Levante Team Arinox, una seconda giovinezza
Running, Sport

Levante Team Arinox, una seconda giovinezza

di DANILO SANGUINETI

L’arte di arrangiarsi, innata per chi si aggira tra gli italici lidi, nell’anno di grazia 2019 segna un picco nel Tigullio: la tenacia sagace di un pugno di dirigenti e una pattuglia di atleti certifica che anche con pochi mezzi e pochi santi in paradiso si riesce a trovare una via non solo per sopravvivere, addirittura per progredire.
Debutta l’Atletica Levante Team Arinox, società di atletica leggera che divide il suo impegno e i suoi sforzi tra Cogorno e Sestri Levante, tenendo viva la fiammella della regina degli sport, l’atletica leggera.

Il club nasce come Atletica Entella, poi Entella Running, avvinto alla pista che girava attorno al rettangolo verde del Comunale di Chiavari, sua culla e sua casa sino al 2013, quando la società è forzata all’emigrazione dalla necessità di mettere mani allo stadio. L’irresistibile ascesa della Virtus Entella nel calcio professionistico comporta lavori di ampliamento, progetto complicato dalla mancanza di spazi alternativi subito disponibili e per il football e per l’atletica.
Connessione che si tramuta in scontro tra interessi contrapposti, probabilmente inevitabile; matematico che il partner più debole vada incontro alle difficoltà maggiori. La prima proposta delle autorità per uno spazio alternativo non può essere accolta. Il parcheggio accanto alla Gradinata Nord è spazio troppo angusto. L’Entella Running rischia l’emarginazione. La evita ma a prezzo di scelte dolorose.

Il capo dei corridori, il presidente Luciano Raggi, guarda a quanto accaduto con rassegnazione anche se un’ombra di sdegno si può cogliere nella sua voce quando racconta: “La sparizione dell’unico club di atletica leggera nel Levante per noi era una calamità che doveva e poteva essere evitata con un pizzico di lungimiranza”. Non ci sono arrivate le amministrazioni chiavaresi, provvedono gli stessi atleti e dirigenti, sportivi che le maniche non se le rimboccano solo quando c’è da correre.
Emigrano senza perdersi in ulteriori discussioni. “L’accoglienza e la disponibilità che il comune di Cogorno e le società del posto ci riservarono è stata superba. In località San Martino, vicino al nuovo campo di calcio, individuiamo un sito dove prepariamo il terreno e lo ‘gommiamo’. Nasce una pista, a dirla tutta un ‘pistino’ da 140 metri di sviluppo, non il massimo per i grandi, perfetto per i piccoli. Da lì ripartiamo, sono anni di grande fatica, ma poco a poco torniamo a crescere”.

La storia ha un capitolo nuovo e importante ad inizio 2018. “L’amministrazione Ghio inaugura il Parco Mandela. Ci conosce perché abbiamo organizzato diversi eventi tra i quali la già famosa ‘Andersen Run’ nel territorio del Comune di Sestri Levante. Ci vogliono pochi incontri perché decida di affidarci la gestione della nuova pista in sintetico che ha costruito dentro il Parco Mandela: un anello di 200 metri di sviluppo, con rettilineo da 110 metri. Gommato alla perfezione, un sintetico di ultima generazione, un salto nel futuro per noi che sino a quel momento dovevamo arrangiarci con materiale di recupero”.

E con la gestione della pista arriva il secondo evento fortunato. “Conosciamo il cavalier Giovanni Arvedi, proprietario dell’Arinox, l’industria siderurgica che ha contribuito alla creazione del Parco cedendo parte dei terreni di sua proprietà. Ci rivela che la sua famiglia oltre a possedere la Cremonese nella città lombarda ha anche un club di atletica. Vuole dare una mano anche a noi, una sponsorizzazione che accettiamo. Inutile girarci intorno: una vera manna dal cielo”.
Il presidente e i soci si sentono in dovere di sdebitarsi in qualche modo: “Abbiamo deciso di mutare la ragione sociale in Levante Running Team Arinox. I nostri 90 tesserati, che vanno dai 6 agli…. anta anni di età porteranno sulle maglie e sulle divise sociali il marchio Arinox. E’ il minimo che potessimo fare”.
Colpisce che una società che esce da una traversata così irta di pericoli possa vantare un tale gruppo di atleti. Raggi svela il mistero…che non esiste. “C’è molto spazio per l’atletica, e attenzione non sto parlando solo di runner fatti e formati. Abbiamo mantenuto la nostra base di Cogorno, sulla pista di San Martino facciamo lavorare i più giovani, dai 6 ai 12 anni di età, che debbono soprattutto svolgere allenamenti propedeutici, sviluppare le loro capacità. Poi passeranno alla pista di Sestri Levante. Contiamo da qui a pochi mesi di avere la omologazione del circuito da parte della Fidal, subito dopo il Mandela ospiterà gare a livello regionale e nazionale per le categorie giovanili”.

Levante Arinox vede più chiaro nel suo futuro: “Possiamo dire che per il club vive una seconda giovinezza. Tra Genova e Spezia gli unici posti dove si può correre in parco chiuso su distanze e terreni uniformi sono da noi. Tornare a Chiavari? L’attuale amministrazione ci aveva interpellato sul progetto Ri Alto, nel restyling della zona era previsto anche un percorso per l’atletica. Sarebbe stata una pista ‘aperta’, adatta a fare jogging, non certo per il running. Abbiamo concordato con sindaco e assessori che sarebbe stato un inutile spreco. Apprezziamo comunque l’interessamento, non è detto che in futuro in altri spazi non possa uscire qualcosa di interessante. Nel frattempo ci concentriamo su Sestri e Cogorno e collaboriamo con Marina Sporting Lavagna: stiamo ottenendo eccellenti risposte dai più piccoli, anche le famiglie sono più che soddisfatte, hanno compreso che l’atletica leggera è uno sport completo, totale, soprattutto non di squadra, dove ci si può cimentare con i loro limiti. Niente selezioni, niente riserve, si parte alla pari e si arriva, prima o poi, tutti”.
Atletica leggera, lo sport democratico nel vero senso dell’aggettivo.

3 Gennaio 2019
RECENT COMMENTS
FlICKR GALLERY
THEMEVAN

We are addicted to WordPress development and provide Easy to using & Shine Looking themes selling on ThemeForest.

Tel : (000) 456-7890
Email : mail@CompanyName.com
Address : NO 86 XX ROAD, XCITY, XCOUNTRY.