‘Il morso del ramarro’ di Valeria Corciolani diventerà presto un film
Approfondimento, Attualità

‘Il morso del ramarro’ di Valeria Corciolani diventerà presto un film

di ALBERTO BRUZZONE

La domanda se la sono fatta – e l’hanno posta – in diversi, nell’ambiente culturale chiavarese e non solo: ma perché da uno dei libri di Valeria Corciolani non viene tratto un film? Sarebbe bellissimo vedere una delle sue avvincenti trame, trasformata in sceneggiatura, con degli attori veri, un direttore della fotografia, un regista, magari i tanti scorci di Chiavari che la scrittrice così abilmente, e amabilmente, sa descrivere.

Ora, quello che pareva un sogno, è sempre più vicino a diventare realtà. Dietro a tutto c’è il rapporto sempre più stretto che la Corciolani ha intessuto nelle ultime settimane con Cima Prod Srl, la casa di produzioni cinematografiche chiavarese che nasce dalla bellissima esperienza del Circolo Culturale Lamaca Gioconda e che ha compiuto da poco il suo primo anno di attività con alcuni lavori interessanti che hanno partecipato a concorsi di livello nazionale e con altrettanti progetti imbastiti, non solo in Italia ma pure in Sud America e in Giappone.

In questi giorni, il presidente di Cima Prod Nerio Bergesio e la vice presidente Lodovica Marini, dopo aver centrato un ottimo successo con la seconda edizione dell’arena cinematografica alla Colmata (dove appunto hanno ospitato Valeria Corciolani in una serata di grande successo), sono al Festival del Cinema di Venezia, anche per alcuni incontri di lavoro.

Proprio qui stanno portando il soggetto del lungometraggio che intendono girare a Chiavari: “Siamo – affermano Bergesio e Marini – alla settantaseiesima edizione del Festival. Dopo aver partecipato a tutte le precedenti trenta come Lamaca Gioconda, questa è la prima esperienza con Cima Prod. Abbiamo già fissato i primi appuntamenti con possibili interlocutori, sia italiani che stranieri. In pole position c’è appunto il neonato soggetto tratto da un lavoro della Corciolani, che è stato messo a punto con la collaborazione della stessa scrittrice e che sarà ambientato interamente nella nostra città”.

Si tratta del libro ‘Il morso del ramarro’, che la Corciolani pubblicò con Emma Books nel marzo del 2014: uno dei primi, acclamati lavori, della scrittrice chiavarese, divenuta poi nota al grande pubblico grazie alle avventure della colf Alma e dell’ispettore valdostano Jules Rosset, di cui a breve potremo leggere il quarto capitolo della saga.

Ne ‘Il morso del ramarro’, i protagonisti sono tre ricchi rampolli annoiati che scelgono il furto d’appartamento per dare un guizzo d’adrenalina alle loro giornate vuote (e che fanno per un attimo pensare all’irresistibile trio formato da Al Pacino, Christopher Walken e Alan Arkin in ‘Stand Up Guys’ di Fisher Stevens, uscito in Italia come ‘Uomini di parola’).

Nella carrellata di personaggi, sfilano un professore raffinato e burbero, un farmacista latin lover, un capitano in pensione e un vispo pescatore, decisi a portare a termine la loro impresa in barba all’età. Poi, ecco una badante peruviana che non sa più quale sia ‘su casa’; un giovane medico del pronto soccorso alle prese con un inquietante mistero; una mamma single alle prese con ex marito fedifrago, suocera complice, zia anziana, nuovi amori, figlia adolescente e due gemellini terribili. Persone diverse, ma con una cosa, anzi un luogo, in comune: la palazzina liberty in cui vivono, in una cittadina di mare. Lì prendono vita e si snodano le loro storie, i personaggi si annodano, i sentimenti si chiariscono e ci accompagnano con gustosa ironia alla soluzione dell’enigma. Che era partito da un semplice ciondolo. A forma di ramarro…

Valeria Corciolani (nella foto a destra) osserva: “Questo è il mio secondo libro, anche lui nato abbastanza per caso. Chiavari è raccontata in maniera molto forte e intensa, e fa da contrappunto agli umori e anche alla vita delle persone che si srotolano in questo mio lavoro. Ci sono molti personaggi diversi tra di loro, ma legati tutti quanti da un unico filo conduttore, che si scoprirà alla fine”.

Gli attori impegnati nel teaser sono Nerio Bergesio, Aldo Burani, Miro Gatti e ‘Lillo’ Stanig, oltre a Michela Resi e Roberta De Martini, ma molti altri saranno selezionati.

Se il film in ‘salsa’ chiavarese è il progetto principale che vede attualmente impegnata Cima Prod, a Venezia vi è l’occasione di parlare anche del prossimo lavoro di Oreste De Fornari, di un format basato su alcune leggende friulane e di una serie tv con protagonisti gli scrittori liguri, pure questa ambientata nella nostra regione.

“Incontri interessanti – proseguono Bergesio e Marini – con Marco Pollini, già ospite a Chiavari della nostra rassegna estiva con il suo film ‘Le badanti’ e distributore della colonna sonora di ‘Uargh’, primo lungometraggio prodotto da Lamaca Gioconda; con Mario Sesti e Sabina Ambrogi, che a Venezia hanno portato il loro lavoro ‘Mondo Sexy’, nell’ambito delle Giornate degli Autori; Nicolò Metti del Circuito Land (Local Audiovisual Network & Development), con il quale avremo degli impegni futuri nel 2020”.

Intanto i primi sopralluoghi chiavaresi sono iniziati. Dove? Naturalmente dalla ‘mitica’ panchina di piazza Mazzini, il centro ‘nevralgico’ della vieillesse cittadina. Ci sarà da ridere…

IL TEASER DE ‘IL MORSO DEL RAMARRO’

5 Settembre 2019
RECENT COMMENTS
FlICKR GALLERY
THEMEVAN

We are addicted to WordPress development and provide Easy to using & Shine Looking themes selling on ThemeForest.

Tel : (000) 456-7890
Email : mail@CompanyName.com
Address : NO 86 XX ROAD, XCITY, XCOUNTRY.