Settimanale di attualità, economia e sport, Chiavari, Genova, Liguria
Cerca
Close this search box.

Glocal… no social
Settimanale di attualità, economia e sport

Settimanale di attualità, economia e sport

Giovedì, 18 aprile 2024 - Numero 318

Dove nasce l’idea Geo-Storica di Europa

Condividi su

di RENATA ALLEGRI (geografa e docente)

 Al termine delle celebrazioni per il XXIII Columban’s Day, che si sono svolte nel Tigullio dal 18 giugno al 10 luglio, si propone una riflessione sull’idea di Europa e sulla figura di Colombano (di cui si ringrazia l’Arch.Osvaldo Garbarino per le informazioni e l’immagine ricevute).

“Quando esiti sulla strada da prendere, guarda da dove vieni”, recita un proverbio senegalese.

Per comprendere il presente e provare a fare luce sul futuro, è bene conoscere il passato, nella genetica di realtà e idee che ci sembrano familiari e che spesso ci perseguitano per la loro ricorrenza; non si tratta di esaltare il passato, ma di riuscire a prendere una distanza critica dall’immediatezza delle cose.

È, ad esempio, auspicabile interrogarsi costantemente sulla progressione delle parole dalla loro radice etimologica fino al loro uso contemporaneo; la polisemia, le confusioni semantiche (talvolta maliziosamente mantenute), gli arricchimenti legati a creazioni, mutazioni o evoluzioni storiche caricano le parole di significati che dovrebbero essere districati soprattutto quando si applicano a concetti, o idee chiave, che strutturano i nostri paesaggi mentali e i nostri universi ideologici, o ancor più  aree di confine tra il mondo delle idee e quello dei sentimenti e delle passioni che dominano la nostra psicologia collettiva.

Ne abbiamo un  chiaro esempio con il termine “Europa”; un termine che si può sventolare come una bandiera, ma che può anche essere oscurato da contraddizioni, ambiguità o semplicemente dall’ignoranza.  La stessa recente associazione delle parole Europa con pace può beneficiare e divenire più chiara grazie ad un rimando della nozione di Europa nel passato.

L’Europa “geografica” dell’antichità

Europa è un’eroina mitologica,  una principessa fenicia rapita da Zeus che aveva assunto le sembianze di un toro per sedurla. Dalla loro unione nascerà il Minotauro e la civiltà cretese. Perché mai il suo nome è stato attribuito a un intero territorio, una vasta regione geografica che per fattori storico culturali è considerata un continente? Nel V sec. aC Erodoto si poneva già questa domanda: “La cosa più curiosa è che l’Europa di Tiro era di origine asiatica e non è mai arrivata in questa terra che i Greci ora chiamano Europa. E noi -conclude filosoficamente- useremo i nomi stabiliti dalla consuetudine” (Histoires, VII, 185).

Il nome Europa deriverebbe dal greco antico, indicando quindi un territorio (la regione situata a Nord del mar Egeo) contrapposto al Peloponneso e alle isole. In un primo, arcaico periodo, il toponimo avrebbe proprio designato le terre a Nord dell’Egeo e solo in seguito, quando i Greci conquistarono quei territori, anche i territori posti a Nord del Mediterraneo, nella misura delle conoscenze geografiche dell’epoca: l’intera penisola annessa all’Asia con cui forma un’unica massa continentale, con il suo limite orientale sul Tanaïs, l’attuale fiume Don, come indicato da Erodoto.

Oggi l’Europa si estende fino agli Urali perché nel XVIII secolo uno storico e geografo russo, Vassili Nikititch Tatichtchev,  tracciò lì la linea di demarcazione tra Europa e Asia. Ma si tratta di una definizione arbitraria, non essendo i limiti tra Europa e Asia definiti da un confine geografico indiscutibile, tanto è vero che la massa continentale propriamente detta si chiama Eurasia.[1]

L’opinione dei Greci

Secondo Erodoto, si tratta di una “terra straordinariamente bella, che porta ogni sorta di alberi da frutto” (VII, 5). Ma né lui, né alcuno degli autori greci attribuisce un significato politico all’Europa. Un greco è orgoglioso di essere greco, si sente superiore agli altri popoli, che chiama uniformemente barbari. I Greci abitavano la parte Ovest dell’Asia Minore, gli arcipelaghi del Mar Egeo, l’attuale Grecia continentale, l’Italia meridionale e la Sicilia, possedevano grandi colonie nell’Africa nord-orientale, nel Mediterraneo occidentale, sulle coste del Mar Nero. Aristotele riteneva che “le nazioni che abitano luoghi freddi e quelle d’Europa sono piene di coraggio, ma a volte mancano di intelligenza” che “i popoli dell’Asia sono intelligenti e abili nel temperamento, ma mancano di coraggio […]. Ma il popolo greco possiede entrambi i caratteri, proprio perché occupa la posizione geografica media, per cui è insieme coraggioso e intelligente” (Politica, VII, 6, 1327 bq.). Se è esistito sicuramente un “pannazionalismo” greco, non troviamo traccia di una nozione di solidarietà tra i greci d’Europa e i popoli dello stesso continente.

L’eredità romana

Al contrario, Roma fu sicuramente una città europea, tuttavia la straordinaria espansione dei Romani ebbe come asse il Mediterraneo, il Mare Nostrum, di cui raggiunse e oltrepassò tutte le coste a partire dal I sec. dC.

Caratteristica unica dell’Impero romano fu proprio quella di compiere un processo di integrazione e assimilazione dei territori e delle culture assoggettati, valore geopolitico che lo rese così duraturo. Secondo il geografo Strabone, che scrisse poco prima dell’era cristiana, i romani “detengono quasi tutta l’Europa, tranne la parte che è oltre l’Istro (il fiume Danubio) e le parti che si affacciano sull’oceano tra il Reno e il Tanaïs”. Due grandi aree europee gli restano sconosciute: i paesi scandinavi  (confonde infatti il Baltico e l’Oceano) e le vaste pianure del Nord situate tra il Baltico e il Don. I Romani, inoltre, non riusciranno mai a conquistare la Germania ed è solo sotto Traiano (98-117 dC.) che supereranno notevolmente il Danubio sottomettendo la Dacia, l’attuale Romania, dove lasceranno in eredità la lingua neolatina.

Il toponimo “Europa” appare poco nella letteratura greco-latina. È quasi riservato ai geografi, che peraltro ne hanno una certa predilezione e ne comprendono l’interesse. Prima di descrivere gli altri continenti, ancora Strabone così si esprimeva: “Devo cominciare dall’Europa perché è varia nelle forme e mirabilmente adattata per natura allo sviluppo dell’eccellenza negli uomini e nei governi e anche perché, grazie alle sue risorse, ha contribuito al miglioramento degli altri continenti” (Geographia, II, 5, 8).

Il laboratorio europeo nei cosiddetti “secoli bui”

In seguito alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, la cultura che si sviluppò rimase legata al latino e alla chiesa cristiana e iniziò ad associarsi ad un’idea di “Europa”. Divenne, in questo modo, una vera e propria definizione culturale che indicava le terre della cristianità latina che si unirono nell’VIII secolo, a significare del nuovo condominio culturale creato dalla confluenza delle tradizioni germaniche e della cultura cristiano-latina. In parte il fenomeno avvenne anche grazie al contrasto in atto con Bisanzio e l’Islam e territorialmente si limitò all’Iberia settentrionale, alle Isole Britanniche, alla Francia, alla Germania occidentale cristianizzata, alle regioni alpine e all’Italia settentrionale e centrale.

In questo momento storico era possibile spostarsi, percorrere i territori, avere contatti con altri popoli e altre civiltà. Era un momento caratterizzato dal fermento culturale e dalla progettazione da parte di uomini di grande levatura intellettuale e con visioni politico-religiose dell’Europa ora vista come un luogo distinto da una propria identità culturale, piuttosto che un’immagine semplicemente geografica o fisica.

Quali furono gli avvenimenti fondanti della nuova idea di Europa in questo periodo? Nell’Alto Medioevo, periodo storico che ha una delimitazione geografica e che facciamo cominciare con la caduta dell’Impero Romano di Occidente, la romanità non conosce discontinuità nella sua parte occidentale: scomparve l’Impero, ma fu sostituito dai Regni barbari. Popoli provenienti da oriente, in particolare Franchi e Visigoti, vi si erano già insediati per diversi secoli e che ci fu continuità tra il mondo romano e quello merovingio, per esempio, lo narra la storia di Clodoveo, re dei Franchi, grazie al gesto politico del suo battesimo, avvenimento utile per rivisitare i rapporti tra i cosiddetti popoli barbari e l’Impero Romano. Il nuovo processo geopolitico proseguì con la sedentarizzazione di popoli germanici a seguito delle loro migrazioni e con l’affermarsi dei territori islamici geograficamente collocati in Occidente, come al-Andalus nella penisola Iberica e Ifriqiya (da cui il termine Africa attribuito al continente, fin qui chiamato Lybia) che rappresenta parte dell’attuale territorio del Nord Africa corrispondente alla provincia dell’Africa nella tarda antichità[2].

L’unità del mondo romano, la celebrata Pax Romana, si evolse in un mito che avrebbe ispirato a lungo il mondo occidentale, in attesa di una qualche forma di rinascita. La data simbolica del 476 d.C. che segna la caduta dell’Impero, ebbe notevoli ripercussioni per la Civiltà occidentale che rivendica una comune cultura latina.

Alcuni nuovi Regni barbari saranno effimeri, altri dureranno nel tempo e l’Alto Medioevo  divenne perciò un periodo caratterizzato dalla comune ricerca di stabilità che Regni durevoli (come quello Anglosassone, o il Visigoto e il Longobardo) e Regni effimeri (quelli dei Burgundi, degli Alamanni e quello Ostrogoto in Italia) cercarono di conquistare con l’equilibrio politico e con la costruzione di un’identità comune attraverso l’associazione con la nobiltà locale.

Per giungere a questo era necessario riuscire a condividere la stessa religione e, dopo un passaggio dall’omeismo all’arianesimo[3], la maggior parte dei re barbari si convertiranno al Cristianesimo (già proclamato da Costantino religione romana, nel primo Concilio di Nicea nel 325 dC) per avviare un’unità religiosa dei loro regni.

Altro avvenimento fondamentale fu l’istituzione di leggi scritte, come il codice di Eurico tra i Visigoti  e la ripresa del diritto romano per un’unificazione giuridica; infine fu essenziale la costruzione di un’identità comune attraverso la Historiæ gentium.[4] Si passò in questo modo all’acquisizione, da parte dei re barbari, del sistema amministrativo romano, il cui anello centrale era costituito dai conti e dai vescovi, inclusi nell’amministrazione. Più tardi, ci fu la legittimazione dei poteri grazie alle insegne imperiali (cioè diadema, scettro, toga ricamata in oro, spada e paludamentum porpora) o la messa in scena del potere nei palazzi. In questo modo e con queste modalità riprese dall’antichità romana, i re barbari hanno potuto porsi a capo dei loro popoli e, contemporaneamente, delle popolazioni di origine romana.

Così assistiamo a un periodo di grandi costruzioni, a un vero e proprio laboratorio di quella che sarebbe divenuta un’impronta indelebile e geograficamente molto connotata. Un’impronta su cui oggi discutiamo ancora.

Un monaco irlandese che ha sostenuto l’idea dell’Europa nel Medioevo e ha ispirato il movimento europeo di oggi

Nato a metà del VI secolo, Colombano trascorse diversi decenni presso l’Abbazia di Bangor nella contea di Down, prima di chiedere il permesso di recarsi nel continente, dove si occupò di una successione di re e fondò monasteri ad Annegray, Luxeuil e Fontaine, prima di fondare il monastero di Bregenz sul Lago di Costanza in quelle che oggi sono le Alpi austriache, fondando infine la sua ultima comunità a Bobbio in Lombardia. Oltre allo spirito missionario il monaco irlandese aveva un chiaro senso dell’Europa come un luogo distinto da una propria identità culturale, piuttosto che un concetto semplicemente geografico o fisico, tanto è vero che fu ripreso da uno dei padri fondatori dell’Europa, Robert Schuman[5], che la sovranazionalità europea si adatta in qualche modo all’identità nazionale ed è complementare ad essa, ma non è in concorrenza con essa.

Come visto, i tempi in cui visse Colombano erano di profondo cambiamento. Mentre in Oriente ciò avveniva rimaneva la direzione politica di un Impero che, forte di un apparato amministrativo (soprattutto di carattere militare) ancora efficiente, continuava a essere visto col timoroso rispetto dovuto ad un’istituzione di natura divina, in Occidente la debolezza dello Stato imperiale aveva attratto popolazioni provenienti dalle pianure nord orientali, costrette a spostarsi vero Occidente anche per la pressione di altri popoli come gli Unni e che cercavano con la migrazione una vita più facile nelle terre opulente degli antichi dominatori.

Quando Colombano si incamminò sul continente, venne in contatto con una realtà ben diversa da quella da cui proveniva. L’Irlanda era un microcosmo periferico scampato all’assimilazione romana, ma sempre in contatto, soprattutto commerciale, con i vicini paesi romanizzati; che aveva mantenuto la propria cultura insulare, ma aveva anche in parte acquisito gli strumenti essenziali per dialogare, sempre e soprattutto a scopo commerciale. In Irlanda non esisteva un organismo di potere unitario e l’isola era divisa in piccoli regni spesso corrispondenti agli ambiti territoriali di un unico clan e dei suoi alleati. L’elemento unificante era diventato il Cristianesimo, con numerosissimi monasteri distribuiti all’interno di distretti territoriali con ambiti limitati. Con il suo viaggio, Colombano venne a conoscenza dell’organizzazione statale merovingia che si profilava già come uno Stato unitario e con l’ingresso in Italia, al termine della sua peregrinazione, conobbe lo Stato Longobardo, il quale si trova in conflitto sia con i bizantini, sia col papato. Tale situazione di incertezza politica si evolve positivamente anche grazie all’azione svolta dal monastero di Bobbio (l’ultima comunità fondata da Colombano nel 614), che mira non solo alla conversione del popolo longobardo, ma anche a stabilire rapporti politici tra la monarchia e il papato per ottenere una pace duratura e si pone in costante dialogo fra le due istituzioni.

Bobbio diventa un monastero multietnico e un laboratorio del colloquio e della formazione dell’Europa occidentale: ente che affianca la monarchia per fornire quei servizi civili che erano venuti a mancare dopo la dissoluzione dell’apparato amministrativo romano. Dopo Colombano i primi cinque abati furono Attala (proveniente dal monastero di Lerin in Provenza), Bertulfo, Bobuleno (entrambi merovingi) e Cumiano  (irlandese), mentre i monaci provenivano dall’Europa occidentale e dall’Italia Settentrionale. L’attività del monastero conservò un respiro sovralocale sia per i contatti che le diverse comunità fondate in Europa da Colombano mantennero fra loro, sia per i contatti con Gerusalemme (testimoniati dalle eulogie conservate nel museo dell’abbazia) e di conseguenza con gli stessi Bizantini. I monaci si spostavano in questi territori portando con sé conoscenze e idee. In tal senso testimonianze archeologiche locali come l’abbazia di Oneto (i cui resti testimoniano si tratti di un edificio di rito orientale probabilmente ascrivibile al sec. VIII) forse appartenuta a un gruppo di monaci orientali in fuga dagli iconoclasti, oppure come la chiesa dell’abbazia di Borzone, il cui stile architettonico rivela appartenenza a quello delle chiese mudejar toledane del sec.IX, e presumibilmente portato da esuli anch’essi in fuga dalla conquista musulmana, testimoniano ancora una volta l’attrazione delle terre appartenenti al monastero di Bobbio e la loro apertura verso l’ospitalità e lo scambio con gruppi del mondo europeo in fermento.

Colombano aveva nominato l’Europa nell’epistola a Gregorio Magno, quando ancora si trovava in Gallia,   così esprimendosi: “Al Signore santo e Padre in Cristo, al magnifico splendore della Chiesa romana, a colui che è come fiore luminosissimo di un’Europa tutta (totius Europae) in decadenza” (San Colombano, Le opere, Epistula I). Quel totius indica per la prima volta una precisa connotazione geografica e politica.

Conclusioni

Se queste sono le premesse, perché ci si riferisce a questo fermento geopolitico definendolo come periodo oscuro, i cosiddetti “secoli bui”?

La percezione di un’età oscura per descrivere questo tempo storico è in gran parte il risultato di una visione orientata della descrizione della storia creata nei secoli XVIII e XIX, in un’epoca in cui il riferimento culturale assoluto era l’antichità greco-romana. Tutto ciò che non era influenzato dalla cultura greco-romana era visto come qualcosa di negativo e percepiva la caduta dell’Impero Romano come la fine di una grande civiltà, percezione che rimane purtroppo ancora in molti testi. Gli storici attuali, invece, non differenziano la storia in grandi movimenti in corso (come ad esempio l’acclamato Rinascimento ) o in regressione (come appunto le famigerate età buie ): la percezione contemporanea è che, a seconda della regione e delle circostanze, vi siano esperimenti in opera, alcuni di breve durata e altri decisivi.

Fornire un contesto cronologico e geografico è importante per descrivere adeguatamente questo periodo storiografico: ad esempio, la persistenza dell’Impero Romano d’Oriente, evoluta gradualmente verso l’ Impero bizantino di lingua greca, suggerisce una convivenza con la tarda antichità in Oriente. Questo impero rappresenta un blocco orientale dell’Europa sotto la protezione dell’esercito bizantino, nel momento in cui le prime caratteristiche di quello che sarà il Medioevo si stanno sviluppando nei primi regni stabiliti nell’Occidente cristiano. Costantinopoli, già Bisanzio, finirà per esaurire economicamente e demograficamente il suo progetto di restaurare il vecchio ordine imperiale sul Mare Nostrum e sarà anche duramente attaccata da coloro che avrebbe dovuto proteggerla: una delle crociate, la quarta del 1204, terminò tragicamente con il sacco e la distruzione della città da parte degli stessi Crociati.

Quando la città ormai indebolita cadde definitivamente nel 1453, dopo due mesi di assedio da parte del  sultano turco Maometto II, l’Europa stava per iniziare una nuova era storica, proiettata verso Occidente dal viaggio di Colombo. Il patriarcato di Costantinopoli  (da sempre un unicum con il potere imperiale del basileus e a esso sempre asservito)  si trasferì in un’altra capitale: Mosca, che fu da allora definita la “terza Roma”.

 

 

[1] Il termine continente implica la geografia fisica di una grande massa di terra completamente o quasi completamente circondata dall’acqua ai suoi confini.

[2] Il territorio di Ifriqiya corrisponde oggi alla Tunisia, alla parte orientale della regione di Costantina (Algeria) e alla Tripolitania (Libia).

[3] Gli omeisti furono il gruppo degli ariani seguaci di Acacio di Cesarea e il nome deriva loro dal fatto che affermavano il Figlio “simile” (gr. ὅμοιος) a Dio Padre, mentre l’arianesimo fu una dottrina trinitaria, elaborata dal presbitero monaco e teologo Ario (256-336) e condannata come eretica al primo Concilio di Nicea.

[4] Le historiae gentium sono opere che raccontano l’origine e la storia dei cosiddetti popoli barbari. La stesura delle historiae costituì sia la fase finale del processo di unificazione dei popoli sia il fattore di consolidamento dei regni nati dall’Occidente fino alla fine del V secolo.

[5] Robert Schuman fu lo statista visionario che nel discorso del 9 maggio 1950 proponeva una Comunità europea del carbone e dell’acciaio. Questo è riconosciuto fino ad oggi come il documento fondamentale del moderno movimento europeo, ed egli stesso si riferiva a Colombano, nel luglio 1950, come un “illustre irlandese” che “volse e realizzò un’unione spirituale tra i principali paesi europei del suo tempo”.

Ultimi video

Santa Margherita Ligure: due liste civiche verso il voto dell'8 e 9 giugno
Intervista ai due candidati alla poltrona di sindaco: Guglielmo Caversazio, lista “Uniti per Santa”, ed Emanuele Cozzio, lista “Cozzio sindaco”
Per il secondo anno ospiti della Virtus Entella, “Mille studenti in Campo”
Assemblea d’Istituto per degli studenti del Liceo Marconi Delpino, con attività educativa all’insegna dell’impegno solidale, ecologico e della battaglia per l’ambiente
Design ante litteram: la sedia leggera di Chiavari dall'Ottocento sino ad oggi
La somma delle storie delle aziende e degli artigiani raccontate in una mostra installazione nell’ex laboratorio Guido e Anna Rocca in via Piacenza 80. Gli organizzatori: "Il rilancio deve passare attraverso il design”
Carasco verso le elezioni amministrative dell'8 e 9 giugno. Intervista ai candidati
Parlano Giustino Minoli, lista “Carasco nel cuore”, e Alfredo Rivara, lista “Progetto per Carasco”, che sfideranno Massimo Casaretto, sindaco uscente e ricandidato
Le intuizioni di Guglielmo Marconi che hanno rivoluzionato il mondo della comunicazione e dell'informazione di massa
“Con il cuore e il pensiero oltre l’orizzonte, Guglielmo Marconi e la nascita della radiotelegrafia”. A 150 anni dalla nascita, alla Società Economica una mostra evento
Prendersi cura di se stessi e dei propri cari con più conoscenze e consapevolezza: ecco come
A Chiavari, alla Società Economica, un incontro promosso dall’Associazione “I Fili”. Esperti professionisti e medici illustrano un corso teorico e pratico sulla gestione e l’assistenza dell'anziano a domicilio
Raccolte ancora 400 firme contro il depuratore in colmata. Ma l’amministrazione gira la testa dall’altra parte e annuncia l’inizio dei lavori
Il Comitato No al depuratore: “Questa opera provocherà a Chiavari una ferita irreparabile che porterà la firma di questi amministratori”
Lungo le Vie dell’ardesia. A Lavagna domenica 7 aprile il IX raduno Lions di auto e moto d’epoca e moderne
Un tracciato panoramico per promuovere le bellezze naturali. Il ricavato sarà destinato all’area inclusiva per i bimbi, realizzata dal comune nel Parco Tigullio
Chiavari: l’ambulatorio Veterinario Levante diventa Clinica, si trasferisce sul mare ed entra in Ca’ Zampa
Il Direttore Sanitario Gualtiero Tanturli: “Passione e cuore perché essere veterinari è un 'lavoro' nobile, favorito da un’evoluzione di tecnologie, strumentazioni e prevenzione”
Lavagna verso le elezioni amministrative - Intervista al candidato sindaco Claudio Lapetina
È a capo della lista "Lavagna Insieme": “Significa insieme per trovare le risposte ai problemi della città. A breve presenteremo l’intera squadra"
Chiavari, il consigliere Nicola Orecchia: "Emergenza abitativa, ancora tante domande senza risposte concrete"
"L’elenco senza fine della graduatoria rappresenta la distanza siderale tra gli alloggi necessari e quelli messi a disposizione dal Comune”
"Bettina Defilla: Poesia nell'arte”: alla Galleria G.F. Grasso a Chiavari le opere dell’artista
Si tratta del primo evento del programma annuale della rassegna “L’Arte in Economica”. Il figlio Andrea Copello: “Ho selezionato le sue ultime produzioni informali”
Cantero, si parte? C’è il progetto donato da Duferco, la Regione finanzierà l’acquisto
L’appello ai chiavaresi di Antonio Gozzi: “Le iniziative devono essere in grado di stare in piedi, non possiamo costruire cattedrali nel deserto”
Gian Alberto Mangiante si ricandida ad amministrare Lavagna. "La mia lista? Di lavagnesi, coesi nell’impegno per Lavagna"
Le dichiarazioni programmatiche del nuovo impegno per la città: “Guardare al futuro con le prerogative ed il rispetto che il territorio chiede”
"Alberto Salietti, pittore” e “Diari Pittorici”. Ravenna/Chiavari e ritorno 1892–1961. Le due città celebrano l’eredità dell’artista
Claudio Castellini, presidente di Tecnica Mista e co-curatore della mostra ravennate, ci racconta le fasi del progetto realizzato in collaborazione con la Società Economica di Chiavari
Tutti contrari al depuratore in colmata a Chiavari. La politica si compatta durante l’incontro pubblico
I consiglieri regionali prendono posizione. Sandro Garibaldi: “Non c’è chiarezza nelle carte". Gianni Pastorino: “Tutti insieme vincoleremo la volontà della Giunta Regionale”
A sei mesi dallo spostamento del capolinea Amt a Chiavari, i servizi ai capolinea e la sicurezza restano un miraggio
Federico Bairo - Rsa Usb di Amt: “Il trasporto pubblico è una risorsa, non un ingombro, ma l’amministrazione lo sposta nelle zone periferiche”
Continua l’ostinato silenzio dell’amministrazione sul degrado della collina di N.S. delle Grazie a Chiavari
Massimo Maugeri di Legambiente: “Il degrado è complice dell’abbandono, ma manca l’impegno, non solo le risorse economiche”
Emanuele Cozzio annuncia la sua candidatura a Sindaco di Santa Margherita Ligure
“Dopo 10 anni di impegno amministrativo, nel prendere questa decisione sento una grande responsabilità. Tradurrò l'esperienza vissuta in una prospettiva evolutiva, rivolta anche al mondo della società civile, con cui ho avuto modo di maturare un forte legame"
Cresce l’attesa per l’incontro pubblico organizzato dal Comitato No al depuratore in colmata
Appuntamento il 9 marzo a Casa Charitas a Chiavari. I dubbi e gli interrogativi dei cittadini al microfono di 'Piazza Levante' sulla scelta che riguarda il futuro
Lavagna, domenica 10 marzo “Giornata internazionale della donna, voci e danze: storie di donne dal mondo”
Un girotondo di interventi e danze, un appello per denunciare gli eventi che hanno riportato indietro le lancette dell’orologio delle conquiste civili delle donne
Alla Società Economica è andata in scena la presentazione del nuovo progetto di ristrutturazione del Teatro Cantero
Premesse e conclusioni dell’intervento di Antonio Gozzi, presidente del Gruppo Duferco. “Un regalo alla città, ai chiavaresi, sapendo che non siamo soli”
No al Depuratore: il 9 marzo al Teatro Charitas incontro pubblico con cittadini e politici
Il presidente del Comitato Andrea Sanguineti: “Trattati come sudditi, chi amministra deve delle risposte. Restano ancora aperti tutti gli interrogativi”
Asl4 costretta dal difensore civico ad anticipare visite ed esami
Nasce lo sportello a tema sanità pubblica e registra la prima, significativa, vittoria per il Comitato Impegno Comune promosso da Davide Grillo: “Un percorso che riduce le liste d’attesa”
A tre mesi dal crollo della soletta dell’asilo infantile a Chiavari, arriva il dissequestro dell’immobile
Parla Alberto Sivori, presidente dell’Associazione Asilo Infantile Della Torre: “Siamo sulla buona strada”
Massimo Maugeri di Legambiente: ”Alcuni sindaci sono soci di Iren"
"La sovrapposizione dei ruoli genera confusione sul tema della depurazione e sui relativi costi”. Prosegue la battaglia contro l'impianto alla Colmata
Chiavari - La difficile storia di Elena, da tre anni sfrattata e invalida dorme in macchina
L’appello al Comune: “Dov’è la casa che mi avete promesso? Sono stanca, non posso più stare per strada”
L’abbraccio dei pazienti al dottor Zampogna che ha condiviso con loro 42 anni
“Un lavoro bellissimo e complicato, che ho desiderato fare fin da bambino. Ho dato tanto, ma ho ricevuto moltissimo”
Cardiologie aperte anche in Asl 4. In campo il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Lavagna, diretto dal professor Guido Parodi
Il team lavora sulla prevenzione di fattori di rischio modificabili, per ridurre i ricoveri e rendere i presidi locali più efficienti
Leivi, a dieci anni dall’alluvione riaperta via Gazzo. Il sindaco Centanaro: “Viabilità, fondamentale l’entroterra”
L'assessore regionale alla Difesa del suolo Giampedrone sulla tutela delle risorse idriche e le scelte dei progettisti
Lavagna, bilancio e affidamento in concessione del porto turistico: arroventato consiglio comunale
L’amministrazione opta per il Project Financing. Sarà la Regione a gestire la gara. Il sindaco Gian Alberto Mangiante: “Ho tutelato la città”
Palcoscenico all’aperto per la riapertura del Teatro Cantero di Chiavari
Successo dell’iniziativa dell’Associazione Impegno Comune che ha offerto ai cittadini un fuoriprogramma con musica e frammenti di storia
Al Liceo Artistico Luzzati si concretizza il progetto di un polo della creatività
Sarà orientato all’arte, alla fotografia, al cinema e alla comunicazione multimediale, competenze legate alle professioni del futuro
Pietro Armenante: ”La nostra agricoltura non viaggia sui trattori e neppure con le sovvenzioni"
Il titolare della Azienda Agricola “Tomato de Ma”: ”Chi produce cibo è anche responsabile della nostra salute e di quella dei nostri territori”
Intervista a Sandro Longo sugli aspetti critici della relazione di Iren sul nuovo depuratore di Chiavari
Parla il professore ordinario di Idraulica presso l'Università di Parma, che ha sollevato parecchie osservazioni in maniera documentale rispetto al progetto che fa discutere la città
Roberto Pettinaroli va in pensione e lascia il 'Secolo XIX' dopo 42 anni di carriera
Quindici anni sono stati spesi come responsabile nella redazione del Levante: “Rimarrò sempre un giornalista, un mestiere che, se fatto bene, non fa sconti”
L’asilo Della Torre / Delpino bene storico e patrimonio vitale per la comunità
Nato per volontà dei benefattori chiavaresi, ha svolto la sua opera ininterrottamente per 173 anni, anticipando l’evoluzione dei tempi
A due mesi dal crollo del pavimento, l’Asilo Delpino costretto a rinunciare all’avvio del prossimo anno scolastico
Restano la preoccupazione delle famiglie di trovare nuovi spazi per i bambini e l’amarezza di separarli dalle loro maestre
Il Liceo Marconi Delpino di Chiavari continua a mietere successi sia in campo culturale che sportivo
Intanto si prosegue la strada intrapresa della modernizzazione formativa negli spazi, nei contenuti e nelle modalità
Nasce a Chiavari “Impegno Comune”, associazione culturale e politica
Il fondatore Davide Grillo: ”Intendiamo proseguire con costante impegno l’incontro e il confronto con i cittadini e le istituzioni”
“Fermatevi, o le conseguenze saranno irrimediabili”: l'appello del Comitato No Depuratore
Presentato uno studio commissionato all’Università di Parma dai ricorrenti al Tar che ha portato alla luce numerose criticità nella relazione idraulica fornita da Iren
Gianni Bottino: “Apriamo alla ricerca e alla promozione di un prodotto 100% ligure, il basilico Dop”
Intervista al direttore del Consorzio di tutela del Basilico Genovese Dop: "Lo facciamo anche attraverso l'accordo con l’Unione Cuochi Liguri"
Anoressia e bulimia, Liguria tra regioni più colpite. Il Governo taglia i fondi per le cure
Il dottor Fabrizio Gallo, specialista nella cura dei disturbi alimentari: “Adolescenti i più colpiti”. Il 19 gennaio manifestazione anche a Genova
Asl 4, proroga di due anni per il dg Paolo Petralia, pronto a raccogliere le sfide del futuro
“La sanità di comunità è il vero cambiamento culturale, organizzativo e gestionale dove fare prevenzione”
Il Governo incentiva i pescatori a rottamare le barche, ma è polemica
Augusto Comes di Federcoopesca: “La riduzione della pesca a strascico avrà impatti negativi sull’occupazione e sulla filiera di pescato fresco"
La collina frana, il Santuario delle Grazie a Chiavari è in pericolo
Il parroco: ”Dal 2019 le mie segnalazioni sono state ignorate, l’ordinanza emanata soltanto oggi ci sorprende e ci danneggia, occorre intervenire urgentemente”
Chiavari, Silvia Garibaldi dai banchi dell'opposizione traccia il bilancio dell’attività dell'amministrazione
La consigliera comunale non ha dubbi: “È stato un anno inconcludente, solo annunci, una rappresentazione teatrale senza contenuti”
Italia Nostra: “Scongiurato l’ennesimo assalto alla diligenza Preli”
Così l'associazione commenta la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto anche l’appello intentato dal Comune di Chiavari condannandolo alla soccombenza delle spese
La mostra “Dialoghi informali” alla Galleria G. F. Grasso della Società Economica
Una visita alla collettiva del momento con Claudio Castellini, curatore dell’evento e presidente dell’Associazione Tecnica Mista
Chiavari, alla vigilia dell’ultimo consiglio comunale del 2023 il consigliere Nicola Orecchia pressa sull’autore del cartello diffamatorio
Il rappresentante di una delle liste di opposizione: "Se fosse una persona seria, invece di rimanere anonimo, chiederebbe scusa alla funzionaria diffamata e risarcirebbe il danno”
Nuove regole sull’Osservatorio regionale per la tutela degli animali, associazioni in rivolta contro Regione Liguria
Anna Bruzzone, presidente della LIDA Tigullio: “Stiamo valutando un ricorso al Tribunale amministrativo regionale"
Capodanno 2024, la tendenza: sempre più gente festeggia in piazza
Barbara Possagnolo di Tigullio Wedding & Events: “Dietro ogni evento pubblico ci sono mesi di lavoro e una vera cabina di regia per garantire la sicurezza”
Matteo Bassetti ospite a Chiavari per la conclusione del corso “Ufficio Stampa 2.0” di Wylab
Il direttore della Clinica di Malattie Infettive dell'ospedale San Martino di Genova: “Sono troppe le fonti improvvisate che diffondono fake news”
Smart Lab a Casarza Ligure, presentato il progetto del nuovo hub di innovazione per aziende e scuole
La struttura sarà intitolata a don Nando Negri, il fondatore del Villaggio del Ragazzo: una bella opportunità per tutto il territorio
Il pandolce, una tradizione ligure dalle origini leggendarie. Intervista a Luca Antonini
Parla il patron della Pasticceria Copello di Chiavari, erede di una storia pasticciera lunga duecento anni
A due mesi dallo spostamento del capolinea dei bus a Chiavari non si fermano le polemiche
L’RSA - USB trasporti denuncia: “Troppe criticità, nessuna visione di futuro. Il Comune non ha onorato gli impegni sottoscritti"
Il mitico presepe degli Amici du Brunzin ospitato a Palazzo Franzoni a Lavagna
Da oltre vent’anni raffigura gli abitanti della città. La storia unica di questa Natività continua. E nella sede del Comune si ricrea l’atmosfera del borgo
Anche il chiavarese Luiso Sturla è ospite alla mostra “Dialoghi Informali”
"L’arte è emozione e momenti di vita talvolta difficili da raccontare. La mia pittura è informale, ma con radici figurative ispirate alla natura”
Il Comitato 'No al depuratore in colmata': "Siamo stati ricevuti dal nuovo difensore civico della Liguria Francesco Cozzi, mentre Iren continua a negarsi"
Massimo Maugeri: "Scuola e depuratore sono temi distinti con iter differenti"
Gioco d’azzardo e scommesse, Boitano: "Il pericolo per i giovani è online"
Il titolare di un'agenzia di scommesse: “Lo Stato incassa cifre notevoli e ci sono vent’anni di ritardi nella regolamentazione".
Presentata la trentanovesima edizione del “Lunaio de Ciavai”, dell’Associazione O Castello
Cesare Dotti, curatore della pubblicazione: “Una città affacciata sulle acque attraverso 563 proverbi e oltre 70 fotografie”
Il comitato “No al depuratore in Colmata” è sceso in piazza: raccolta firme e informazione sui rischi
Molto numerosi i residenti che sollecitano una soluzione alternativa al problema. Sanguineti: "Il Comune di Chiavari faccia questa battaglia"
Venerdì 1° dicembre, alle ore 18, alla Società Economica di Chiavari, la presentazione dell’ultimo libro di Getto Viarengo
L’autore dialogherà con il presidente dell’Entella Antonio Gozzi per illustrare il suo "L'albero della cuccagna", edito da Internòs
La Filarmonica di Chiavari presenta il calendario di “Dicembremusica 2023”
Danilo Marchello, direttore artistico: “Un programma ambizioso, si parte con la Sinfonia n.9 di Beethoven, un evento straordinario”
Depuratore a Chiavari il sindaco di Leivi Centanaro ribadisce: "Ancora attuale la mia proposta, valorizza la risorsa idrica ed evita lo scarico a mare”
Intanto, il consigliere regionale Gianni Pastorino di Linea Condivisa chiede un’audizione in Città Metropolitana
Iniziativa pubblica del Comitato No al Depuratore in Colmata: tutti in piazza
"Il 24 saremo davanti al Comune di Chiavari, non è una sfida, ma un invito all’amministrazione e tutta la città"
A Lavagna “Sono tutti cavoli nostri”, la presentazione della vice sindaca Elisa Covacci 
"Abbiamo tanta ricchezza di storia, tradizioni e gastronomia che rappresentano per noi motivo di fierezza e orgoglio da condividere"
La mareggiata flagella Chiavari. Il consigliere Orecchia sposa la causa del Comitato No al Depuratore in Colmata
Intanto l’assessore regionale Giacomo Giampedrone non ritiene di dover rivedere il progetto, rispondendo alle interrogazioni di Luca Garibaldi e Gianni Pastorino
La consigliera Silvia Garibaldi interviene sulle ulteriori criticità che il maltempo ha fatto emergere
“Un depuratore non è un pavimento che si può ricostruire. Chi pagherebbe i danni incalcolabili di un disastro?": le domande che ci si sta facendo sempre di più in città
Davide Grillo: “Piano assunzioni poco chiaro e costi alti nel quadro della spesa pubblica”
L'ex candidato sindaco a Chiavari raccoglie le istanze delle organizzazioni sindacali del comune ed espone le sue riflessioni
La violenta mareggiata a Chiavari aumenta gli interrogativi sulla costruzione del depuratore in colmata
Legambiente interpella vertici e azionisti di Iren sui rischi e sulla oculatezza dei costi per le difese a mare
I volontari della Protezione Civile della Croce Verde di Chiavari impegnati anche in Toscana
A poche ore dall’emergenza sulle nostre coste, hanno proseguito l’attività di sostegno alle persone nelle aree più colpite dalle esondazioni
Chiude la libreria delle Paoline, Chiavari perde un pezzo di storia
Roberta Cassini e Goffredo Feretto a malincuore abbassano la saracinesca dopo 47 anni. “Ci vorrebbe un miracolo per salvarla”
Dall’evento "Sapori e storie verticali" nuovo impulso al progetto per la realizzazione del Parco Fluviale dell’Entella
Si riparte da sei Comuni. I sindaci di Cogorno e Leivi lanciano un accorato appello: “La Regione Liguria ci ascolti”
A un mese dallo spostamento del capolinea bus a Chiavari, le scuole chiedono un incontro al Sindaco
Gli istituti interessati dai cambiamenti: "Vogliamo analizzare le varie criticità. Ci sono conseguenze del traffico sulle ore di lezione"
L'autore Francesco Dario Rossi ci racconta il suo libro “Rileggere oggi Liala”
Un fenomeno da 10 milioni di copie vendute, snobbata dalla critica ma amata dal pubblico. Un Nom de plume, firmato D'Annunzio, diventato leggenda
Gianfranco Saffioti, "Il Meteorologo Ignorante”: "Così ho raggiunto 55.048 follower"
“Dobbiamo cambiare le modalità di comunicazione delle allerte. Al mio Ignotur sempre più persone che chiedono informazioni chiare"
Non c’è pace per chi vive e lavora sulla Piana dell’Entella. Ora anche la tromba d’aria
L'evento atmosferico assai violento abbattutosi su Lavagna ferisce e lascia ovunque i segni del suo passaggio. L'appello dei residenti: “Venite ad aiutarci”
L’ottava edizione di "Sapori & storie verticali" fa tappa anche a Lavagna
“Dai contratti di fiume al parco fluviale", il titolo dell’incontro che vedrà la partecipazione di esperti e sindaci
A Chiavari vietato mugugnare. I creatori del famoso gruppo di Facebook gettano la spugna
Parlano gli amministratori, dopo le querele che sono partite da parte del Comune di Chiavari: "L'aria per noi è diventata pesante"
Italia Nostra sollecita Regione e Soprintendenza al rispetto del vincolo di tutela della Piana dell’Entella
Parla l’avvocato Daniele Rovelli: “Devono essere rispettati i criteri di vera ingegneria naturalistica”
Alla Società Economica di Chiavari un convegno per ricordare il biologo e naturalista Federico Delpino
L'iniziativa organizzata a 190 anni dalla nascita. Una figura fuori dagli schemi. E soprattutto ancora attuale
Chiavari: i cittadini dell’ex capolinea di piazza dell’Orto ringraziano il sindaco per averli liberati dai miasmi
E gli studenti di piazza Nassiriya e i residenti di piazza Roma chi ringrazieranno? Il caso non pare essersi placato
Via al patto anti-inflazione anche nei supermercati Gulliver: “Una scelta in linea con la nostra strategia"
"Mettiamo al centro l’attenzione e la vicinanza alle persone e ai territori che ci ospitano. Un impegno che vorremmo prolungare"
Alla Società Economica di Chiavari la Mostra "I 200 anni della Anatomia Universa di Paolo Mascagni"
Una esposizione che ripercorre i lavori e gli studi del Mascagni e ne analizza i risvolti sulla medicina moderna
Che fine hanno fatto le aule per il Centro provinciale per l’istruzione degli adulti di Chiavari? Lo chiede il consigliere Nicola Orecchia
“Questa Amministrazione va forte solo a parole”
Proprietari e operatori della piana dell’Entella accolgono il vincolo di tutela con moderato ottimismo
“Il disastro è stato fatto, chiediamo che venga ripristinato quello che è stato distrutto, anche se ci vorranno anni”
Due argini due misure? Sul vincolo della Piana dell’Entella interviene Massimo Maugeri di Legambiente
“Una vittoria dei cittadini, che non ferma lo scontro tra istituzioni“
Il segretario della Fimmg, Antonio Zampogna: "Ci sono ancora molte, troppe resistenze a vaccinarsi”
"Si registra una crescita dei contagi Covid. Forse da metà ottobre al via campagna vaccinale e antinfluenzale", annuncia il medico di base chiavarese
Arriva il decreto per salvare la Piana dell'Entella. Mangiante: "Restano ancora alcune problematiche"
Parla il sindaco di Lavagna: "Sulle procedure adottate, la battaglia non è finita. Continuiamo a sbattere contro un muro di gomma allucinante"
La geografa Claudia Vaccarezza: "Ma il vincolo è stato imposto con un netto ritardo"
Parla la precorritrice dell’iter della salvaguardia del sito della Piana dell’Entella: “Invalidati mille anni di storia identitaria e di biodiversità”
Zucchero Amaro, l’intervista alla neo presidente: “Il commercio equo e solidale è un patto tra produttori e consumatori"
Alessandra Governa: “Al centro c'è sempre la sostenibilità del pianeta e delle persone. Ottime le collaborazioni con i produttori locali"
Paola Salmoiraghi, dirigente del Marconi Delpino, al Zueni Festival torna sulla questione del capolinea di piazza Nassiriya
La preside del liceo chiavarese: "Siamo ancora in una fase di verifica e di confronto con l’amministrazione sulla sicurezza degli studenti"
Sabato 23 settembre partirà da Rapallo la marcia aperta a tutti, per dire “Sì al grande Parco Nazionale di Portofino”
Gli organizzatori: “Non esistono alternative al Parco a 7 comuni, è una questione di orgoglio e di dignità”
Si chiude con grande successo la tre giorni del Zueni Festival. Superate le aspettative
Idee, talenti e professionalità “in vetrina” per e con i giovani, per raccogliere le sfide del futuro locale
I sindaci di Leivi e Carasco sullo spostamento del capolinea bus a Chiavari: "È mancato il confronto"
Casaretto e Centanaro: "Ogni Comune è padrone nel suo territorio, ma sulle scelte che coinvolgono il comprensorio, sarebbe necessario confrontarsi”
Giulia Musso porta al Zueni Festival il suo esilarante spettacolo “A ognuno il suo”
L’inno all’ospitalità ligure partito dal panificio Rossetti arriva al Giardino dei Lettori della Società Economica venerdì 15 alle ore 21 (le zanzare sono avvisate)
Al Zueni Festival domenica 17, alle 18, “Chat Gpt vs creatività tradizionale"
La scrittura classica deve temere l’intelligenza artificiale? Nicola Peirano e Adamo Romano a confronto
Si scrive “Zueni” e si legge radici locali, visioni globali, l’energia dei giovani del Tigullio
Al via dal 15 al 17 settembre "Zueni Festival". I giovani della Società Economica di Chiavari invitano a condividere esperienze, idee e progetti
Posticipata al 2 ottobre la rivoluzione dei capolinea bus a Chiavari
Ancora incertezze sui locali tecnici per gli autisti. Nuovo incontro fissato per il 14 settembre

Altri articoli

Smaltimento delle acque come modello di ricerca storica: ecco come nasce il depuratore di Preli

Una sanguinosa rapina funesta la città di Genova: è l’indagine del commissario Nicola Teiro, dalla penna di Massimo Ansaldo. Presentazione a Wylab