Gastronomia Olga, il tempio del gusto nello “scagno” di via Preli
Aziende in vetrina, Chiavari, Economia

Gastronomia Olga, il tempio del gusto nello “scagno” di via Preli

Un angolo di Chiavari che non vuole farsi mettere all’angolo e sfrutta il suo orgoglioso apartheid per restituire un sapore del borgo marinaro che un tempo fu. Appoggiato alla costruzione tra le più vecchie sopravvissute al tempo e alle rimodulazioni architettoniche ardite di piazza Davide Gagliardo – che per ogni nativo è sempre e solamente Piazza dei Pescatori, cuore pulsante del quartiere Scogli – trovate uno dei due shop cittadini di Gastronomia Olga (l’altro è in corso Dante), più di un negozio e qualcosa di diverso da un ristorante.

Un modo intelligente e, a giudicare dal successo commerciale, vincente di coniugare un passato umile e glorioso con un presente forse mutevole ma sicuramente promettente. Un santuario per ghiottoni e un laboratorio per sperimentatori, dove si possono coniugare gli antichi sapori delle mense liguri con le recenti innovazioni della cucina non solo nostrana.
Nel ‘ridotto’ ubicato all’angolo (e non poteva essere altrimenti…) della piazza che sfocia nella via Preli, Raimondo Mongai, consorte della signora Olga (da cui l’intitolazione), svela la ricetta del suo successo.

“Operiamo nel settore food dal 1980. Stiamo quindi per festeggiare i 40 anni di attività, c’è da dire che la strada è sfilata via abbastanza velocemente. Forse perché il nostro lavoro è stato apprezzato e il tempo è stato nostro alleato”.
Raimondo, 68 anni nascosti dietro una frenetica attività che spazia da pilastro della cucina ad anfitrione delle cene passando per inserviente dietro il bancone e fattorino dispensatore di pranzi e cene, presenta la squadra: “Io e mia moglie abbiamo iniziato, i nostri figli Michela e Stefano proseguono, oggi sono loro ad avere le leve del comando, noi ‘vecchi’ diamo una mano e buoni, speriamo, consigli. Poi, ci sono i nostri dipendenti: con gli orari e i servizi che garantiamo, non potremmo farcela da soli noi quattro. Ci teniamo che la nostra professionalità ed esperienza siano messe al servizio del cliente, per provare a soddisfare ogni sua esigenza. La Gastronomia Olga realizza e vende specialità che vanno dagli antipasti ai dolci, secondo ricette tipiche della cucina chiavarese e ligure in generale e altre ricette italiane e estere ma strettamente legate al Belpaese”.

Pensate a un modo per deliziarvi con le specialità marinar-mediterranee-liguri-tigulline e da Olga lo troverete: Take Away, Self Service ai tavoli, Risto-gastronomia, Catering pranzi e cene, Packaging per il lungo trasporto. Mongai senior e junior dettagliano: “All’inizio avevamo un solo bancone e vendevamo al dettaglio. Poi per venire incontro a quanto il pubblico ci chiedeva, abbiamo pensato di garantirgli modi diversi, dai più rapidi ai più comodi, per gustare quanto realizziamo. Acquisita la licenza per il servizio di ristorazione, abbiamo sistemato diversi tavoli all’interno del nostro fondo di via Preli. Senza dimenticare da dove venivano, abbiamo ampliato il range dei clienti. A pranzo, con la cucina aperta dalle 12 sino alle 15, serviamo un menù o due fissi per chi fa pausa dal lavoro e viene a mangiare da noi. Alla sera, d’estate e nelle feste tutti i giorni, nel periodo di bassa stagione solo venerdì e sabato, offriamo cene alla carta, dove si può scegliere e svariare tra diverse portate”.

La Gastronomia Olga ha da sempre avuto molta attenzione al rapporto qualità-prezzo, offrendo un servizio semplice dal sapore antico tipico delle osterie di una volta. In questo il carattere di ‘Rai’ Mongai che contraddice clamorosamente i luoghi comuni sui ‘mugugnoni’ delle nostre parti è un’arma imbattibile. Da sportivo (calcio e bocce le sue passioni) accoglie senza fronzoli ma con insuperabile gentilezza avventori e compratori, clienti affezionati e turisti di passaggio.  “Nel periodo invernale, potete degustare ottimi primi di terra come i ravioli alla genovese con ripieno di magro oppure come le trofiette al pesto preparato in casa, per non parlare di primi di pesce, come i ravioli di branzino al ragù di polpo oppure il risotto marinaro. Nel periodo estivo, piatti a base di pesce come l’insalata di mare fatta in casa, oppure il tenerissimo polpo con patate. Non mancano capisaldi della tradizione culinaria ligure, come le seppie in umido o come le tipiche verdure ripiene e torte salate di verdura (secondo stagione)”.

La clientela è così vasta e variegata che Gastronomia Olga è stata ‘costretta’ ad aprire una dependance in corso Dante. “È un piccolo punto vendita, che tutti i giorni propone piatti tipici della cucina ligure tipo le lasagnette alla Portofino. C’è anche il minestrone alla genovese preparato con una ricetta tipica di inizio secolo”.
Sarebbe sufficiente, ma c’è dell’altro. Raimondo Mongai dopo 40 anni ha ancora voglia di sperimentare: “A volte ci concediamo qualche incursione fuori i confini nazionali, tipo la paella. Debbo ammettere che anche gli spagnoli ci sanno fare, quando si tratta di inventarsi modi per cucinare il pesce”.
Ampio il respiro, i piedi ben piantati per terra. Il titolare è legatissimo a Chiavari e alle sue eccellenze. “Ci tengo a ricordare che la celebrazione del primo trionfo dell’Entella con Antonio Gozzi presidente, la vittoria nel campionato di Eccellenza, fu fatta qui da noi una sera del maggio 2008”.
Il volo biancoceleste decollò dai tavoli del locale degli Scogli. “Portò fortuna a noi e a loro”. Una sera luculliana, chi c’era non lo ha dimenticato dopo un decennio. Per fortuna che il team guidato da Claudio Terzulli non aveva impegni ufficiali nei giorni a seguire. Trasgressioni che si possono comprendere non appena messo piede nello ‘scagno’ di via Preli. Impossibile resistere ai banconi che espongono i piatti del giorno, una parata che costringe agli applausi anche i più esigenti.

Tutto questo ben di Dio è sufficiente a placare la voracità di un Pantagruel. Se invece siete del genere gourmet esteta o tv-chef, niente paura. Vi fate dare una delle pratiche confezioni da asporto di Gastronomia Olga, uscite dalla casa scolpita nella pietra e dal salino, vi sedete su una panchina della piazza dei Pescatori con davanti il promontorio e il monte di Portofino che si tuffa nel mare placido – ma non troppo – del golfo Tigullio. E se non apprezzate l’accoppiata che vi delizia vista e palato, beh ci dispiace per voi.

DANILO SANGUINETI

17 Ottobre 2019
RECENT COMMENTS
FlICKR GALLERY
THEMEVAN

We are addicted to WordPress development and provide Easy to using & Shine Looking themes selling on ThemeForest.

Tel : (000) 456-7890
Email : mail@CompanyName.com
Address : NO 86 XX ROAD, XCITY, XCOUNTRY.