Home SportMotori Slalom Chiavari-Leivi: due giorni a tutte sgasate

Slalom Chiavari-Leivi: due giorni a tutte sgasate

da Alberto Bruzzone

di DANILO SANGUINETI

Tortuoso come può essere solo uno slalom che costringe a ulteriori contorsioni sulla tormentata (di suo) strada che da San Pier di Canne porta sino al Bocco di Leivi. Virtuoso perché consente di riscoprire una strada e scorci meravigliosi. Sul finire di settembre, sabato 28 e domenica 29, è il momento della Chiavari-Leivi, gara automobilistica che porta tanti appassionati e moltissimi spettatori sulle balze collinari direttamente alle spalle della costa tigullina. Una panoramica bellissima che potrà essere goduta da molti, non da chiunque perché i piloti saranno troppo impegnati a svincolarsi a tutta birra tra curve a gomito e i birilli delle varie porte da scansare il più rapidamente possibile.

La due giorni tra Chiavari e Leivi torna per la ottava volta (la quinta consecutiva dopo il break dovuto all’alluvione del 2014) curata con amore e attenzione dalla società Sport Favale 07 che intende bissare il successo dell’altro fiore all’occhiello, lo slalom Favale-Castello tenutosi due mesi fa sulle strade di casa.
Per la società del presidente De Martini quelli di metà luglio sono stati giorni di gloria: un nome nuovo nell’albo d’oro. La dodicesima edizione della competizione – valida per il Trofeo Centro Nord Slalom, la Coppa Csai Zona 1 e il Trofeo italiano femminile – è stata vinta con merito da Davide Piotti, al volante di una Osella PA8/9.
I dati di luglio certificano un crescente interesse nel mondo dei motori per questo tipo di gare: hanno concluso lo slalom 51 dei 55 piloti ammessi alla partenza. Inoltre il giorno prima della competizione principale una gara di regolarità non competitiva, riservata ad auto e moto ante 1995, denominata ‘Aspettando la Favale – Castello’, organizzata con la scuderia Auto Moto Retrò Leivi su un percorso che ha interessato la Val Fontanabuona, aveva visto un’altra cinquantina di mezzi al via.

Cento piloti, con relativi team, parenti e amici al seguito sono numeri che debbono far riflettere non solo i fan dei motori. C’è materiale per una riflessione anche per amministratori e operatori turistici… Adesso tocca a un evento che ha un’attrattiva e un potenziale di ricaduta economica pure maggiori. È da tempo in moto la macchina organizzativa dell’ottava edizione della ‘Chiavari-Leivi’, valida anche come Memorial ‘Graziano Borra’.

La Sport Favale 07 si avvale nuovamente della fattiva collaborazione della Scuderia Auto Moto Retrò Leivi. Le società si sono divise equamente il programma. La Auto Moto Retrò sarà la grande protagonista della prima giornata. Sabato 28, infatti, poco dopo l’inizio delle verifiche tecnico-sportive dello slalom, alle 16,30, in località Rostio, a Leivi, si ritroveranno i partecipanti alla prima edizione della gara di regolarità, non competitiva, denominata ‘In sciû e in zû pë collinn-e’ (‘Su e giù per le colline’) che scatterà alle ore 18 e si articolerà su un percorso prettamente locale che, attraverso la Val Graveglia, riporterà i concorrenti al luogo di partenza dello slalom. Dove, nel frattempo, prenderà il via la ‘Cena dei piloti’, aperta a tutti e allietata da buona musica.

Il giorno dopo, domenica 29 settembre, spazio alla sfida principale: nuove verifiche e, alle ore 11, le ricognizioni del percorso. Alle ore 13, il via allo slalom, con la prima delle previste tre manche di gara; la premiazione finale, alle ore 18,30, concluderà la due giorni di gara. A difendere il titolo ci sarà il piacentino Paolo Cornelli, al volante della sua Formula Gloria. La lista delle iscrizioni verrà chiusa all’ultimissimo momento; dai calcoli di questi giorni sembra che verranno battuti i record precedenti. Basti pensare che sono ben dieci le vetture che la scuderia Racing for Genova Team schiererà al via. Tra queste ci sarà la Polini 01 Bmw, carrozzata A112, di Alessandro Polini: terzo lo scorso anno, lo specialista genovese però, a sorpresa, potrebbe presentarsi ai nastri di partenza con un altro mezzo, la Polini 05, una vettura Sport utilizzata lo scorso anno dall’amico e compagno di team Giacomo Gozzi. Il dubbio sarà sciolto solo alla vigilia della gara.

In ogni caso un vincitore già lo abbiamo: la Sport Favale 07, che ha visto lungo nel voler riportare in vita una prova e un percorso che non è esagerato definire magici. La dichiarazione di intenti riassume con efficacia la politica della scuderia: “La prima edizione da noi firmata è quella del 2012, che volle ricalcare il percorso che nel passato regalò grandi sfide sia a due che a quattro ruote. Il passato glorioso ci aiuta, non c’è dubbio, perché basta il nome Chiavari-Leivi a richiamare molta gente. Il sempre più numeroso pubblico è attirato dallo spettacolo del drift, dalle auto storiche e dalla varietà della competizione: siamo partiti con 42 auto e da allora non c’è stato anno che il gruppo dei partecipanti non aumentasse”.

I piloti iscritti nell’albo d’oro arrivano da ogni parte d’Italia, in una zona molto vicino all’uscita autostradale di Chiavari, quindi facilmente raggiungibile. “Abbiamo in lizza vetture prototipo, formula o turismo, guidate da campioni desiderosi di cimentarsi con un percorso tortuoso e molto tecnico”. E per chi dovesse dare una controsterzata di troppo, ci sono sempre le cene in una zona rinomata per la sua gastronomia o le escursioni tra mare e collina in un golfo da favola. Uno spettacolo che vale bene una ‘sgasata’.

Ti potrebbe interessare anche