rimandano a contesti molto diversi. Questa è una delle tante tracce riconoscibili nei boschi e nel paesaggio che ci rimandano a momenti del passato che non riusciamo più a immaginare. Tenerle però presenti ci aiuta a cogliere nel periodo più lungo dell’orizzonte corto a cui siamo abituati, i processi di cui viviamo costantemente gli effetti; e ci porta anche a domandarci se gli strumenti attuali della tutela e della pianificazione sono adeguati per gestire e preservare un patrimonio naturale e culturale (per quanto sia difficile scindere le due dimensioni) che è oggi sempre più a rischio di scomparsa.

Riflettere su queste trasformazioni è quello che vorrei provare a fare in queste pagine. Questo nella convinzione che ciò permetta di approfondire quello che spesso non viene detto: ovvero che tutti gli spazi rurali, anche quelli non legati agli insediamenti o alle colture produttive come i castagneti, hanno una dimensione sociale nascosta e intima, che è quella delle persone e delle risorse ambientali che li hanno costruiti. Una dimensione che rischia di non essere più visibile (e dunque di essere ignorata) quando si affrontano i problemi della loro gestione e sopravvivenza solo dal punto di vista ambientale o da quello economico/produttivo.

Nel corso dell’Ottocento, con minore o maggiore intensità, in tutta Europa fu promossa una intensificazione nell’uso delle risorse ‘naturali’ in senso mono-colturale. Le riforme (prime fra tutte le legislazioni forestali introdotte in quegli anni) erano legate a un approccio alle aree rurali portato avanti dagli stati amministrativi moderni nel contesto del loro consolidamento, e fu realizzato anche con una capillare regolamentazione e un attento controllo del loro sfruttamento. Il Regno di Sardegna per tutto l’Ottocento fece interventi normativi in questo senso (norme del Codice Forestale, 1822 e del Codice Civile 1837, portarono progressivamente a vietare il pascolo in bosco che caratterizzava la gestione consuetudinaria e a ridurre gli usi promiscui) per arrivare nel 1877 alla promulgazione della Prima Legge Forestale italiana, che promuoveva lo sfruttamento intensivo delle risorse forestali della montagna, con la conversione in cedui delle aree alberate, che contestualmente proibiva  gli usi multipli (in particolare il pascolo negli spazi alberati e l’uso del fuoco per controllare la crescita della vegetazione, di cui ha parlato Roberto Maggi).

In quegli anni, per rendere le aree rurali più produttive si seguiva un modello di sfruttamento che considerava ‘irrazionali e improduttivi’ gli usi promiscui e collettivi e mirava a ridurre le forme di mobilità delle persone e degli animali, limitando fortemente la possibilità di transumanze a lungo raggio. Sono ed erano, già allora, evidenti anche i fini economici di tali riforme, in direzione della costruzione di una fiscalità centrale e di un consolidamento in senso amministrativo degli stati dell’epoca. La necessità di definire con chiarezza le forme di tassazione comportava l’individuazione di un proprietario e di un uso specifico (e singolo) degli spazi. Per questo anche dove non si è proceduto a vendere le terre collettive, c’è stato un forte impulso (quasi ossessivo) a procedere con gli scioglimenti di promiscuità, cioè la divisione delle terre tra le comunità che vi esercitavano diritti indivisi. Contro gli usi collettivi e le terre comuni nel corso dell’Ottocento viene promossa una vera e propria campagna di discredito. Anche per questo il XIX secolo è il secolo della loro liquidazione, da una parte, e delle massicce vendite dall’altra. In Liguria, nonostante questo processo, le terre collettive sono però oggi ancora molto diffuse, se non nei comuni costieri dove il processo di vendita si completò già a fine Ottocento, certamente nell’entroterra. Ad esempio nei comuni di Borzonasca, e in parte di Rezzoaglio, le comunaglie, oggi beni frazionali (cioè di pertinenza di ciascuna frazione) rappresentano ancora una vasta estensione del territorio comunale.

Se, prima dell’Ottocento, prevalevano forme di gestione condivisa delle risorse (gli usi multipli e l’uso condiviso di terre collettive), con la conseguente necessità di mettersi continuamente d’accordo con altri aventi diritto, con l’Ottocento si avvia quel processo (apparentemente irreversibile) di individualizzazione nelle forme di gestione che è ancora il prevalente oggi.

Le pratiche multiple di gestione delle risorse erano finalizzate al loro mantenimento nel lungo periodo (erano infatti organizzate all’interno di cicli lunghi che consentivano il periodico reintegro della fertilità dei terreni). Al contrario, nell’Ottocento si ritenne che gli avanzamenti scientifici (nel campo dell’agronomia e della chimica, ad es.) consentissero di non considerare più gli effetti dello sfruttamento delle risorse, data la capacità di reintegrare (ad es. coi fertilizzanti chimici) quanto veniva tolto con lo sfruttamento e che quindi questi avanzamenti permettessero di privilegiare esclusivamente la dimensione produttiva ed economica delle pratiche agricole, senza considerarne più gli effetti ambientali (considerati comunque compensabili).

Al di là di possibili considerazioni sulla maggior produttività degli usi individuali e mono-culturali rispetto a quelli multipli e condivisi, o sulla sostenibilità nel lungo periodo delle une o delle altre, quello che vorrei sottolineare in questa sede, e che spesso non è considerato, è che è nel concentrarsi sulla sola dimensione economica delle attività agro-silvo-pastorali, quella che veniva ed è (ancora oggi) negata è la loro dimensione profondamente sociale.

Eliminare gli usi promiscui e condivisi significava quindi promuovere un ‘nuovo corso’ in cui le pratiche venivano ridotte a semplici modi per produrre prodotti, senza più una dimensione sociale (di negoziazione attraverso gli usi, e, spesso, attraverso il conflitto). Tali pratiche trovavano la loro regolazione attraverso una continua relazione tra gli aventi diritto e tra questi e le autorità locali e centrali (in un’alternanza di liti e forme di solidarietà tra i diversi aventi diritto). Questo avveniva in particolare per le terre collettive, nelle quali, essendo indivise, il possesso non era dato una volta per tutte, ma veniva rivendicato costantemente attraverso l’uso (e la successiva trascrizione testimoniale negli atti legati ai conflitti). Esistono vere e proprie ‘montagne’ di documentazione sui conflitti intorno all’uso delle risorse condivise e delle terre collettive. Questa conflittualità attraverso l’uso, questa centralità del possesso era una delle caratteristiche delle forme di gestione delle risorse in Antico Regime.

Le testimonianze di queste forme di rivendicazione storica (soprattutto le colture temporanee) son ancora ben visibili in montagna (in Val d’Aveto, come nei Paesi Baschi), sotto-forma di tracce vegetali (es. biancospini con tracce di ripetuti tagli, che tagliati venivano usati per recingere gli spazi sottoposti temporaneamente a coltivazione dentro i pascoli alberati). Nelle zone collinari della Liguria (il nostro primo entroterra, da Santa Giulia a Conscenti), invece la ‘grande trasformazione’ è anche nella scomparsa delle tracce materiali di una cultura del possesso. Dalla documentazione archivistica, sappiamo ad esempio che le colture temporanee erano diffusamente praticate proprio in spazi alberati.

I profondi cambi imposti nel modo di regolare i diritti di accesso alle risorse, sono avvenuti come si è detto attraverso interventi molto concreti, non astratti: sono stati vietati gli usi promiscui, come il pascolo in bosco o le colture temporanee nelle aree usate per il pascolo. Gli effetti sono stati molteplici e spesso ignorati, in particolare quelli legati al venir meno della trasmissione di conoscenze tra generazioni. Molti saperi locali e localizzati, legati alla ‘cultura del possesso’ e, per questo, prima necessari, diventano progressivamente superflui. Eppure, la trasmissione di conoscenze come le relazioni di conflittualità e solidarietà infra e intra comunitaria sono quelle attorno a cui si organizzano i gruppi sociali e quindi le comunità, oggi come ieri.

Nelle valli del nostro entroterra, queste trasformazioni avvengono in concomitanza con il cambio nell’organizzazione degli assi viari e la definizione di carreggiabili privilegiate (e poi della linea ferroviaria) cui accennava Italo Franceschini. I numerosi valichi appenninici che avevano giocato un ruolo chiave nei circuiti commerciali liguri e consentito un controllo locale dei transiti, perdono nel giro di pochi decenni importanza, come la perdono le numerose stazioni di posta che sul transito dei muli fondavano la loro ricchezza. Tali passi infatti, prima della semplificazione delle direttrici viarie, erano funzionali al transito che collegava gli scali costieri alla pianura padana (lo scambio di grani e oli). A Ventarola (vicino a Parazzuolo), come in moltissimi nuclei dell’entroterra, le ripercussioni economiche del cambio dei tracciati commerciali sono evidentissime. Nel 1868 Ventarola contava 113 abitanti, nel 1889 era bruscamente calata a 83, e poi continuerà a scendere fino agli attuali 2 abitanti.

Eppure, come si vede analizzando la cartografia storica e le tracce sul terreno, tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento si assiste a un fenomeno di intensificazione monocolturale: scompaiono i pascoli alberati, aumentano le terre coltivate, i pascoli e i boschi vengono avviati alla ceduazione. Contestualmente, l’allevamento prevalentemente ovi-coprino transumante lascia spazio a quello bovino stanziale, come testimonia l’aumento degli spazi dedicati allo stoccaggio del fieno e alle stalle nell’abitato di Ventarola, che abbiamo documentato archeologicamente attraverso l’analisi dell’edificato. Questi dati mettono non solo in discussione la relazione tra incremento demografico e intensificazione dello sfruttamento delle risorse, ma soprattutto mostrano con chiarezza come il cambio nelle forme di gestione sia stata un modo per reagire al venir meno dei transiti nell’organizzazione socio-economica di Ventarola. Però la ‘nuova economia’ basata solo su un modello di gestione individuale (a Ventarola la vendita delle terre collettive è nettissima) e sulla produzione agricola, pastorale e forestale non è sostenibile: gli abitanti di Ventarola continuano a diminuire con cali più o meno repentini.

Questo potrebbe fare riflettere sull’approccio che per molto tempo si è tenuto nell’immaginare un futuro per questi spazi: le sole attività agro-silvo-pastorali non erano sostenibili nell’Ottocento e non lo sono state per tutto il Novecento, nonostante tutti i soldi spesi per le ‘modernizzazioni’ promosse con la politica agricola comunitaria. Ora siamo nel Duemila e finalmente questo viene assunto come dato, ma è ancora lunga la strada per arrivare a riconquistare una vivibilità, che contempli un accesso ai servizi che permettano di equiparare la vita nell’entroterra a quella dei centri cittadini costieri.

Eppure, ci sono state aree dove lo spopolamento e l’abbandono non sono stati così radicali, e dove nonostante il venir meno dell’economia dei transiti lo spopolamento e l’abbandono non sono stati così forti.  In molti casi, si è trattato di quei luoghi, come Perlezzi nel comune di Borzonasca, dove si sono mantenute (con importanti trasformazioni) determinate pratiche di condivisione delle risorse (la gestione degli acquedotti irrigui e delle terre collettive). Queste differenze spingono a prestare attenzione al mantenimento della dimensione sociale delle forme di gestione, per capire come mai certi luoghi sfuggono al destino di spopolamento e abbandono che pareva tracciato per gli spazi rurali. È questa la scommessa di ANTIGONE, un progetto europeo che partirà a novembre presso l’Università di Genova che proprio a partire dallo studio delle pratiche di condivisione delle risorse, e delle loro molteplici dimensioni (tecniche, produttive, relazionali), delle dinamiche con cui si sono trasformate, del modo in cui si sono mantenute o sono scomparse prova a indagare il processo di marginalizzazione delle società montane europee con l’obiettivo di fornire elementi anche per immaginarne un futuro. Sono sempre più forti (anche da parte del legislatore europeo) le spinte a tornare a una considerazione più complessa del significato delle pratiche e alla necessità di non separare più la dimensione produttiva/economica da quella sociale e ambientale.

Così deve essere anche nella pianificazione: prestare attenzione alla dimensione storica, ovvero a come concretamente si sono svolti i processi in tutta la loro complessità, permette di capire non solo che l’abbandono non è un fatto inevitabile, ma il risultato di una serie di azioni, ma anche che affrontare l’abbandono significa, come è già stato detto, restituire centralità ai veri costruttori del patrimonio rurale: i produttori, chi vive e lavora in montagna.

La memoria degli usi multipli e condivisi delle risorse è quasi del tutto scomparsa, così come la conoscenza dell’importanza passata del pascolo in bosco, delle colture temporanee, dell’uso del fuoco, e ancora del fatto che tutti i terreni privati fossero aperti al pascolo in precisi periodi dell’anno. Tutto questo ha però disegnato nel tempo una densità di relazioni completamente diversa da quella che siamo abituati a pensare per la montagna. Allo stesso tempo oggi ci siamo disabituati a tenere in conto il fatto che senza il pascolo e senza lo sfalcio e senza il controllo della vegetazione arbustiva il bosco avanza: si tratta di quelli che vengono detti boschi di neoformazione, ovvero non boschi gestiti, ma boschi cresciuti in seguito all’abbandono, che possono portare all’aggravarsi dei fenomeni di dissesto idrogeologico e all’aumento della pericolosità degli incendi boschivi.

Torniamo dunque alla ceppaia, dalla quale siamo partiti. Restituire una dimensione storica al paesaggio, leggere nel paesaggio le tracce non solo del presente ma anche delle passate gestioni, spinge a interrogarci anche sui modi con cui definiamo gli spazi che osserviamo e sul fatto che il nostro modo di definirli contribuisce alla considerazione che ne abbiamo e alla scelta delle azioni che mettiamo in atto per conservare questi patrimoni. Restituire complessità al nostro sguardo, riconoscendo le tracce della storia degli usi che si sono avvicendati, così come gli effetti del loro abbandono, è forse il primo passo per costruire quella sensibilità diffusa ma necessaria per far sì che le battaglie di chi vive (e vuole continuare a vivere) in montagna non siano più interesse dei pochi ultimi abitanti resistenti, ma di una società che si fa carico delle responsabilità di trasmettere il proprio patrimonio storico alle future generazioni.

BIBLIOGRAFIA

  • R. Cevasco, Memoria verde. Nuovi spazi per la geografia, Reggio Emilia, 2007.
  • P. Grossi, Un altro modo di possedere: l’emersione di forme alternative di proprietà alla coscienza giuridica postunitaria, Milano, 1977.
  • W.G. Hoskins, L. Dudley-Stamp,  The  common Lands of England & Wales, London, 1963 (da cui è tratta la figura 2).
  • V. Moneta, C. Parola (a cura di), Oltre la rinaturalizzacione. Studi di ecologia storica per la riqualificazione deipaesaggi rurali, Sestri Levante, 2014.
  • D. Moreno, Storia delle risorse ambientali e forme di appro- priazione, in F. Carletti (a cura di), Demani Civici e risorse ambientali, Napoli, 1993, pp. 63-76.
  • D. Moreno, Dal documento al terreno. Storia e archeologia dei sistemi agro-silvo-pastorali, Bologna, 1990.
  • O. Raggio, A.M. Stagno (a cura di), Storia della cultura materiale in tempo di Covid-19, Firenze, 2020. Da cui è tratta la fig. 1.
  • A.M. Stagno, Gli spazi dell’archeologia rurale. Risorse ambientali e insediamenti nell’Appennino ligure tra XV e XXI secolo, Firenze, All’Insegna del Giglio, 2018 (da cui sono tratte le figg. 3, 4, 5 e 6).
  • A.M. Stagno, Ricerca europea e archeologia alleate contro l’abbandono delle montagne europee, in “Rivista del Centro in Europa”, Anno XIX, 2020/1, pp. 27-31.
  • A.M. Stagno, V. Tigrino, Borderline landscapes. Ligurian hillsides and shores between environmental history and archaeology (18th-21st centuries), “Annali dell’Istituto Storico Italo-Germanico / Jahrbuch des Italienisch-Deutschen Historischen Instituts” 46, 2020, pp. 88-123 da cui sono è tratta la fig. 6.

(* Laboratorio di Archeologia e Storia Ambientale DAFIST-DISTAV,
Università degli Studi di Genova; www.lasa.unige.it;
anna.stagno@unige.it)

Ultimi video

Rapallo, elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Cinque liste in campo
Sfida aperta tra “UDC Libertas” (candidato sindaco Marco Casella); "Noi per Ricci Sindaco” (candidata Elisabetta Ricci); “Scegliamo Rapallo” (candidato Francesco Angiolani); “Libera Rapallo” (candidato Andrea Carannante); “Progetto Rapallo 2024" (candidato Armando Ezio Capurro, non disponibile per l’intervista)
Castiglione Chiavarese, elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Tre liste in campo
Sfida aperta tra “Per Castiglione” (candidato sindaco Giovanni Collorado); “Un nuovo domani a Castiglione” (candidato sindaco Vittorio Petrocco); “Ora si cambia” (candidata sindaco Eleonora Taddei)
Tra sole e sale, dopo la difesa della costa, Lavagna pensa in grande: presentato il progetto di fattibilità della nuova passeggiata a mare
Il sindaco Mangiante: “Aree libere e luoghi per la socialità, tutelata anche la balneazione, ci sarà pure un giardino mediterraneo"
‘Contributi per un piano industriale del Tigullio’: assemblea pubblica e nuove nomine del gruppo Tigullio di Confindustria Genova
Giancarlo Durante confermato presidente: "Ci manca una migliore organizzazione tra territori, ma noi non ci siamo mai chiusi". Le interviste ai vari protagonisti dell'incontro
Lavagna, inaugurato il restauro del Porticato Brignardello
Il sindaco Mangiante: “Dopo gli atti vandalici, restituiamo ai cittadini un simbolo che ha un profondo significato storico e culturale. Abbiamo potenziato la videosorveglianza in tutta la città”
Moneglia, elezioni amministrative: verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due le liste civiche in campo
Sfida aperta tra “Il Faro”, candidato sindaco Claudio Magro, e “Moneglia di tutti”, candidato sindaco Luigi Rollandi
L'europarlamentare Maria Angela Danzì: “Le nuove direttive europee che entreranno in vigore bocciano i depuratori invasivi"
"Questi impianti consumano energia senza recuperare l’acqua, basta sacrificare posti turistici come Chiavari danneggiandone l’economia”
Il Comitato contro il depuratore in colmata continua a sollecitare il dialogo con l’amministrazione chiavarese
Il presidente Andrea Sanguineti: “Con i volantini che ritraggono gli amministratori abbiamo voluto ricordare la grave responsabilità di ciascun componente della giunta”
Terza edizione del “Premio Mimmo Angeli’, storico direttore del Corriere Mercantile. 'Piazza Levante' premia tre giornalisti
Riconoscimenti a Ilaria D’Amico, Andrea Malaguti e Daniele Raineri. “Fare informazione oggi tra fake news e social network”. Il video integrale dell'evento
Leivi, elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno: tre liste civiche in campo
Sfida tra “Forza Leivi”, candidato sindaco Antonio Giorgio Solari; “Leivi Domani”, candidato sindaco Severino De Mattei; "Leivi Tradizione e Sviluppo”, candidato sindaco Gabriele Pisani
Intervista alla senatrice Raffaella Paita, su infrastrutture e opere pubbliche: “Sono molto preoccupata, la Liguria deve andare avanti con trasparenza e legalità"
E sul depuratore di Chiavari: “L’approccio serio del comitato rileva temi di competenza comunitaria, il mio impegno in Europa per rivedere un progetto sbagliato”
Coreglia Ligure: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Elisabetta Lavezzo, “Tutti insieme per Coreglia Ligure", ed Ermanno Noce, “Per la Nostra Gente”
Moconesi: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Giovanni Dondero, “Lista Civica Insieme per Moconesi”, ed Elio Ugolini “Con noi per Moconesi in azione”
Neirone: elezioni amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Due liste civiche a contendersi la poltrona di sindaco
La sfida è aperta tra Rita Stasi, “Progetto Neirone”, e Stefano Sudermania, “Lista Civica Neirone”
Elezioni amministrative a Carasco. Due liste civiche in corsa per la poltrona di sindaco
Si ricandida il primo cittadino uscente Massimo Casaretto (Insieme per Carasco) e corre anche Boris Beronio (Progetto Carasco nel Cuore)
Elezioni Amministrative, verso il voto dell'8 e 9 giugno. Una sola lista a Borzonasca
Nessuno sfida il candidato sindaco Giuseppino Maschio, Lista Civica Rinnovamento e Progresso. Ora l’incognita è il quorum
Il Comitato Assistenza Malati del Tigullio rivive in omaggio alla memoria e ai valori del suo fondatore Giancarlo Mordini
Il ricordo del suo esempio, nelle parole della figlia Maria Giulia, del presidente Marco Glorialanza e del professor Michele Brignole. Una via di Lavagna gli sarà intitolata
Recco, tre liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati alla poltrona di sindaco
Parlano gli aspiranti primi cittadini: “Finalmente Recco Andrea Brunelli Sindaco”, “Impegno per Recco Dario Capurro Sindaco" e “Lista per Recco Carlo Gandolfo Sindaco”
Lavagna, la campagna elettorale è entrata prepotentemente nell’ultimo Consiglio Comunale
Mangiante: “Sono amareggiato, atteggiamento provocatorio della minoranza, che ha rifiutato il confronto”. Replica Guido Stefani dall’opposizione: “Il presidente del consiglio mi ha tolto la parola"
Chiavari, in piazza per dire no al depuratore in colmata. Sotto a Palazzo Bianco, il presidio del Comitato fischia il sindaco e la giunta
Il portavoce Andrea Sanguineti: ”Abbiamo cercato il dialogo e il confronto, ma senza risultato. Ci mobiliteremo ancora, in ballo c’è il destino della nostra città”
Don Stefano Traini: “Il problema abitativo non è un’emergenza, ma un fatto ormai strutturale”
Il direttore della Caritas Diocesana fa un quadro su povertà e disagio sociale. Fenomeni che riguardano anche il Levante e il Tigullio: "A rischio il senso di comunità”
Cogorno, due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno. Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco
Gino Garibaldi, attuale sindaco in carica (Rinnovamento per Cogorno), e Oriano Castelli, consigliere comunale all’opposizione (Obiettivo Comune)
Il consigliere comunale d’opposizione Nicola Orecchia attacca sull'Economic Forum Giannini
"È costato alle casse comunali oltre 60mila euro, ha portato a Chiavari valenti esperti per parlare di clima e turismo, ma l’amministrazione ascolta solo quando le fa comodo”
Santa Margherita Ligure: due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno
Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco: Guglielmo Caversazio, lista “Uniti per Santa”, ed Emanuele Cozzio, lista “Cozzio sindaco”
Per il secondo anno ospiti della Virtus Entella, “Mille studenti in Campo”
Assemblea d’Istituto per degli studenti del Liceo Marconi Delpino, con attività educativa all’insegna dell’impegno solidale, ecologico e della battaglia per l’ambiente
Design ante litteram: la sedia leggera di Chiavari dall'Ottocento sino ad oggi
La somma delle storie delle aziende e degli artigiani raccontate in una mostra installazione nell’ex laboratorio Guido e Anna Rocca in via Piacenza 80. Gli organizzatori: "Il rilancio deve passare attraverso il design”
Carasco verso le elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati
Parlano Giustino Minoli, lista “Carasco nel cuore”, e Alfredo Rivara, lista “Progetto per Carasco”, che sfideranno Massimo Casaretto, sindaco uscente e ricandidato
Le intuizioni di Guglielmo Marconi che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione e dell'informazione di massa
“Con il cuore e il pensiero oltre l’orizzonte, Guglielmo Marconi e la nascita della radiotelegrafia”. A 150 anni dalla nascita, alla Società Economica una mostra evento
Prendersi cura di se stessi e dei propri cari con più conoscenze e consapevolezza: ecco come
A Chiavari, alla Società Economica, un incontro promosso dall’Associazione “I Fili”. Esperti professionisti e medici illustrano un corso teorico e pratico sulla gestione e l’assistenza dell'anziano a domicilio
Raccolte ancora 400 firme contro il depuratore in colmata. Ma l’amministrazione gira la testa dall’altra parte e annuncia l’inizio dei lavori
Il Comitato No al depuratore: “Questa opera provocherà a Chiavari una ferita irreparabile che porterà la firma di questi amministratori”
Lungo le Vie dell’ardesia. A Lavagna domenica 7 aprile il IX raduno Lions di auto e moto d’epoca e moderne
Un tracciato panoramico per promuovere le bellezze naturali. Il ricavato sarà destinato all’area inclusiva per i bimbi, realizzata dal comune nel Parco Tigullio
Chiavari: l’ambulatorio Veterinario Levante diventa Clinica, si trasferisce sul mare ed entra in Ca’ Zampa
Il Direttore Sanitario Gualtiero Tanturli: “Passione e cuore perché essere veterinari è un 'lavoro' nobile, favorito da un’evoluzione di tecnologie, strumentazioni e prevenzione”
Lavagna verso le elezioni amministrative - Intervista al candidato sindaco Claudio Lapetina
È a capo della lista "Lavagna Insieme": “Significa insieme per trovare le risposte ai problemi della città. A breve presenteremo l’intera squadra"
Chiavari, il consigliere Nicola Orecchia: "Emergenza abitativa, ancora tante domande senza risposte concrete"
"L’elenco senza fine della graduatoria rappresenta la distanza siderale tra gli alloggi necessari e quelli messi a disposizione dal Comune”
"Bettina Defilla: Poesia nell'arte”: alla Galleria G.F. Grasso a Chiavari le opere dell’artista
Si tratta del primo evento del programma annuale della rassegna “L’Arte in Economica”. Il figlio Andrea Copello: “Ho selezionato le sue ultime produzioni informali”
Cantero, si parte? C’è il progetto donato da Duferco, la Regione finanzierà l’acquisto
L’appello ai chiavaresi di Antonio Gozzi: “Le iniziative devono essere in grado di stare in piedi, non possiamo costruire cattedrali nel deserto”
Gian Alberto Mangiante si ricandida ad amministrare Lavagna. "La mia lista? Di lavagnesi, coesi nell’impegno per Lavagna"
Le dichiarazioni programmatiche del nuovo impegno per la città: “Guardare al futuro con le prerogative ed il rispetto che il territorio chiede”
"Alberto Salietti, pittore” e “Diari Pittorici”. Ravenna/Chiavari e ritorno 1892–1961. Le due città celebrano l’eredità dell’artista
Claudio Castellini, presidente di Tecnica Mista e co-curatore della mostra ravennate, ci racconta le fasi del progetto realizzato in collaborazione con la Società Economica di Chiavari
Tutti contrari al depuratore in colmata a Chiavari. La politica si compatta durante l’incontro pubblico
I consiglieri regionali prendono posizione. Sandro Garibaldi: “Non c’è chiarezza nelle carte". Gianni Pastorino: “Tutti insieme vincoleremo la volontà della Giunta Regionale”
A sei mesi dallo spostamento del capolinea Amt a Chiavari, i servizi ai capolinea e la sicurezza restano un miraggio
Federico Bairo - Rsa Usb di Amt: “Il trasporto pubblico è una risorsa, non un ingombro, ma l’amministrazione lo sposta nelle zone periferiche”
Continua l’ostinato silenzio dell’amministrazione sul degrado della collina di N.S. delle Grazie a Chiavari
Massimo Maugeri di Legambiente: “Il degrado è complice dell’abbandono, ma manca l’impegno, non solo le risorse economiche”
Emanuele Cozzio annuncia la sua candidatura a Sindaco di Santa Margherita Ligure
“Dopo 10 anni di impegno amministrativo, nel prendere questa decisione sento una grande responsabilità. Tradurrò l'esperienza vissuta in una prospettiva evolutiva, rivolta anche al mondo della società civile, con cui ho avuto modo di maturare un forte legame"
Cresce l’attesa per l’incontro pubblico organizzato dal Comitato No al depuratore in colmata
Appuntamento il 9 marzo a Casa Charitas a Chiavari. I dubbi e gli interrogativi dei cittadini al microfono di 'Piazza Levante' sulla scelta che riguarda il futuro
Lavagna, domenica 10 marzo “Giornata internazionale della donna, voci e danze: storie di donne dal mondo”
Un girotondo di interventi e danze, un appello per denunciare gli eventi che hanno riportato indietro le lancette dell’orologio delle conquiste civili delle donne
Alla Società Economica è andata in scena la presentazione del nuovo progetto di ristrutturazione del Teatro Cantero
Premesse e conclusioni dell’intervento di Antonio Gozzi, presidente del Gruppo Duferco. “Un regalo alla città, ai chiavaresi, sapendo che non siamo soli”
No al Depuratore: il 9 marzo al Teatro Charitas incontro pubblico con cittadini e politici
Il presidente del Comitato Andrea Sanguineti: “Trattati come sudditi, chi amministra deve delle risposte. Restano ancora aperti tutti gli interrogativi”
Asl4 costretta dal difensore civico ad anticipare visite ed esami
Nasce lo sportello a tema sanità pubblica e registra la prima, significativa, vittoria per il Comitato Impegno Comune promosso da Davide Grillo: “Un percorso che riduce le liste d’attesa”
A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"
Venerdì 1° dicembre, alle ore 18, alla Società Economica di Chiavari, la presentazione dell’ultimo libro di Getto Viarengo
L’autore dialogherà con il presidente dell’Entella Antonio Gozzi per illustrare il suo "L'albero della cuccagna", edito da Internòs
La Filarmonica di Chiavari presenta il calendario di “Dicembremusica 2023”
Danilo Marchello, direttore artistico: “Un programma ambizioso, si parte con la Sinfonia n.9 di Beethoven, un evento straordinario”
Depuratore a Chiavari il sindaco di Leivi Centanaro ribadisce: "Ancora attuale la mia proposta, valorizza la risorsa idrica ed evita lo scarico a mare”
Intanto, il consigliere regionale Gianni Pastorino di Linea Condivisa chiede un’audizione in Città Metropolitana
Iniziativa pubblica del Comitato No al Depuratore in Colmata: tutti in piazza
"Il 24 saremo davanti al Comune di Chiavari, non è una sfida, ma un invito all’amministrazione e tutta la città"
A Lavagna “Sono tutti cavoli nostri”, la presentazione della vice sindaca Elisa Covacci 
"Abbiamo tanta ricchezza di storia, tradizioni e gastronomia che rappresentano per noi motivo di fierezza e orgoglio da condividere"
La mareggiata flagella Chiavari. Il consigliere Orecchia sposa la causa del Comitato No al Depuratore in Colmata
Intanto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone non ritiene di dover rivedere il progetto, rispondendo alle interrogazioni di Luca Garibaldi e Gianni Pastorino
La consigliera Silvia Garibaldi interviene sulle ulteriori criticità che il maltempo ha fatto emergere
“Un depuratore non è un pavimento che si può ricostruire. Chi pagherebbe i danni incalcolabili di un disastro?": le domande che ci si sta facendo sempre di più in città
Davide Grillo: “Piano assunzioni poco chiaro e costi alti nel quadro della spesa pubblica”
L'ex candidato sindaco a Chiavari raccoglie le istanze delle organizzazioni sindacali del comune ed espone le sue riflessioni
La violenta mareggiata a Chiavari aumenta gli interrogativi sulla costruzione del depuratore in colmata
Legambiente interpella vertici e azionisti di Iren sui rischi e sulla oculatezza dei costi per le difese a mare
I volontari della Protezione Civile della Croce Verde di Chiavari impegnati anche in Toscana
A poche ore dall’emergenza sulle nostre coste, hanno proseguito l’attività di sostegno alle persone nelle aree più colpite dalle esondazioni
Chiude la libreria delle Paoline, Chiavari perde un pezzo di storia
Roberta Cassini e Goffredo Feretto a malincuore abbassano la saracinesca dopo 47 anni. “Ci vorrebbe un miracolo per salvarla”
Dall’evento "Sapori e storie verticali" nuovo impulso al progetto per la realizzazione del Parco Fluviale dell’Entella
Si riparte da sei Comuni. I sindaci di Cogorno e Leivi lanciano un accorato appello: “La Regione Liguria ci ascolti”
A un mese dallo spostamento del capolinea bus a Chiavari, le scuole chiedono un incontro al Sindaco
Gli istituti interessati dai cambiamenti: "Vogliamo analizzare le varie criticità. Ci sono conseguenze del traffico sulle ore di lezione"
L'autore Francesco Dario Rossi ci racconta il suo libro “Rileggere oggi Liala”
Un fenomeno da 10 milioni di copie vendute, snobbata dalla critica ma amata dal pubblico. Un Nom de plume, firmato D'Annunzio, diventato leggenda
Gianfranco Saffioti, "Il Meteorologo Ignorante”: "Così ho raggiunto 55.048 follower"
“Dobbiamo cambiare le modalità di comunicazione delle allerte. Al mio Ignotur sempre più persone che chiedono informazioni chiare"

Altri articoli

Riapertura del Tribunale di Chiavari, l’ex procuratore Francesco Cozzi: “Dico sì al ritorno di alcuni servizi fondamentali sul territorio. La fusione non ha fatto risparmiare nulla”

Cronache da Genova - La Regione Liguria alle prese con il problema della degenza di media durata: si va verso l’accreditamento delle strutture private